Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556448526 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2022

La forza della lettura al Liceo Lombardo Radice con Libriamoci
di a-oliva
836 letture

Quando l’arte porta lontano: primo premio, premio del presidente della giuria e menzione d’onore per il Convitto Cutelli al Premio Enrico Bonino
di a-oliva
728 letture

LA SCUOLA COME LA VORREI. Il Ministro Valditara interroga i presidi
di a-oliva
521 letture

La scuola fuori… non come prima di Lorenzo Bordonaro e Teresa Garaffo
di a-oliva
462 letture

Ma il Merito non era di sinistra?
di a-oliva
453 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni
Istituzioni

·Politiche sociali, la Regione eroga oltre 7 milioni ai Comuni per i disabili psichici
·Elezioni comunali, anche in Sicilia il via allo scrutinio lunedì 13 giugno dalle 14
·Rinnovo delle RSU. Elezioni del 5, 6 e 7 aprile 2022. Chiarimenti circa lo svolgimento delle elezioni
·Aeroporto di Trapani, Musumeci: «Ryanair raddoppia le rotte»
·Concorso potenziamento dei Centri per l’Impiego della Sicilia


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: Perchè non affidare ai dirigenti scolastici la scelta dei docenti?

Redazione
Se per un verso è vero che si può discutere sulla proposta di eleggere il preside direttamente da parte del Collegio dei docenti, nel contempo è proponibile un’altra idea correlata benchè possa  sembrare antitetica, ma sulla quale vale comunque la pena di riflettere: perché non dare ai dirigenti la possibilità di scegliere i docenti nella scuola che dirigono? Abbiamo già ribadito che la funzione di dirigente scolastico  dal 1993 sia stata equiparata a quella di datore di lavoro, tuttavia, è sempre rimasta ad un livello di atipicità giuridica, una funzione datoriale, cioè, più virtuale che effettiva.
Per i dirigenti scolastici, infatti, la possibilità di assunzione diretta dei lavoratori ( sancita dall’art. 4 bis d.lgs 181/2000) non vale, se non in termini di  assunzioni con incarichi a tempo determinato e  sulla scorta di una rigida graduatoria.
La regola sancita dall’articolo succitato si applica alla totalità dei lavoratori per qualsiasi tipologia di lavoro ma per i dirigenti scolastici è rimasta ad un livello embrionale; il che costituisce il nodo gordiano dell’anomalia dello status giuridico della dirigenza scolastica, nodo che riteniamo auspicabile debba proficuamente sciogliersi.
Infatti, riteniamo, al di là di ogni retorica, demagogia e pregiudizio, che la scelta diretta dei docenti da parte del dirigente rispecchi un principio di equità e valorizzazione completa delle risorse professionali, al di là di graduatorie che possono indicare tanto ma anche… nulla e, in certi casi, sono il pretesto per adagiarsi definitivamente sul già conseguito per tutto il resto della carriera.
 Tutti sappiamo quanto sia importante l’empatia in un contesto lavorativo. Se esiste un’affinità di pensiero e di vedute ciò può solo andare a vantaggio della scuola. Inoltre, il dirigente ( chi meglio di lui?) ha il polso della situazione e conosce quali siano le risorse umane più adatte alla scuola che dirige.
Non crediamo che ciò possa compromettere i diritti dei docenti: è nell’interesse di tutti lavorare in armonia e con chi ci dia fiducia e non indifferenza. L’indifferenza non piace a nessuno.
Riguardo alla constatazione che qualcuno ha sollevato che in alcune scuole si creano delle vere e proprie camarille dove “il pane “ viene condito con  “l’olio del preside” vorremmo far rilevare che in alcune scuole il pane se lo condiscono… gli stessi docenti, da soli. Può accadere, e verosimilmente… accade, che ci siano dei veri e propri “clan” di docenti, sempre gli stessi, con incarichi, funzioni strumentali ed altro blindati, senza nessuna possibilità di ricambio, per una sorta di prelazione feudale, e spesso all’insaputa del dirigente.
A questo punto varrebbe la pena chiedersi “quale” tra i due preziosi condimenti sia il  più saporito e meno insipiente!
A parte l’ironia,crediamo seriamente che il dirigente , in quanto tale, debba creare un clima di lavoro quanto più possibile favorevole, ne è il garante, di conseguenza deve essergli garantita parimente la possibilità si scegliere nel modo più opportuno al di là di vincoli residuali di una concezione ormai arcaica della scuola e che ne impediscono, spesso, il pieno funzionamento.

Ciò che dice Polibio sui collegi dei docenti è bello ed è giusto ma è pura utopia, non tiene conto della realtà oggettiva , perché  essi non rientrano nel quadretto idilliaco che ne viene dato. Spesso, anzi,sono un coacervo di invidie, pettegolezzi e lotte intestine per pochi spiccioli o rosi dal rancore verso chi “osa” elevarsi un solo millimetro da una comune mediocrità senza, fra l’altro,  dimostrare di saper fare altrettanto o meglio ma solo per il gusto di  gettare fango e odio. Spesso le “cordate” che vengono addotte ai presidi sono create dagli stessi docenti per meglio realizzare le loro convenienze,  sempre pronti a gettare il sasso tranne poi a nascondersi per timore e scaricare la colpa a qualcun altro, sempre pronti a lamentarsi nell’attesa che qualcun altro si esponga al posto loro. E’ vero che molti dirigenti hanno tanti difetti, tutti ne abbiamo, ma per esperienza sappiamo anche che questi stessi difetti sono anche peggiori, anzi proprio amplificati in chi si trova e vive una condizione di subalternità, amplificati cioè dalla frustrazione e da una congenita mancanza di spina dorsale, laddove spesso nei dirigenti, invece, si possono ritrovare magnanimità e saggezza, specie in coloro che hanno più esperienza.
 E allora, a questo punto, meglio dare piene facoltà  al dirigente; di assumere e scegliere i propri docenti, meglio che gli si riconoscano pienamente i poteri, a partire da quelle appendici residuali di gravame burocratico che sono gli USR, meglio un atto di determinazione, un gesto “virile” di affermazione di un ruolo che lo Stato riconosce  loro ma solo a parole, meglio così, soprattutto, se almeno questo possa una volta per tutte scuotere dal torpore, da quell’aria di afflitto e perenne vittimismo la categoria dei docenti,  che rimangono arroccati su posizioni insostenibili perché non riescono poi a far seguire gli atti alle loro aspirazioni, che rifiutano ogni valutazione sul loro lavoro ma solo per continuare a fare sempre le stesse cose, magari il solito dettato e copiato tutti i sacrosanti giorni dell’anno scolastico…
Il modello tedesco, sull’eleggibilità dei  presidi non andrebbe bene in Italia, per il semplice motivo che gli italiani non siamo tedeschi; questi ultimi, forse hanno maggiore senso della collettività, mentre in  Italia, specie al Sud, c’è una corsa sfrenata all’individualismo, non alla valorizzazione della persona, ma alla convenienza personale e non vedere questo significa vivere nel mondo dei sogni. Il dirigente deve dirigere, che non è una tautologia ma l’indicazione di qualcuno che tenga sotto controllo la situazione, usando il classico pugno di ferro  in guanto di velluto. Purtroppo non tutti hanno la “stoffa” per dirigere, ma questo è un altro discorso. Infatti , riteniamo essenziale la valutazione del profilo psicologico di chi si candida a dirigere, forse più di qualunque altro connotato. Per il resto, possiamo dire che si, forse esistono dirigenti neghittosi e incompetenti ma esistono anche dirigenti che hanno delle belle gatte da pelare per portar avanti la baracca… specie verso quelle RSU che si trasformano in franchi tiratori, usati da certi sindacati come arieti di combattimento, non tanto perché paladini di chissà quali alti ideali ma spesso per ricattare i dirigenti e farsi “comprare” a caro prezzo.

Meglio sarebbe così, infine, se servisse almeno a far capire ai docenti che è giunto il momento di rimboccarsi le maniche e di dimostrare finalmente  di essere ciò che dicono di valere. Altrimenti…a mali estremi, estremi rimedi.


Tecla Squillaci
stairwayto_heaven@libero.it








Postato il Sabato, 01 gennaio 2011 ore 19:37:14 CET di Tecla Squillaci
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 2.92
Voti: 14


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi