Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 489103472 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2019

Domenica 6 ottobre Lungomare Fest per l’intera giornata all’insegna della solidarietà.
di a-oliva
741 letture

Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
di m-nicotra
626 letture

Grazie Nicholas
di a-oliva
548 letture

Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
di a-oliva
535 letture

Personale ATA - Elenco definitivo Assistenti Amministrativi disponibili alla copertura dei posti vacanti del profilo di D.S.G.A. – A.S. 2019/2020
di a-oliva
533 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
·Le giornate FAI con il Liceo Artistico 'Ven. Ignazio Capizzi', di Bronte
·Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
·Equipe formative territoriali - Graduatorie regionali di merito
·Pubblicato il calendario con le date delle prove scritte per l’anno scolastico 2019/2020


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: La Palestina di duemila anni fa

Istituzioni Scolastiche

ITINERARI STORICO - CULTURALI
LA PALESTINA  DI DUEMILA ANNI FA

1. ALIMENTAZIONE
Le donne palestinesi di 2000 anni fa faticavano sodo, districandosi tra i lavori di cucito, bucato, ricamo. Una cura particolare veniva messa nella pulizia della casa e nel cucinare. Il cibo non era ricercato, ma sempre impegnativo. Oltre al pane e ai suoi derivati, a seconda dei giorni, si faceva uso di uova, latte, burro, ricotta, olive, cipolle, frutta, zucchini, fave e le immancabili erbe amare. Questi erano i cibi comuni dei poveri di allora come di oggi, nei villaggi del Medio Oriente.
Nei giorni di festa, o in occasione dei pellegrinaggi, la donna era sollecita nel preparare e servire carne o pesce, e anche un calice di vino, "che rallegra il cuore dell'uomo" (Sal 103,6). Di solito la carne, nelle rare circostanze in cui veniva servita, era di agnello o capretto. Era la donna stessa a dissanguarla bene prima della cottura, in ossequio alle prescrizioni della Legge. La cottura veniva anticipata sempre nel giorno di vigilia della festa, chiamato appunto "parasceve", che significa: preparazione dei cibi cotti. Nei sabati e nei giorni festivi, anche il lavoro di cucina era proibito dalla legge del riposo sabbadico.
Una antichissima norma detta legge del kosher, proibiva in modo assoluto alcuni cibi, come la carne di maiale, le aragoste, le anguille, ecc., e imponeva anche disposizioni sul modo di servire le vivande. Ad esempio, quando si mangiava la carne o il pesce, non si poteva bere il latte o mangiare il formaggio.
Era prescritto anche l'orario del pranzo: allo scoccare dello zenit (cioè del mezzogiorno astronomico) o alla sera. In quest'ultimo caso si consumava a mezzogiorno solo una zuppa.
I vari cibi venivano predisposti dalla donna di casa su un vassoio unico, come fanno ancora oggi le donne in molti villaggi del Medio Oriente; il vassoio veniva posto sopra un tavolo e i commensali, seduti in piccoli sgabelli, vi attingevano con le mani, ciascuno la propria parte. Al posto delle posate che non esistevano, si utilizzavano le morbide fette di pane, preparato con poca mollica e una crosta leggera. Il pane veniva spezzato e distribuito a tutti dal capofamiglia.
Nei giorni di festa, il capofamiglia prendeva una ciotola o un calice, entro cui la donna aveva versato del vino, ne beveva e lo passava alla sposa e agli altri commensali, perché ne bevessero anche loro. Il cibo era condito generalmente con aceto; talvolta vi si aggiungeva un po' di olio. Durante i viaggi, oltre al pesce fritto o salato, fresco o conservato, tra un pasto e l'altro si masticavano volentieri grani di frumento o di sesamo, per ingannare lo stomaco e tener fresca la lingua.
®
2. LUOGHI FAMOSI
A) NAZARET UN VILLAGGIO SCONOSCIUTO
Duemila anni fa, Nazaret era abitata da umili agricoltori e artigiani che vivevano in modeste case in muratura fornite di grotte sotterranee naturali di cui è ricco il sottosuolo calcareo della collina su cui  sorgeva il paese. Queste grotte servivano abitualmente da "dependences" ed erano adibite a vari usi, come: cisterne per l'acqua, riserve per il vino o altri liquidi, granai..... Vi erano anche delle grotte artificiali, tagliate nella roccia, che in certo qual modo facevano corpo con la casa ed erano adibite a stanze per provviste o, talvolta, anche per abitazione, così come si suppone sia avvenuto per la grotta dell'Annunciazione. Gli abitanti di Nazaret come di altri simili villaggi erano considerate persone molto retrograde per cui non c'è da meravigliarsi se Nazaret non è menzionata nei documenti storici di Israele e di Roma, come invece è avvenuto per la vicina e signorile Sèfforis. Il primo villaggio di Nazaret sorgeva più a Nord, al di sopra della cosiddetta "fontana della Vergine", risale al periodo del medio e recente bronzo, ossia circa due mila anni a. C., pressa poco all'epoca dei Patriarchi. Poi verso l'VIII - VI secolo a. C. c'è stato lo spostamento verso la zona sud del colle, dove ha origine la Nazaret evangelica.
B) BETLEMME TERRA DI DAVIDE
Betlemme (beit - lehem = "casa del pane") era un modesto villaggio situato a est dell'attuale città e risale all'età del ferro. Nella storia è ricordata per la prima volta alla morte di Rachele, seconda moglie di Giacobbe, che qui fu seppellita. In quel tempo si chiamava "Efrata", che vuol dire "fruttifera", forse a causa della straordinaria fertilità dei suoi colli e delle sue valli. A Betlemme è nato Davide, figlio di Jesse, e ivi unto re dal profeta Samuele, come successore di Saul. Dal casato regale di Davide, vissuto mille anni prima, discendono Giuseppe e Maria. Il caravanserraglio, dove Giuseppe e Maria non trovarono posto, era uno spazio quadrato o rettangolare, a cielo aperto, con un basso recinto di protezione e un'unica porta d'ingresso. L'albergo era diviso in due settori: un portico e un camerone riservato all'alloggio delle famiglie, e un cortile dove venivano sistemati alla rinfusa gli animali. Spesso c'era frastuono, chiasso, anche qualche litigio, ragli e belati di bestie. Talvolta c'era la sorpresa del vagito di un neonato o del rantolo di un morente. La grotta dove nacque Gesù è simile a molte altre grotte scoperte lungo il pendio orientale della collina di Betlemme, che nel VIII e VI secolo a. C. furono probabilmente adibite ad abitazioni e successivamente abbandonate per uno sconosciuto motivo. Solo all'inizio della nostra era tornarono ad essere adibite ad abitazioni. La mangiatoia certamente non era una mangiatoia di legno fatta ad arte ma un semplice incavo a forma di nicchia o arcosolio, praticato nel fondo della stessa grotta, ove si poneva il fieno per gli animali, legati davanti. L'incavo poteva avere la base rivestita da una lastra di argilla battuta e mescolata a paglia, per impedire che la polvere si mescolasse con il fieno.
C) CANA, LA CITTÀ DELLE NOZZE
La città di Cana di Galilea non era un villaggio come Nazaret dove gli abitanti vivevano ancora nelle grotte - case addossate alla collina, ma era una città vera e propria, con case costruite in pietra. Il nome stesso, con il suo specifico appellativo di "Kafr", che vuol dire appunto "pietra", lo lascia intendere chiaramente. Anche oggi si chiama "Kafr Kann", e sorge nello stesso sito dell'antica città evangelica.
D) CAFARNAO
Tra Cana e Carfarnao c'è un dislivello di circa 500 metri. Cana si trova a 300 metri di altitudine, mentre Cafarnao è a 212 metri sotto il livello del Mediterraneo. Il tragitto di circa trenta chilometri in una strada in discesa, ha richiesto probabilmente una giornata di cammino. Cafarnao era un città più grande e più bella di Cana di Galilea; era la più importante delle città rivierasche del lago di Tiberiade. Sorgeva a nord, lungo la "via maris", vicino alla confluenza del Giordano nel lago. Molti erano i pescatori del lago, ma anche i contadini che con l'asinello si recavano al lavoro nelle campagne circostanti, ricche di alberi e di fertili colture. Alcune delle carovane di passaggio, si fermavano qui per vendere e scambiare le loro merci e a far provviste di pesce, pane, frutta e altre cose necessarie al loro viaggio.
®
3. FIDANZAMENTO E NOZZE
A) IL FIDANZAMENTO
Il fidanzamento al tempo di Cristo era chiamato "erusin", ma aveva anche un altro splendido nome, "aiddusin", che significa santificazione. Nessun popolo ha dato all'amore dichiarato di due giovani una consacrazione più bella. La domanda di fidanzamento veniva presentata dal padre del giovane al padre della giovane e ad essa si chiedeva il consenso. Poi i genitori stabilivano la dote o "mohar" e si scriveva il contratto. Quindi davanti a due testimoni si celebrava un breve rito: il fidanzato presentava un dono alla fidanzata come pegno di nozze e seguiva una piccola festa familiare. Forse già a quei tempi il fidanzato presentava come pegno un anello d'oro, dicendo alla fidanzata: "Ecco, per questo anello tu mi sei promessa, secondo la legge di Mosè e d'Israele" (Kidduscin 1,1).
Il fidanzamento per gli Ebrei aveva valore di stretto vincolo, perciò per divorziare dalla fidanzata occorreva il libello di ripudio; la fidanzata infedele veniva lapidata (Deut. 22,23) e se perdeva il fidanzato era considerata vedova. Prima del matrimonio, o "nissuin", in cui lo sposo andava a prendere la sposa per introdurla nella sua casa, si attendeva circa un anno: così la giovane aveva tempo di preparare il corredo e il giovane sistemava la casa e si procurava i soldi per la festa che sarebbe durata a lungo.
B) LA FESTA DELLE NOZZE
Dopo circa un anno di fidanzamento, si celebravano le nozze. Lo sposo, in corteo con gli amici e accompagnato da una piccola banda, si recava alla casa della sposa per prenderla e condurla solennemente nella sua casa. La sposa, dopo il bagno, era aiutata dalle amiche ad abbigliarsi e profumarsi. Si vestiva con una tunica bianca, stretta alla vita da una cintura; un ampio velo bianco dal capo, cinto di mirto, le scendeva fino ai piedi. Dieci vergini, anch'esse vestite di bianco, con lampade attendevano che giungesse lo sposo. Questi, al suo arrivo, veniva accolto in casa e con la sposa accanto sedeva sotto un baldacchino. Sul loro capo si poneva il telo della preghiera, su cui erano scritte preghiere adatte alla circostanza. Il padre della sposa poneva la mano destra della figlia nella destra dello sposo, dicendo: "Il Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe sia con voi e vi unisca: faccia discendere su di voi la sua benedizione e vi permetta di vedere i figli ed i nipoti fino alla quarta generazione".
Quindi il ministro andava dietro al baldacchino, alzava il calice della benedizione, che invocava sugli sposi e i loro parenti, poi tornava dagli sposi e cedeva loro il calice pieno di vino. I due brindavano, successivamente lo sposo gettava il calice a terra per infrangerlo e giurava fedeltà per tutto il tempo che i frammenti del calice non si fossero ricomposti. Infine i presenti giravano intorno agli sposi, gettando riso o grano, simboli di abbondanza e fecondità. Al tramonto lo sposo in corteo conduceva la sposa in casa sua, dove era imbandito il primo banchetto nuziale. Alla fine del quale, il padre dello sposo, come aveva già fatto il padre della sposa, benediceva gli sposi. La festa si protraeva per una settimana, o tre giorni se non si era benestanti.
®

 






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Domenica, 23 febbraio 2003 ore 00:00:54 CET di Antonino Grasso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.75
Voti: 8


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi