Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556972554 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2022

Sognando una Catania più pulita. Il progetto “Green” del Liceo Lombardo Radice
di a-oliva
611 letture

PREMIO JEAN PIAGET E JACQUES MULHLETHLER alla Lumsa di Roma il 3 dicembre. Tra i premiati il Prof. Luciano Corradini ed il preside Giuseppe Adernò , “Ambasciatori dell’Educazione Civica”
di a-oliva
390 letture

“La scrittrice Barbara Bellomo alla scuola Dante Alighieri di Catania”. Riprendono le attività di Bibliocenter
di a-oliva
386 letture

ALICE COLETTA - Sindaco dei Ragazzi di MOTTA S. ANASTASIA cerimonia di giuramento al Castello
di a-oliva
349 letture

Attività laboratoriali all'IIS “Francesco Redi”, indirizzo Tecnico Industriale 'Galileo Ferraris' di Belpasso
di m-nicotra
333 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Leggi: Commento sulla prima sentenza contro il decreto Brunetta.

Normativa Utile
La sentenza del giudice monocratico, sezione lavoro, del tribunale di Torino del 2/04/10 sull’applicazione del recente dgls 150/09 da parte della direzione amministrativa INPS regione Piemonte, ripropone una lettura dello stesso decreto sotto il criterio dell’analisi giuridica, e quindi imparziale, dei suoi contenuti.
La Direzione regionale INPS, infatti, applicando le normative del decreto aveva estromesso le rappresentanze sindacali prendendo iniziative unilaterali su materie che erano oggetti di confronto. Vale a dire informazione preventiva e successiva ai sindacati e relativa concertazione. In particolare ,il problema è quello che sorge dall’applicazione dell’art. 65 del decreto Brunetta sui contratti integrativi.

Tecla Squillaci
La sentenza del giudice monocratico, sezione lavoro, del tribunale di Torino del 2/04/10 sull’applicazione del recente dgls 150/09 da parte della direzione amministrativa INPS regione Piemonte, ripropone una lettura dello stesso decreto sotto il criterio dell’analisi giuridica, e quindi imparziale, dei suoi contenuti.
La Direzione regionale INPS, infatti, applicando le normative del decreto aveva estromesso le rappresentanze sindacali prendendo iniziative unilaterali su materie che erano oggetti di confronto. Vale a dire informazione preventiva e successiva ai sindacati e relativa concertazione. In particolare ,il problema è quello che sorge dall’applicazione dell’art. 65 del decreto Brunetta sui contratti integrativi e le misure che si applicano ad essi con l’entrata in vigore di tale decreto. Infatti, secondo l’attuale CCNL  i contratti individuali possono essere fatti in melius (migliorativi) e non in pejus ( peggiorativi) ai sensi dell’art. 2077 Codice Civile, e pertanto il decreto 150/09 entrerebbe in netto contrasto con la natura privatistica dell’attuale rapporto di pubblico impiego.
Da una prima lettura della sentenza si evince che la condanna per violazione da parte dell’amministrazione INPS sia dettata dal fatto che il recente decreto Brunetta non potrà applicarsi che a partire dalla stipula del nuovo CCNL, qualora venisse meno l’applicazione del diritto civile sui contratti della PA così come è finora.
In realtà questa motivazione non esaurisce la complessità che tale sentenza comporta. Sono ,infatti, già ampiamente decorsi i tempi della “vacati legis” dal momento in cui il dgls è stato pubblicato nella G.U.
In buona sostanza, un esame più attento della sentenza in oggetto ci induce a dovute riflessioni sugli scenari che essa prospetta al di là della considerazione legittima sulla maturazione dei tempi. Tali ulteriori ragioni sembrano apparentemente non emergere dalla sentenza ma solo perché la materia  cui alludono esula dalla competenza e quindi dalla procedibilità del giudice del lavoro il quale è tenuto a rispondere sull’istanza e non oltre. Secondo l’accezione del Calamandrei, infatti, il giudice non può fare giustizia in modo assoluto ma deve attenersi ad applicare la legge in atto. In questo caso specifico, il contratto ancora in vigore.
La discussione ora si apre su ipotesi di incostituzionalità dei risvolti conseguenti all’applicazione del decreto legislativo 150/09. In primo luogo,la natura delle relazioni sindacali scaturisce dalla constatazione dell’effettivo ordinamento dello Stato. La loro esclusione potrebbe essere illegittima nella misura in cui vìola l’art. 39 della Costituzione.Ma in questo campo soltanto la Corte Costituzionale e nessun altro può pronunciarsi.
L’art. 39 della Costituzione, infatti, riconosce il sindacato quale personalità giuridica, ovvero come titolare di obblighi in situazioni giuridicamente oggettive. La stessa libertà sindacale si inserisce quale diritto soggettivo di libertà intesa anche come valore inibitorio nei confronti di atti, anche da parte dello Stato, che possono ledere l’interesse tutelato. In altri termini,poiché il nostro Stato è di diritto ne deriva che esso si pone nei confronti del cittadino con gli stessi diritti, doveri e norme che regolano i rapporti civili tra i privati.
Inoltre, nel nostro ordinamento giuridico basato sulla “civil law” la tendenza è sempre stata quella di legare il diritto sindacale, per dottrina e per giurisprudenza, alle norme del diritto civile.
In buona sostanza,l’omissione di diritti ed obblighi costituzionalmente tutelati non può essere avallata da leggi ordinarie perché la nostra Costituzione, essendo di tipo rigido, prevede una complessità di procedure per la modifica anche di un suo solo articolo ( maggioranza qualificata ovvero referendum).
Nel 1985 venne fatto , ad esempio, un tentativo di riforma costituzionale da parte della Commissione Parlamentare di allora, con un rinvio alla legge ordinaria riguardo il sistema di rappresentatività di un sindacato. Allora non si procedette all’emanazione della legge per non incorrere nell’infrazione di uno Stato che interferisca con il diritto alla libertà d’associazione ( art.18 Costituzione).
Inoltre, la Corte Costituzionale con sentenza  del 29/04/88 n. 68 ribadì che quando ad essere lesa la sfera giuridica del sindacato, essendo la libertà sindacale un diritto soggettivo perfetto, o anche per controversie ex art.28 Legge 300/70 , si può adire al giudice del lavoro. Con ciò si intese affermare l’incontrovertibilità della valenza dei diritti sindacali come diritti soggettivi . Laddove, invece, si ricorre al TAR per la tutela di interessi legittimi.
E’ coerente a quest’ottica, in ultima analisi, la conclusione della sentenza in oggetto  che oltre a sanzionare l’INPS per comportamento antisindacale obbliga la stessa ad un “facere”, cioè all’assolvimento degli obblighi previsti.

Tecla Squillaci
stairwayto_heaven@libero.it








Postato il Lunedì, 12 aprile 2010 ore 07:12:29 CEST di Tecla Squillaci
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Normativa Utile

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.56 Secondi