Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483759623 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4345 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1437 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
837 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
760 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
757 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Piano nazionale scuola digitale - Avviso pubblico per l'individuazione di 120 docenti costituenti le équipe formative territoriali
·Formazione GPU, dal 15 luglio sarà online la piattaforma di formazione
·#Maturità 2019, la traccia più scelta è quella sull’illusione della conoscenza
·#Maturità2019, al via mercoledì con la prova di Italiano. Ammesso il 96,3% degli iscritti
·#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: “Il rumore non fa bene, il bene non fa rumore”

Redazione

L'idea di scrivere su questo argomento che, a prima vista può sembrare inusuale nel mondo della tecnologia e della didattica, mi è venuta osservando (mentre mi trovavo in ospedale a far visita ad un mio amico) delle gentili signore che non erano in camice bianco ma che accudivano amorevolmente i malati soprattutto quelli più bisognosi per via dell’età o della situazione personale (anziani rimasti soli, extra-comunitari, sbandati in genere). Tale evento ha suscitato la mia curiosità e, dopo essermi documentato, ho saputo di queste dame bianche, alias dame di compagnia del malato (mi si permetta tale definizione per rendere meglio l’idea): sono persone che dedicano il loro tempo libero all’assistenza dei malati. Non pensate che siano in pensione, tante sono ancora in età lavorativa, ma amano dedicare, gratuitamente e con tutto il cuore, il loro tempo libero al prossimo. Questo fatto abbinato alla lettura di un articolo riportato da un bollettino religioso (ndr. “Bollettino di S. Rita” di P. Vicentin) che, naturalmente, affrontava la questione sotto un'ottica confessionale, mi ha spinto, come già detto, a scrivere queste righe di riflessione sull’argomento. La frase, da cui ho ricavato il titolo, è riportata in un poster messo nella bacheca di un ospedale della provincia di Verona con l'intento di stimolare le persone ad aiutare il prossimo senza cercare la popolarità e/o la riconoscenza a tutti i costi. Naturalmente, io condivido in toto tale visione della vita, ma non è questo né il posto né il momento di approfondire una tale questione di carattere filosofico-religioso, qui voglio solo stimolare l’applicazione di tale proficuo atteggiamento nel mondo della scuola. Infatti, oggi tutte le componenti del variegato mondo didattico (ma il tutto può naturalmente estendersi al mondo del lavoro in genere), ognuna nel loro ambito, quando fanno un qualche cosa si adoperano per, così dire, non solo a promuoverla ma anche per far sapere chi ne è l’autore onde ottenere (almeno presumo!) delle gratificazioni, l’alunno fa di tutto per farlo sapere al docente al fine di avere giudizi (leggi voti!!) più lusinghieri, a sua volta il docente lo fa per distinguersi dalla massa dei colleghi (spesso, ahimè, disillusi e demotivati!) e/o per farsi notare dal preside che, a sua volta, lo fa nei confronti del provveditore e così via. Probabilmente tale malcostume è direttamente influenzato dal mondo moderno dove, per far conoscere e/o valere le proprie opinioni, bisogna gridare, mentre dovrebbe essere normale poter esprimere liberamente e pacatamente quello che si pensa. Abbiamo ogni giorno esempi di tale dilagante malcostume: dai titoli sensazionalistici dei giornali, alle trasmissioni tv che offrono spettacoli sempre più volgari e degradanti, soprattutto nel modo di parlare e confrontarsi con gli altri. Capita, sempre più frequentemente, di vedere spettacoli e/o manifestazioni di beneficenza (in TV, allo stadio etc...), niente da dire sullo scopo, sempre nobile e condivisibile, ma molto discutibile il modo di realizzarlo, sempre mondano e comunque non idoneo. Quello che spero di trasmettere con queste mie poche righe vuol essere un invito esteso a tutti (dal mondo della scuola al mondo del lavoro in generale) a riflettere silenziosamente sulle cose importanti della vita e, quindi, ad agire di conseguenza. Non occorre gridare ai quattro venti che hai aiutato qualcuno, che hai fatto una qualche donazione materiale, per far del bene non serve far rumore!. In conclusione, quindi, un invito a tutti senza alcuna preclusione di età, ceto sociale, confessione religiosa e quant’altro: non applicate la brutta regola del ‘Do ut des’ (ovvero: ‘Dare per poi avere ’), se potete date un aiuto agli altri, nei tempi e nei modi a voi più confacenti, senza aspettarvi nulla, vedrete che poi starete meglio con gli altri e, soprattutto, con voi stessi!!









Postato il Martedì, 18 marzo 2003 ore 10:04:53 CET di Salvatore Di Masi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.8
Voti: 5


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi