Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484076756 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4461 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1882 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1492 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1287 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
993 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Personale docente scuola II Grado - Mobilità a.s. 2019/2020 - Modifiche movimenti
·Personale ATA - Mobilità a.s. 2019/2020 - Movimenti
·Personale Docente - Disponibilità posti dopo i movimenti a.s. 2019/2020
·Mobilità a.s. 2019/2020 - Personale ATA - Disponibilità posti prima dei movimenti
·Movimenti provincia di Catania - tutti gli ordini di scuola


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: Terra amara, piena di fiori, rose e tante spine.

Istituzioni Scolastiche

 «Non c'è parola ppi putiri diri di li biddizzi tò, terra d'amuri./ Sulu vinennu cca si pò capiri/ quanti cchiù granni sù li tò tisori». Ciò che scrive Attilio Tomaselli, nel suo libretto "Jorna Pirduti", è il pensiero comune a tutti quei catanesi che amavano e continuano ad amare Catania. Catania è la «Milano del Sud». È vero. È una città caotica, è molto estesa, ci vivono tantissime persone di nazionalità diverse, è la città dell'arte e dell'amore (forse), e, sebbene abbia alcuni aspetti negativi, che la impoveriscono e la deformano, essenzialmente ci si sente sempre legati, anche se andiamo a vivere in una «moderna» città del Nord. È strano il legame che può esistere, non solo con Catania, ma con tutta la Sicilia. Anche chi non abita a Catania, si «affeziona» (se così si può dire) a quegli ambienti tipicamente siciliani/catanesi. E possiamo disprezzarla quanto vogliamo, pensando all'esistenza della mafia, all'ingiustizia, alla gente che ti sorpassa per strada a destra, e a tanti altri motivi, ma la «sicilianità» rimane sempre in noi. Come non rimanere affascinati alla vista del Duomo di Catania, che si erge imponente sull'omonima piazza, con il tipico «Liotru» catanese? Penso che vederlo e ascoltare la storia di quel monumento rapisca l'attenzione di chiunque voglia conoscere Catania come  anche capire la festa della Patrona, a cui i fedeli sono sentitamente legati (alcuni forse un po’ troppo). Entrando nella chiesa la maestosità è ciò che colpisce l'occhio, scrutatore di particolari che non possono essere tutti colti, perché sono infiniti. Una sosta è d'obbligo presso la modesta ma incantevole tomba di Vincenzo Bellini, originalmente decorata con le prime battute dello spartito dell'aria de "La sonnambula". «Ah! non credea mirarti / Sì presto estinto, o fiore » sono le parole iniziali dell'opera così sublime che il Bellini compose e che rimangono impresse nella memoria di chi adora questo genere di musica. Ma Catania non è soltanto barocca, poiché la Sicilia da sempre è stata terra di conquista e, sebbene oggi non sia valorizzata come si dovrebbe, le bellezze naturali e architettoniche sono il frutto dolce (ma con un sottofondo di amaro) di anni trascorsi sotto dominazioni di origine diversa. È per questo che se un giorno volessimo trascorrere una giornata in giro per la città, potremmo passare con facilità dalle imponenti chiese che si stagliano in via dei Crociferi, al Teatro Greco-Romano, su cui si innalzano erroneamente costruzioni di stampo moderno. E proprio facendo visita alla casa Liberti, sopra il teatro, capiamo come vivevano le famiglie dell'Ottocento e la presenza di tutti quegli affreschi così sontuosi e deliziosi ha bloccato la demolizione della casa, che come tutte le altre doveva essere rimossa. Lo spettacolo dal balcone di questa casa è alquanto singolare, poiché si nota che la cavea è quasi inglobata dentro la rete fittissima della città e i palazzi sembrano circondarla e appartenere ad essa. Poteva contenere moltissimi spettatori e lo spettacolo doveva essere sicuramente proiettato su una scena più naturale e non ricoperta di edifici, come si presenta oggi. Cercando su internet, in uno dei tanti siti che parlano di questo teatro a Catania, mi ha colpito il fatto che viene scritto: «Il teatro si trova non in buone condizioni di conservazione ed è contornato da costruzioni che ne riducono la fruibilità». Il problema degli edifici è ovviamente giustificabile, visto che il Comune non può distruggere tutte le case circostanti, poiché in passato si è commesso l'errore di non preservare il teatro, ma la definizione «non in buone condizioni» purtroppo è veritiera. Visitando il teatro non si notano cartelli esplicativi e, per come è mantenuto, sembra quasi abbandonato. Ovviamente tutto ciò non svaluta la bellezza di quest'opera greco-romana, ma svaluta un po’ la città. È riconosciuto ovviamente l'impegno, ma si può sempre migliorare.

Continuando la passeggiata, e continuando con il periodo greco-romano, si potrebbe visitare l'anfiteatro romano, su cui incombe una leggenda che da sempre incanta chi l'ascolta. Una scolaresca si perdette negli scavi e non ne uscì mai più fuori. Sarà vero o sarà falso, intanto l'anfiteatro rimane lo stesso una meta per coloro che amano rivedere pezzi di storia immersi nella modernità attuale. Infatti il “nostro Colosseo” è immerso in piazza Stesicoro e ogni mattina tantissime persone passano senza accorgersene, ormai per abitudine, accanto a ciò che doveva essere una struttura con pianta ellittica, circondata una volta dalla lava, ma non distrutta, e portata alla luce grazie alle insistenze del principe di Biscari.

Infine, sebbene ci siano molti altri luoghi interessanti da visitare, in questi mesi nella città è stata allestita una mostra d'arte sulla vita e sulle opere del grande Modigliani. Ad un prezzo molto accessibile, dentro il Castello Ursino si trovano alcune opere del Maestro, tra cui un disegno inedito di Sant'Agata. La mostra presenta anche opere di artisti come Picasso. La vita dell'artista rapisce già l'attenzione del visitatore e conferma la grande teoria che i più grandi artisti sono coloro che si allontanano dalla realtà, presentando all'osservatore il mondo secondo il loro occhi. I suoi ritratti possono all'apparenza sembrare un po’ irreali, ma con attenta analisi essi rispecchiano il «ritratto dell'anima» (questo è il titolo della mostra). Gli occhi e le loro sfumature trasmettono quel mondo che egli vedeva ed è per questo che le sue opere possono definirsi particolari. La mostra è ben organizzata e consiglierei a chiunque di visitarla. Eventi di questo genere dovrebbero essere organizzati più spesso, perché valorizzano molto la città.

Infine ritengo che per questi, ma anche per molti altri motivi, non si debba considerare Catania negativamente, perché con le sue tradizioni, con la sua vitalità, con il suo buon cibo, con il suo sole, con l'Etna e con il mare, è perfetta così com'è (o quasi).

 

Cristina Magrì

II classico del Liceo Salesiano “Don Bosco” di Catania

 

 

 

 

 

 

 

 

 









Postato il Lunedì, 10 gennaio 2011 ore 20:31:29 CET di Marco Pappalardo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Istituzioni Scolastiche

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi