Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556451312 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2022

La forza della lettura al Liceo Lombardo Radice con Libriamoci
di a-oliva
838 letture

Quando l’arte porta lontano: primo premio, premio del presidente della giuria e menzione d’onore per il Convitto Cutelli al Premio Enrico Bonino
di a-oliva
728 letture

LA SCUOLA COME LA VORREI. Il Ministro Valditara interroga i presidi
di a-oliva
521 letture

La scuola fuori… non come prima di Lorenzo Bordonaro e Teresa Garaffo
di a-oliva
462 letture

Ma il Merito non era di sinistra?
di a-oliva
453 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Scuola, Ministro Valditara: “Bene che gli studenti esprimano le loro idee, sempre pronto al dialogo nelle sedi istituzionali
·Scuola, lunedì 17 ottobre al via “ProGrammatica” dedicata al linguista Serianni
·Focus ''Principali dati della scuola - Avvio anno scolastico 2022/2023''
·Scuola, il 12 settembre al via le lezioni in 6 Regioni e nella Provincia di Trento. Disponibili i primi dati statistici sul nuovo anno scolastico
·Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra, dodici medaglie per le studentesse e gli studenti della squadra italiana


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Iniziare dal canto XXXIII del Paradiso l'esplorazione dell'opera di Dante .

Redazione
Il canto XXXIII del Paradiso rappresenta il coronamento ed il fulcro centrale di tutta la Divina Commedia; per questo motivo crediamo che debba iniziare, e non concludere lo studio dell’opera dantesca , come comunemente invece si fa a scuola, cosa che conferma il nostro convincimento che dentro le aule  si faccia più didascalia che vero insegnamento, più reiterazione di luoghi comuni e nozioni che vera didattica.
 Per capire Dante non bastano le guide didattiche né i commenti altrui. Non si può capirlo perseverando a pensare il pensiero degli altri perché per comprendere Dante bisogna rendersi simile a lui , per il principio di natura secondo cui il simile conosce il simile.
 Occorre innalzarsi alle sue altezze, all’altezza della “luce” che getta sulla natura umana la  sua poesia che è opera “luminosa”  dall’etimologia arcaica di “divina” ( dal sanscrito div = luminoso) anche se Dante chiamò la sua opera semplicemente “Comedia”, ma mai aggettivo fu attribuito posteriormente ad un’opera in modo più idoneo. E non esiste nessuna “luce “ che abbia una qualche valenza se posta solo al di là dell’esperienza umana. La Divina Commedia non narra né descrive luoghi metafisici ma stati esistenziali dell’uomo; l’inferno della malvagità e della grossolanità materialista, il purgatorio, il limbo , della mediocrità e della meschinità in mezzo alle quali spesso si è costretti a vivere, il paradiso della certezza della conquista della vera natura, illuminata, dell’essere umano.
Leggere Dante è una boccata di aria pura tra i miasmi di chi sia dibatte nell’oscurità di una vita dove tutto appare contingente e fine a se stesso.
Ecco perché  è bene iniziare… dalla fine lo studio dell’opera di Dante; perché è proprio in questo ultimo canto, canto del cigno, che si evidenziano tutte le premesse, le ragioni e le aspirazioni della sua grande opera. E’ la “visione” di Dio guadagnata attraverso il percorso simbolico dei vari stadi dell’essere che  gradualmente lo elevano da primordiali bassezze; la pietra dirozzata che rivela in sé il brillante.
Il XXXIII canto si apre con la nota preghiera di S. Bernardo alla Vergine.
 Quella di Bernardo è una figura complessa e  da approfondire sotto molti aspetti. E’ indubbio il suo legame con i Templari e l’intera opera dantesca è intrisa di templarismo:  in riferimenti simbolici e filosofici. Lo stesso emblema usato spesso da Dante, l’aquila, che per molti viene considerato il simbolo del guelfismo e dell’Impero, in realtà  è uno dei simboli che si riferiscono a S. Giovanni Evangelista, il cui culto era molto caro ai Templari nonché ai loro diretti eredi, cioè i Liberi Muratori che ancora oggi, infatti, giurano sul Vangelo di Giovanni.. Ed anche il “bianco manto” dei beati della mistica rosa richiama  il noto mantello dell’ordine templare.
 La prima terzina del canto si apre con l’invocazione alla Vergine. Ma  , nell’impianto tolemaico aristotelico della Commedia, non è solo la Madre di Gesù, secondo la lettura di primo livello del suo significato. E’, più che altro, la “vergine” matrice, la hylè aristotelica, il substrato di ogni cosa che fecondato dallo spirito divino porta alla luce un universo che in principio era solo in latenza.
 La mistica rosa dei beati, del resto, ha due significati: l’assemblea dei beati ma anche l’animo umano. Nessuno può infatti sbocciare nel pieno compimento della vita se non attraversando tutti gli stadi dell’evoluzione umana: i petali della mistica rosa.
Nella sua invocazione Bernardo prega la Vergine, attraverso cui tutto è possibile, affinchè venga concessa a Dante la contemplazione di Dio. Appare persino pleonastico ribadire come l’impossibilità ad esprimere con parole umane tale visione sia perché l’ineffabile è inesprimibile, ma anche per la particolare e soggettiva esperienza che  caratterizza ogni individuo nel suo percorso spirituale e che ben difficilmente può essere condiviso con altri per questa sua peculiare natura.

La religiosità che si evince dall’intero canto non è, inoltre, legata a parametri prettamente confessionali. Nonostante Dante adoperi  anche simboli, personaggi,  canoni tipici della Chiesa, in realtà la religiosità profusa nella sua opera è così imponente e vasta che non ammette limitazione alcuna.  Si può forse paragonare al grande manifesto di una Natura contemplata ,ammirata, nella sua profondità e complessità, che ha un Principio Ordinatore ma che, al di là di questo non si esplica in un preciso canone religioso. Del resto, ben sappiamo come molti popoli dell’antichità vennero considerati politeisti in modo errato mentre per molti di loro sarebbe stato molto più esatto parlare di enoteismo, ovvero di una credenza di un unico principio ma considerato nelle sue varie articolazioni e aspetti ( es. il culto solare di Aton per gli egizi ma anche molta parte dell’induismo).
 Rabindranath Tagore, in uno dei suoi magnifici versi espresse in modo encomiabile questo afflato : “voglio affondare  e affondare fino a perdermi nell’abisso insondabile della notte profonda, che la terra dischiuda  l’artiglio che ad essa mi lega e mi liberi dalla polvere che mi ostacola.”
La stessa comunione mistica con la natura e con la natura divina che è dentro l’uomo ma a volte gli è persino estranea, che troviamo anche in altri grandi poeti mistici come il persiano Rumì.
 Il verso finale del canto, “l’amore che move il sole e le altre stelle” è nuovamente un riferimento giovanneo : “ Dio è Amore” ( Giovanni, 4, 8).
 Vorremmo concludere ribadendo che in questo breve commento, che non ha velleità di essere esaustivo sull’argomento, non è stata consultata alcuna bibliografia; nella buona persuasione che il messaggio della poesia, della vera poesia, può essere trasmesso solo da “cuore a “cuore”.

Tecla Squillaci
stairwayto_heaven@libero.it








Postato il Lunedì, 27 dicembre 2010 ore 08:14:07 CET di Tecla Squillaci
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 4


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi