Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486092644 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1258 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
984 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
759 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
728 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
674 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca
·Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
·Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
·26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
·Human - Le fonti. Trovare il proprio posto


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Pensioni: RISCHI PER I LAVORATORI CHE ANDRANNO IN PENSIONE CON 40 ANNI DI CONTRIBUTI

Comunicati

I lavoratori rischiano di perdere gli aumenti dell'ultimo scatto

40 anni? Oltre al danno la beffa

Gli effetti della riforma che prevede il pensionamento forzato
allo scoccare del requisito contributivo  
 ItaliaOggi 27.10.2009

 

Pensione forzata, ma pure assegno ridotto. I docenti e gli Ata che andranno in pensione grazie alla riforma che prevede il licenziamento da parte dell'amministrazione allo scoccare dei 40 anni di contributi, e non più di servizio effettivo, rischiano di perdere del tutto, ai fini del calcolo della base pensionabile, l'ultimo aumento stipendiale, quello che si matura con 35 anni di servizio. E si stanno preparando, secondo quanto risulta a ItaliaOggi, a chiedere per via giudiziale che gli sia riconosciuto un rateo pari agli anni lavorati in più rispetto alla penultima posizione stipendiale.

Questi i fatti. La risoluzione unilaterale del contratto di lavoro del personale docente ed Ata, ausiliario, tecnico e amministrativo, che ha maturato il 40° anno di contribuzione utile a pensione, è possibile per effetto di quanto dispone il comma 11 dell'art. 72 della legge n.133/2008, come modificato dall'art.17, comma 35 novies del decreto legge n. 78/2009 e la circolare n. 4 del 16 settembre 2009 del ministro della funzione pubblica, Renato Brunetta. La richiesta di includere nella base pensionabile anche le quote maturate nella posizione stipendiale in godimento er disposto dall'art. 161 della legge n. 312/1980.

Ma la richiesta del rateo è stata respinta in passato sia dal ministro dell'economia e delle finanze che da quello della funzione pubblica, che avevano motivato il diniego per effetto della abrogazione del regime di progressione automatica degli stipendi (aumenti biennali come previsti dal Ddr 399/1988) disposta dal decreto legislativo n. 29/1993 e successive modificazioni. In relazione alla predetta modifica ordinamentale, si leggeva in una nota della Ragioneria generale dello stato, datata 2002, non sembra possibile continuare a configurare come automatismi e pertanto ritenere ancora attribuibile le quote mensili previste dall'art. 161 le posizioni stipendiali definite dai contratti del comparto scuola. I contratti sottoscritti dal 1995 dispongono, infatti, che il trattamento economico fondamentale di un docente o di un personale ata con contratto a tempo indeterminato si sviluppa per posizioni stipendiali conseguibili nell'arco di 35 anni di servizio effettivo e con scadenze predeterminate come indicate nella tabella.

Di norma, l'ultima posizione stipendiale si consegue, per la generalità dei docenti, dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di compimento del 35° anno di servizio. Per il personale Ata sono, invece, possibili scadenze diverse. Le motivazioni per le quali le disposizioni dell'art. 161 non potevano essere più applicate non hanno mai del tutto convinto il personale della scuola che ha cercato di cessare dal servizio solo a posizione stipendiale maturata.

La circostanza che la risoluzione del contratto di lavoro possa invece dipendere esclusivamente da una autonoma volontà dell'amministrazione, non poteva non riaprire il discorso sulla legittimità della non applicazione delle disposizioni del più volte citato art. 161. Ecco un esempio: docente con 40 anni di contribuzione, con una età anagrafica inferiore a 65 anni, matura il diritto all'ingresso nell'ultima posizione stipendiale dal 1° gennaio 2011. La precedente posizione risale al 1° gennaio 2004. Se l'amministrazione decide di risolvere il suo contratto con decorrenza dal 1° settembre 2010, il calcolo della pensione e quello del trattamento di fine servizio sarà predisposto dall'Inpdap, l'istituto previdenziale guidato da Paolo Crescimbeni, sulla base dello stipendio in godimento alla data del 31 agosto 2010 e, pertanto sulla base della penultima posizione stipendiale contrattuale. I 7 anni di servizio prestati dal settembre 2003 ad agosto del 2010 non avrebbero alcun valore economico. Del tutto comprensibile il ricorso alla magistratura, salvo che Istruzione e sindacati non trovino una soluzione.
 









Postato il Mercoledì, 28 ottobre 2009 ore 00:00:00 CET di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi