Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485740264 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1203 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
831 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
668 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
642 letture

Sì alla legge per il ritorno dell'Educazione civica a scuola da settembre 2020
di g-aderno
575 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: LA PUNTEGGIATURA A SCUOLA: QUANDO E COME CORREGGERE GLI ERRORI

Rassegna stampa
La punteggiatura a scuola – Quando e come correggere gli errori
di Luca Serianni*
Tra le varie abilità misurate dall’insegnamento scolastico, la corretta interpunzione non è certo quella ritenuta più importante. È innegabile che lesioni testuali (frasi sconnesse o illogiche) o specificamente grammaticali (che io vadi, noi vidimo) e lessicali-semantiche (esimere più del dovuto ‘esigere’) attirino prioritariamente l’attenzione degli insegnanti. Ed è giusto che sia così. Ma perché una virgola sbagliata è generalmente considerata di scarsa o nessuna importanza, a differenza di un po’ in cui l’apostrofo sia sostituito dall’accento?
 
Due motivi per non correggere sempre
 
In entrambi i casi siamo di fronte a convenzioni grafiche (è impossibile sbagliare interpunzioni, apostrofi o accenti parlando); e tutto sommato l’interpunzione, che governa i rapporti tra le parole nella frase e tra le frasi nel periodo, avrebbe buoni motivi per vedersi riconosciuta una dignità maggiore. Se questo non avviene, è a mio vedere per due opinioni prevalenti:
1. un compito in classe non è un campo di battaglia, e l’accumulo di correzioni è poco utile (oltre che molto faticoso per il correttore): meglio dare spicco alle lesioni più rilevanti, confidando che le mende interpuntorie siano sanabili semplicemente con una dose d’attenzione in più da parte dell’alunno;
2. a differenza di altri settori della lingua, l’interpunzione non è codificata rigidamente, ma dipende in buona parte dallo stile o dal gusto individuali.
 
Due motivi per correggere sempre
 
Ma nessuno dei due argomenti appare davvero convincente. Se il fine da raggiungere è quello di una scrittura chiara ed efficace (diciamo quella di un cronista, cioè di chi ha un rapporto professionale con la pagina scritta, anche se non certo creativa), occorre mettere in campo tutti i mezzi che appaiono idonei allo scopo. E un articolo di giornale è impeccabile dal punto di vista dell’interpunzione: mai una virgola fuori posto, e spesso − più spesso di quel che si creda − ricorso anche a un segno d’interpunzione intermedia, che è diventato sconosciuto per gli studenti di ogni ordine e grado: il punto e virgola.
Né è vero che l’interpunzione sia il dominio della libera soggettività: alcune regole sono ben codificate, alcune dalle elementari (niente virgola tra soggetto e predicato), altre nell’attività dei revisori editoriali (sempre uno spazio dopo il segno interpuntivo, mai un segno interpuntivo prima di una parentesi).
 
La virgola tuttofare
 
Altre volte non c’è una tradizione teorica, ma la prassi degli scriventi esperti è consolidata. Leggiamo il brano di un riassunto (di studente universitario; fonte: L. Serianni, Prima lezione di grammatica, Laterza, Roma-Bari, 2006, p. 128):
 
La donna confidò ad un’amica la sua relazione con l’angelo Gabriele, questa fingendo di crederle raccontò la novella ad alcune donne ecc.
 
La virgola prima di questa è sbagliata: sarebbe stato necessario un segno d’interpunzione più forte (un punto e virgola o un punto fermo), per segnalare il cambio tematico nella progressione del racconto, evidente anche per il mutamento dei soggetti.
 
L’accapo, un super-punto
 
Può rientrare latamente nell’interpunzione anche l’accapo. Lo potremmo definire un super-punto, che marca il passaggio a un altro ordine d’idee. Questa volta la scelta di andare a capo è effettivamente elastica, ma è importante mantenere una gerarchia tra i vari capoversi: un ottimo esercizio è quello consistente nel proporre un brano in cui gli accapo sono stati soppressi (ancora una volta si presterebbe bene l’editoriale di un quotidiano), indicando solo il numero di quelli presenti nel testo originale e chiedendo all’alunno di ripristinarli. Non è detto che si debba esattamente ricalcare l’assetto originario, ma in ogni modo l’esercizio è un’ottima occasione per prendere coscienza del problema; in ultima analisi, per riflettere alle varie operazioni da mettere in atto per arrivare a un risultato testualmente soddisfacente.
 
*Luca Serianni insegna Storia della lingua italiana nell’Università degli studi di Roma “Sapienza”; è socio dell’Accademia della Crusca, dei Lincei, dell’Arcadia, consigliere centrale della Società Dante Alighieri, dottore h.c. dell’Università di Valladolid e direttore delle riviste «Studi linguistici italiani» e «Studi di lessicografia italiana». Si è occupato di vari momenti e aspetti di storia linguistica italiana, dal Medioevo (Testi pratesi, 1977) all’età contemporanea (Italiani scritti, 20072), dalla lingua della poesia (Introduzione alla lingua poetica italiana, 20092) al linguaggio della medicina (Un treno di sintomi, 2005). Con Pietro Trifone ha curato una Storia della lingua italiana a più mani (1993-1994), redigendo il capitolo sulla prosa letteraria. Molto nota una sua Grammatica italiana, apparsa nel 1988 e più volte ristampata; a questo filone di ricerca appartiene anche uno degli ultimi volumi finora apparsi, Prima lezione di grammatica (2006). Ultimo in libreria in ordine di tempo è il volume Scritti sui banchi (2009), dedicato alla prassi correttoria degli insegnanti delle superiori sui cosiddetti “temi” di italiano e scritto a quattro mani con Giuseppe Benedetti.
 
 








Postato il Domenica, 27 dicembre 2009 ore 08:55:38 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi