Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556449014 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2022

La forza della lettura al Liceo Lombardo Radice con Libriamoci
di a-oliva
838 letture

Quando l’arte porta lontano: primo premio, premio del presidente della giuria e menzione d’onore per il Convitto Cutelli al Premio Enrico Bonino
di a-oliva
728 letture

LA SCUOLA COME LA VORREI. Il Ministro Valditara interroga i presidi
di a-oliva
521 letture

La scuola fuori… non come prima di Lorenzo Bordonaro e Teresa Garaffo
di a-oliva
462 letture

Ma il Merito non era di sinistra?
di a-oliva
453 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·La negoziazione assistita
·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Adler e la Psicologia Individuale nella scuola.

Redazione
“Acheronta movebo” – smuoverò l’inferno – così scriveva S. Freud all’inizio della sua opera L’interpretazione dei sogni; un testo destinato a  rivoluzionare lo studio dei fenomeni psichici dell’uomo e pertanto a scontrarsi con l’impatto di una realtà ostile, refrattaria a qualsiasi cambiamento, come spesso succede quando le idee troppo innovative devono fare i conti con “l’attrito”  rappresentato dalla resistenza a ciò che in qualche modo sovverte conoscenze precostituite e cristallizzate. E’ un po’ quel che succede per i fenomeni secondo quel noto principio fisico, il principio d’inerzia.
 Alfred Adler fu uno dei primi  seguaci di Sigmund Freud ma i profondi dissensi teorici lo portarono all’allontanamento dal maestro ed alla creazione di una Società di Psicologia Individuale.
Come docenti ed educatori la conoscenza dei principi stabiliti dalla sua opera “Psicologia Individuale nella scuola” è quantomeno utile e necessaria .
. In quest’opera si evincono, inoltre, tali e tanti spunti che possono fuor d’ogni dubbio essere indispensabili, specie in quelle realtà dove il problema degli alunni”difficili” tocca da vicino ogni insegnante.
Per Adler  è fondamentale che ogni scuola diventi un centro propulsore di educazione in cui non si impartiscano solo nozioni culturali ma si provveda a fornire agli alunni un’educazione che integri e sia in grado anche di riparare gli eventuali errori educativi delle famiglie. E’ certamente difficile; ma gettare la spugna, comunque, è sempre una rinuncia che si paga a caro prezzo e che si ripercuote sugli stessi docenti.
Per questo motivo Adler avverte la necessità di un addestramento profondo ed intensivo degli insegnanti nonché  di una loro accuratissima selezione.
Il principio di base che portò Adler al distacco da Freud  è infatti l’affermazione secondo cui lo scopo di ogni individuo non è da ricercare nel principio del piacere enunciato dal padre della psicoanalisi, bensì nello scopo di realizzazione del proprio essere verso cui tende ogni essere umano.
I ragazzi “difficili” o disadattati per Adler, quindi,sono fondamentalmente “scoraggiati” dinanzi al fallimento dello scopo precipuo di affermazione verso cui si tende.
Il piano educativo individualizzato deve quindi partire sempre da questa consapevolezza; inoltre, deve essere compreso e condiviso dallo stesso soggetto e dalla famiglia.
Adler afferma testualmente che solo la conoscenza profonda della Psicologia Individuale, di un suo studio accurato e continuo, può trasformare un qualunque insegnante in educatore. L’educatore, infatti, è cosciente del fatto che la prima vera rivoluzione copernicana inizia da se stessi; non si cambia il mondo se il primo passo non è quello atto a cominciare a conoscere e migliorare se stessi.
Nella sua opera  egli analizza diversi casi di insuccessi scolastici; alunni che appaiono demotivati, o le cui difficoltà sociali o cognitive li mettono continuamente dinanzi a degli insuccessi.
I fallimenti , infatti, pongono sempre l’individuo in uno stato che peggiora il senso d’inferiorità, sebbene per pochi individui vengano vissuti come vere e proprie sfide che anzi potenziano ed accrescono la determinazione; ma si tratta quasi sempre di casi  di persone già abituate ad un certo, duro, lavoro di affinamento interiore, piuttosto raro. Un caso fra tutti, “letterario” , quello di Vittorio Alfieri. Ma nella maggioranza dei casi l’insuccesso genera un senso di impotenza.
Il binomio inferiorità-superiorità è il cardine della Psicologia Individuale; esso può oscillare da una parte o dall’altra a secondo del ruolo che il ragazzo occupa, per esempio, nella famiglia e che tende a riportare anche nel contesto scolastico; ad esempio nei rapporti con i fratelli minori o maggiori.
L’antico quanto riprovevole metodo educativo che vede nell’umiliazione uno stimolo a far meglio in realtà non fa altro che peggiorare in modo esponenziale la situazione. Come del resto anche la proposta di mete troppo ambiziose non calibrate alle effettive capacità presenti non fanno che creare i presupposti di ulteriori frustrazioni. Spesso la risposta a tali mezzi educativi errati è la distrazione. E c’è una ragione da cui scaturisce incosciemente tale risposta istintiva di difesa nell’alunno: meglio passare per svogliato, per distratto, che per incapace. In realtà, il ribadire “ è intelligente ma non studia e per questo non riesce” non fa altro che convalidare tale mezzo di difesa, rafforzarlo, rinchiuderne l’alunno in un circolo chiuso da cui non ne esce più.
La risposta adeguata, invece, richiede lo smascheramento di questo istintivo alibi difensivo, ( in psicoanalisi si parla infatti di “resistenze” e la loro risoluzione come abreazione delle stesse) il che, ovviamente non significa confermargli che sia un incapace ( nessuno è mai del tutto incapace in tutto…)ma aiutarlo a riconoscere le difficoltà, commisurarle alle sue potenzialità ed alle sue aspettative sulla vita, sul futuro.
E’ quindi necessaria la realizzazione di un progetto operativo che deve tener conto dell’aspetto olistico, globale ed irripetibile di ogni personalità, adattato a ciò che essa intenda esprimere, da mediare anche attraverso una spiegazione diretta delle cause del suo comportamento che lo coinvolga come “risanatore” di se stesso, attraverso la coscienza  ed il significato dei suoi atti.
Per spiegazione non si deve mai intendere “la solita predica” o  un rimprovero, ma deve essere chiara la sincera volontà di fornire un aiuto,  aiuto di cui è richiesta anche la sua partecipe collaborazione.


Tecla Squillaci
stairwayto_heaven@libero.it









Postato il Martedì, 18 gennaio 2011 ore 22:58:57 CET di Tecla Squillaci
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi