Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483868203 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4396 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1460 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
947 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
902 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
895 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Scuola pubblica e o privata: Scuola pubblica: le molte colpe dei genitori

Opinioni
Sono soprattutto i genitori a non riconoscerle qualsiasi autorità sia in campo didattico che educativo. La scuola ha sempre torto, gli alunni sempre ragione. Con la conseguenza che i figli si sentono autorizzati a fare in classe praticamente tutto quello che vogliono. Fino ad inventare abusi mai subiti.
“Un giorno sono arrivati i genitori di un nostro bambino per raccontare che il figlio veniva maltrattato dai compagni mentre tutta la scuola sa che è proprio lui l’autore di continui dispetti. Non ci hanno assolutamente creduto, mettendo in dubbio le parole di un intero consiglio di classe”. A parlare è la dirigente di un istituto comprensivo romano che vuole rimanere anonima per un motivo ancora più serio: la sua scuola è infatti coinvolta in un procedimento in atto presso il Tribunale dei minori che non ci autorizza a rendere pubblico.
    Quello che però possiamo scrivere, e che emerge da numerose cronache di questi ultimi tempi, è che chi lavora nella scuola è ogni giorno alle prese con situazioni sempre più difficili.
    “Siamo in trincea – si sfoga la preside – Minuto per minuto dobbiamo affrontare le situazioni più impensabili e imprevedibili. Ci vengono assegnate responsabilità enormi, ci viene delegato ogni compito, ma quando tentiamo di esercitare una minima autorità sul fronte educativo, veniamo delegittimati da quegli stessi genitori che sempre meno si occupano dei loro figli”.
    Ma anche prima era così? La nostra preside lavora nella scuola da oltre trent’anni e non ha dubbi in proposito: “Situazioni difficili ci sono sempre state, ma a questo livello non eravamo mai arrivati. I ragazzini sono troppo, troppo viziati. Hanno tutto e possono fare tutto. Anche con i loro genitori, vittime, a loro volta, di un ricatto continuo: visto che non ci sei mai, dicono i ragazzi, almeno mi dai quello che voglio e mi fai fare tutto quello che voglio. E guai se poi a scuola qualche insegnante si oppone e chiede di non usare il cellulare in classe”. Così poi succede che arrivino pure a esagerare certe forme di disagio. “Non è che esagerano a raccontare i fatti, li stravolgono proprio, ovviamente ispirati anche da quello che sentono in tv”.
Aida Bressi insegna in un istituto professionale di Milano. “Anche se i figli commettono delle cose tremende – dice - i genitori sono sempre pronti a giustificarli e a dire che noi abbiamo capito male”.
Ci racconti qualche episodio…
Guardi, un giorno un nostro alunno lanciò un astuccio fuori dalla finestra, noi annotammo questo comportamento e il giorno dopo intervenne la madre per dirci che noi non avevamo capito: il figlio voleva solo passare l’astuccio alla compagna, come se fosse normale che nell’ora di lezione, mentre un insegnante sta alla lavagna a scrivere, questi si lancino gli oggetti. E’ una prassi consolidata: tutte le volte che convochiamo i genitori la prima cosa che ci dicono è: mio figlio non c’entra.
In un altro caso i genitori della scuola, ci racconta ancora la prof.ssa Bressi, si arrabbiarono moltissimo con gli insegnanti che, a loro dire, non erano intervenuti a fermare un pestaggio compiuto dai parenti di una ragazzina ai danni di un compagno che, secondo lei, l’aveva offesa. Pestaggio avvenuto all’esterno dell’edificio scolastico e di cui gli insegnanti non sapevano niente, anche perché nessuno dei compagni che avevano assistito al fatto si era sentito in dovere di raccontare quanto era successo. “Non solo questi genitori hanno avallato l’atteggiamento omertoso dei figli, ma ci hanno addirittura minacciato affinché non facessimo i nomi di chi era presente”.
Anche la prof.ssa insegna da quasi trent’anni, ma mai, prima di oggi, la situazione, ci spiega, aveva raggiunto un tale livello di “follia”.
    “Quando andavo a scuola io, se poco poco combinavo qualcosa, e certamente non ho mai combinato nulla di ché, io a casa le prendevo. Quello che diceva il professore era sacro”.
    E perché adesso non funziona più così?
    “Mi dispiace dirlo, ma la colpa è dei miei coetanei: i genitori di oggi non sono più capaci di dire di no, di porre dei limiti”.
    Nemmeno quello di stare seduti nei banchi se, come ci racconta ancora Aida Bressi, per i primi due mesi di questo anno scolastico, lei e i suoi colleghi hanno fatto fatica a far smettere i loro alunni di farsi i fatti loro, seduti sui banchi, con le spalle all’insegnante che tentava inutilmente di spiegare.
    Peccato che se ci provassero loro, gli insegnanti, a fregarsene dei loro alunni, come minimo si vedrebbero piombare a scuola, minacciando esposti e denunce di ogni genere, frotte di genitori infuriati. “Monster parents”, appunto.

claudiadaconto

http://blog.panorama.it









Postato il Sabato, 05 giugno 2010 ore 18:45:00 CEST di Filippo Laganà
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi