Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 504603807 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2020

Elogio della lettura, ovvero un libro ha il colore dell’estate
di a-battiato
1384 letture

ANCoDiS: un nuovo patto etico per la Scuola!
di a-oliva
1382 letture

Ricordo del Grande Ufficiale Luigi Maina che oggi avrebbe compiuto 90 anni
di a-oliva
1360 letture

Conclusione attività Centro Estivo Istituto “San Vincenzo”
di a-oliva
1359 letture

Ricordo di Remigio Tosoni
di a-oliva
498 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Andrea Oliva
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Logistica del rientro a scuola dopo il lockdown. Proposte per una scuola di qualità in tempo di Covid-19
·Elezioni amministrative, in Sicilia 62 Comuni al voto il 4 e 5 ottobre
·Caro-voli, Musumeci: 'Un biglietto unico per i collegamenti Alitalia'
·X Edizione Corso Online per Docenti per potenziare le Competenze Digitali
·Al via test sierologici COVID: la Croce Rossa impegnata nella campagna di campionamento volontario


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Personale ATA: L’Italia sfiduciata di Rosario Pesce

Rassegna stampa
Lo scorso 14 dicembre abbiamo avuto modo di osservare due volti ben diversi del nostro Paese: l’uno è quello rappresentato dai parlamentari, che hanno votato la fiducia al Governo Berlusconi, mantenendo in vita così un Esecutivo delegittimato a livello europeo ed internazionale; l’altro è rappresentato dagli studenti, liceali ed universitari, che sono scesi in piazza per contestare la Riforma Gelmini, che nei giorni successivi a quella data sarebbe stata, poi, approvata definitivamente dai due rami del Parlamento.
Due Italie, quindi, ben lontane l’una dall’altra, anche se entrambe espressione della medesima crisi, sia valoriale che economico-politica.
La conclamata compravendita di deputati, che ha consentito al Governo di superare un momento delicato, non ci inquieta oltremodo: il trasformismo – e le perverse logiche sottese – è sempre stato l’elemento fondante della prassi politica, a partire dai primissimi Parlamenti dell’Italia sabauda. Peraltro, il voto di fiducia del 14 dicembre non ha, certamente, risolto i problemi strutturali che minano la saldezza dell’odierna maggioranza: probabilmente, il redde rationem per il Governo Berlusconi è stato semplicemente rinviato ai primi mesi del 2011 o, al più, alla prossima primavera, quando l’Esecutivo dovrà assumere decisioni tanto gravi, quanto essenziali in materia di finanza pubblica - chiedendo un ulteriore sacrificio agli Italiani - e non potrà farlo con i ristretti numeri attuali.
Ben più drammatico è il volto dell’altra Italia, quello costituito dagli studenti che, negli ultimi mesi, hanno contestato la Riforma Gelmini, che ha messo mano al riordino dell’istruzione secondaria ed universitaria.
Quei giovani rappresentano un punto di domanda inquietante per gli adulti – di Destra, di Centro e di Sinistra – che aspirano a governare l'Italia: sono l’immagine plastica di una parte rilevante del nostro Paese, che avverte tragicamente il senso di un futuro precario e che, perciò, contesta un’intera classe dirigente, che appare inadeguata e cinicamente sorda alle sue reiterate grida di aiuto.
L’Italia, a partire dall’immediato secondo dopoguerra, ha realizzato un notevole avanzamento in termini di civiltà, oltre che di crescita economica: tale sviluppo ha riguardato soprattutto i ceti sociali, di volta in volta, emergenti ed ha contribuito a ridimensionare molto gli spazi di povertà e le forti iniquità, che erano evidenti nei primi decenni del XX secolo.
Negli ultimi venti anni, una simile condizione è venuta progressivamente scemando, perché, anche per effetto dell’internazionalizzazione del Capitalismo, la forza-lavoro europea ha perso potere contrattuale ed il divario con le classi forti si è notevolmente ampliato: la concomitante crisi della finanza pubblica impedisce, tuttora, agli Stati di finanziare quelle politiche atte a garantire la sopravvivenza ai ceti che vengono espulsi dal processo produttivo e che, quindi, sono bruscamente esclusi dall’accesso alla ricchezza e ai servizi non gratuiti.
Nel corso di questi ultimi due decenni (coincidenti, più o meno, con gli anni della cosiddetta II Repubblica), le ricette anti-crisi della Destra e della Sinistra, purtroppo, si sono somigliate tantissimo: nessuno può dimenticare come la normativa, in materia di lavoro interinale e a tempo determinato, sia stata introdotta dai Governi di Centro-Sinistra alla fine degli anni ’90. Molti esponenti di rilievo di quelle maggioranze parlamentari esaltavano la precarizzazione del rapporto di lavoro dipendente, descrivendola come un’opportunità e non come una minaccia per gli standard di benessere raggiunti, precedentemente, dall’Italia.
Finanche le organizzazioni sindacali, ad esclusione della C.G.I.L., hanno sostenuto simili scelte politiche, non avvertendo i pericoli che, da queste, sarebbero derivate.
Oggi, a distanza di qualche anno dall’introduzione di quella legislazione, si avvertono pesantemente i segni di una crisi, che non risparmia neanche il ceto medio, che ha vissuto, per diversi decenni, in una condizione di benessere e di agi.
Ad avvertire la crisi più tragicamente degli altri sono i giovani, per i quali la prospettiva di vita non è affatto allettante: se ci sarà, il lavoro per loro non potrà che essere precario, malpagato e con scarsissime garanzie. Di fatto, il sistema economico europeo sta ripercorrendo una strada inversa a quella percorsa dagli inizi dell’Ottocento, riportando la manodopera europea (anche quella intellettuale e non solamente quella operaia) alle condizioni di vita non dissimili da quelle successive ai tempi della prima industrializzazione.
Il diritto fondamentale dei giovani, che viene nell’immediato leso, è quello alla formazione e all’istruzione.
Riduzione degli indirizzi di scuola secondaria; peggioramento dell’offerta formativa; chiusura di Atenei; maggiori costi per l'acquisto dei libri, di cui non viene più garantita la gratuità per quanti frequentano la scuola dell’obbligo; eliminazione delle borse di studio per i meritevoli ed i bisognosi, sostituite da prestiti erogati dallo Stato, sono provvedimenti che vanno, tutti, nella medesima direzione: minano la crescita democratica dell’Italia e fanno paventare un futuro molto meno roseo di un presente già triste.
In un quadro simile, segnato dalla recessione, è opportuno che quelle forze politiche, deputate per vocazione alla difesa degli interessi dei più deboli, diano un segnale di forza, elaborando idee, leadership ed una nuova soggettività politica: altrimenti, sarà un’altra Destra, più autoritaria di quella attuale, a guidare il dissenso sociale e a trarre vantaggi dall’implosione di una classe dirigente centrista - come quella odierna - adatta, forse, a governare il Paese in tempi di vacche grasse, ma priva di una cultura e di una progettualità idonee ad affrontare momenti economicamente non felici.

Rosario Pesce - scuole24ore.it








Postato il Sabato, 25 dicembre 2010 ore 13:26:37 CET di Libero Tassella
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.55 Secondi