Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483686047 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4263 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1425 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
821 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
740 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
642 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Scuola estiva di giornalismo Diregiovani a Catania
·Alla ricerca della lettera “c” Corso di formazione con il Robot per i docenti dell’Istituto S. M. della Mercede di Sant’Agata li Battiati
·Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
·Bando selezione esperti madrelingua FSE/PON - ICS San Domenico Savio - San Gregorio di Catania
·A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: O la borsa o la vita

Redazione

“A Natale tutti sono buoni” – disse la mendicante allungando la mano.

“Per fortuna” – rispose l’uomo e tirò dritto, pensando che sarebbe stato il colmo per un ladro fare l’elemosina. Per fortuna c’è il Natale, così tutti sono più buoni e comprano regali e li raccolgono nelle case. E lui svaligia le case.
Natale è il periodo in cui si lavora meglio. È più rischioso, ma il bottino è più ricco.
Avrebbe cominciato quella sera, l’antivigilia di Natale. Passava per le case già pronte per la festa e faceva piazza pulita: un Babbo Natale al contrario.
Si vestì come si conviene a un ladro esperto e si diresse verso la prima casa da svaligiare, nel cuore della notte. Vi abitava un bambino che, all’insaputa dei genitori, nei giorni precedenti al Natale si alzava tutte le notti, e si accoccolava sotto il presepe, perché voleva vedere chi portava i regali. Puntualmente si addormentava per risvegliarsi prima dell’alba e tornarsene a letto. Senza fare un rumore o dire una parola: dei due avrebbe potuto provocare solo il primo, perché era muto.

Il ladro armeggiò attorno alla serratura e la fece scattare in meno di tre minuti. Non c’erano serrature che non conoscesse, se non quella del cuore di Ines, che non era riuscito a scassinare. Lei lo aveva lasciato qualche settimana prima, perché doveva scegliere: o lei o la borsa (di altri). Lui non voleva trovare un lavoro e diventare uno che va a lavoro tutti i giorni. Così aveva preferito la borsa. In fondo quella vita gli piaceva e l’amore non era poi così indispensabile come si diceva in giro.
Entrò nel buio e a tastoni si diresse alla ricerca del tesoro. Aprì cassetti e stipi ma non trovò nulla. Rimanevano i regali. Entrò in soggiorno dove un albero di natale macchiava le pareti di colori intermittenti. Sulla destra un presepe muto e silenzioso, nel quale una lampadina illuminava il sughero, il muschio, il muso di un asino e il profilo di una ragazza.
Davanti al presepe, come se fosse scappato dalla culla di paglia, dormiva acciambellato un bambino, che non appena sentì il passo pur silenzioso del ladro aprì gli occhi, scuotendosi rapidamente dal dormiveglia di chi è in attesa.

Si trovò faccia a faccia con l’uomo.
Il ladro portò l’indice davanti alla bocca per intimargli di fare silenzio e il bambino sorrise, sfregando le dita delle mani davanti alla bocca, come fanno i bambini quando la gioia si concentra sulla dita, perché gli occhi non bastano a contenerla.
Il ladro lo fissò, incerto sul da farsi. Gli sorrise di rimando per fargli capire che quello era l’atteggiamento giusto. Il bambino aspettava che l’uomo spargesse i regali, ma l’uomo non aveva nulla. Il volto del bambino allora si fece serio: si sentiva in colpa, perché l’uomo non aveva regali per lui e voleva chiedergli scusa, ma non aveva le parole.
Il ladro, osservato nella penombra il repentino mutamento, temeva che il bambino cominciasse a piangere e chiamasse i genitori. Allora gli poggiò la mano sulla bocca e lo prese. Il bambino si lasciò sollevare senza resistenza, pensando che l’uomo avesse una sorpresa per lui. Il ladro lo strinse a sé e così com’era, in pigiama, lo portò via.

Il freddo della notte penetrò tra le pieghe del pigiama e il bambino teneva gli occhi chiusi in attesa della sorpresa e si stringeva all’uomo per sentire il calore dell’uomo. Chissà quali mondi di vetro e di ghiaccio stavano attraversando per raggiungere il caldo paese dei regali. Il ladro stringeva il bambino e ne sentiva le ossa e le braccia attorno al suo collo, come faceva lui con suo padre, nel tempo che era stato bambino…
Quando entrò in casa fece sedere il bambino, che teneva gli occhi chiusi premendovi sopra le mani, quasi che gli occhi potessero scappare come ladri e aspettava il momento giusto per aprirli. Quando lo fece si trovò in una stanza piena di refurtiva: televisori, telefoni, giochi, collane, vestiti, dolci…
Il sorriso gli investì non solo il viso, ma tutto il corpo. Guardava il ladro estasiato. Quello era il paese dei regali.
Il ladro, che doveva decidere perché avesse rapito il bambino, lo guardava e soppesava le possibilità: chiedere un riscatto, venderlo…
Il bambino scese dalla sedia e si avvicinò ad un enorme scatola colorata di costruzioni e la indicò all’uomo. Amava trascorrere intere giornate a costruire castelli, città, navi…
“Che vuoi?” – chiese l’uomo stizzito da quella notte sfortunata.
Il bambino puntò l’indice verso la scatola e rise, annuendo con la testa.
L’uomo lo guardava e si chiedeva se fosse tonto.
Nessuno lo avrebbe comprato un bambino tonto. Il riscatto gli sembrò una soluzione migliore.
Il bambino intanto si era avvicinato ad una foto, in cui c’era un uomo abbracciato ad una donna in riva al mare e i due erano felici. Indicò la foto e poi indicò l’uomo. Anche questa volta sorrise. Prese la foto e la mostrò al ladro, che fissò il volto di Ines abbracciata a lui, qualche settimana prima che Ines lo lasciasse, rubandogli cuore e felicità in un furto solo: una professionista.
Il bambino regalò la foto all’uomo e non si sentiva più in colpa.
“Tu sei proprio scemo” – disse l’uomo.

La mattina la mamma entrò nella stanza e chiamò il bambino con un sussurro: “Emanuele…”

Il bambino balzò giù dal letto come una molla compressa, improvvisamente liberata, e si diresse spedito nel soggiorno. Tra l’albero e il presepe c’era un enorme scatola di costruzioni. Il bambino sorrise e abbracciò la mamma, che non riusciva a spiegarsi da dove saltasse fuori quella scatola il giorno della vigilia di Natale.
Il bambino muto la costrinse a chinarsi e le diede un bacio. La mamma sentì la pelle del bambino e i lineamenti dei loro volti modellarsi secondo il disegno della felicità.

Ne era convinta: quel suo figlio così fragile, sfortunato e senza parole, sembrava capace di fare miracoli.

Alessandro D’Avenia

I luoghi dell’infinito – Dicembre 2010

 









Postato il Sabato, 01 gennaio 2011 ore 12:53:35 CET di Marco Pappalardo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi