Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 479900324 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
804 letture

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
752 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
635 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
602 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
596 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Solidarietà alla docente di Palermo sanzionata per reato di insegnamento
·Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
·L'autonomia scolastica venti anni dopo - Criticita' e prospettive. Anquap - Seminario residenziale di formazione in collaborazione con l'I.C. 'L. Sciascia' di Ragusa
·Comunicato a sostegno dello sciopero del 17 maggio
·Sciopero del 17 maggio. Se la notte porta consiglio ...


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: RINNOVO DEL CONTRATTO: I SINDACATI CHIEDONO 200 EURO...MA CE NE SONO SOLO 20

Comunicati
Rinnovo del contratto, si parte dai 200 euro chiesti dai sindacati
di A.G.
Ma la parte pubblica ad oggi è ferma a meno di 20 euro di incremento medio. Ed il resto delle risorse che arriveranno dalla Finanziaria non intende distribuirle “a pioggia”: conteranno valutazione, trasparenza e premialità. Con il 25% del personale che prenderà un bonus fino al 30% dello stipendio, mentre ad un altro 25% non spetterà nulla: una formula che nella scuola appare di difficile attuazione.
Duecento euro per i sindacati, meno di venti per il Governo: è questa la base di partenza da cui prenderà il via nelle prossime settimane la trattativa per il rinnovo del contratto economico del comparto scuola che per la prima volta avrà durata triennale. Raggiungere un punto di accordo non sarà un’impresa facile. Al divario tra le richieste dei rappresentanti dei lavoratori e l’offerta dell’amministrazione pubblica, argomento per il quale la Flc-Cgil è peraltro già scesa in piazza (lo scorso 11 dicembre), sia aggiungono infatti altri nodi non certo irrilevanti.
Se da una parte nella Finanziaria approvata prima di Natale è contenuto un preciso impegno da parte del Governo a individuare e a stanziare le ulteriori risorse per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, come previsto dalla riforma del decreto n. 150/09 (tanto da indurre la Uil a sospendere la mobilitazione già prefissata per il 21 dicembre), dall’altra c’è da dire che la destinazione degli aumenti stipendiali rappresenta al momento un rebus tutto da decifrare. Le indicazioni che giungono dalla Funzione Pubblica, confermate anche nel decreto Brunetta, sono infatti quelle di anteporre gli aumenti a tre parole chiave: valutazione (del singolo ente statale), trasparenza (nelle comunicazioni e nel servire l’utenza) e premialità (per incentivare i dipendenti migliori). La nuova strategia dovrebbe essere adottata, indistintamente, nella contrattazione nazionale ed integrativa, per determinare i budget da destinare a tutte le amministrazioni, i dirigenti e i dipendenti.
A tal proposito la riforma prevede, anche a seguito di un accordo sottoscritto tra parte pubblica e sindacati il 22 gennaio 2009, che vengano adottati due livelli contrattuali: il contratto nazionale e quello decentrato di amministrazione o, in alternativa, territoriale. L’attuale contrattazione d’istituto potrebbe quindi essere sostituita da una sovra-ripartizione dei fondi da destinare al personale a livello regionale. L’entità degli aumenti più importanti da destinare al personale appare inoltre essere legata ad alcune variabili esterne alle scuola: come alla previsione dell'indice Ipca al netto dei beni energetici importati, ma anche agli aumenti retributivi nel rispetto degli obiettivi e dei vincoli di finanza pubblica.
E in ogni caso, a prescindere dall’entità degli aumenti, la linea di indirizzo che la Funzione Pubblica ha avviato per i suoi dipendenti, proprio attraverso la L. 150/09, è la destinazione di un bonus maggiore (fino al 30% dello stipendio) di incremento annuo per il 25% del personale più meritevole, un incremento medio per la metà dei dipendenti di ruolo e zero aumenti per il rimanente 25%. Ammesso ora che la suddivisione di ogni singolo istituto possa sostanzialmente rispecchiare la realtà dei dati nazionali, resta da capire a chi spetterà decretarla. Si tratta di un compito non certo agevole, soprattutto nel comparto scuola: dove non si andrà a verificare solo l’abilità nell’organizzare ed intraprendere progetti a supporto delle lezioni e della didattica curricolare, ma soprattutto si dovrebbe incentivare il lavoro svolto in classe. E poiché le discriminanti che vanno a mutare questo genere di risultati formativi sono tante ed indipendenti dall’abilità dei docenti (livello studenti, contesto scolastico, territorio locale, ecc.), viene da sé che sarà davvero difficile, quasi impossibile, determinare una ricetta universale ed applicabile in tutte le condizioni. E affidare la “patata bollente” ai dirigenti scolastici non appare la soluzione migliore,
I sindacati hanno comunque compiuto il primo passo: cercare di portare nello stipendio di tutti i lavoratori, meriti a parte, una quota base. Anche se divisi nelle modalità di protesta ed in alcuni punti della piattaforma, si sono ritrovati compatti nel sostenere che un aumento minimo indistinto dovrà essere per forza di cose adottato. Ed hanno anche quantificato la cifra: già a novembre la Cisl Scuola aveva parlato di 200 euro sostenendo di averla determinata alla luce di considerazioni complessive che hanno tenuto conto del mutato costo della vita, oltre che dei maggiori impegni professionali sopraggiunti negli ultimi anni. Il 23 dicembre una cifra leggermente superiore, 210 euro, è stata chiesta della Flc-Cgil direttamente al ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta. Il sindacato di Pantaleo ha spiegato che si tratta di un incremento stipendiale medio pari al 9,3%: il 7,3% dovuto alla distribuzione su tre anni degli aumenti ottenuti nel biennio economico 2006/2007 in difesa potere d'acquisto dei salari e il 2% legato alla produttività e l'aumento dei carichi di lavoro.
Per arrivare a questa stima il sindacato però non ha preso come riferimento il contratto in scadenza, che peraltro la Flc-Cgil non aveva firmato, ma l'ultimo Ccnl sottoscritto: quindi quello del biennio economico 2006-07. Un cavillo di non poco su cui in sede di contrattazione l’amministrazione avrà sicuramente da ridire. E non sarà l’unico.
28/12/2009








Postato il Martedì, 29 dicembre 2009 ore 00:00:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi