Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556909853 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2022

Sognando una Catania più pulita. Il progetto “Green” del Liceo Lombardo Radice
di a-oliva
565 letture

PREMIO JEAN PIAGET E JACQUES MULHLETHLER alla Lumsa di Roma il 3 dicembre. Tra i premiati il Prof. Luciano Corradini ed il preside Giuseppe Adernò , “Ambasciatori dell’Educazione Civica”
di a-oliva
350 letture

“La scrittrice Barbara Bellomo alla scuola Dante Alighieri di Catania”. Riprendono le attività di Bibliocenter
di a-oliva
326 letture

ALICE COLETTA - Sindaco dei Ragazzi di MOTTA S. ANASTASIA cerimonia di giuramento al Castello
di a-oliva
321 letture

Attività laboratoriali all'IIS “Francesco Redi”, indirizzo Tecnico Industriale 'Galileo Ferraris' di Belpasso
di m-nicotra
290 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Sicurezza: Inghilterra, la furia nelle scuole. Il governo britannico ha cancellato gli hooligan ma la violenza si è trasferita negli istituti e nelle strade

Rassegna stampa

 

I più violenti e i più incontrollabili d’Europa: sono gli adolescenti britannici a detenere questo triste primato, malgrado i milioni di sterline spesi negli ultimi anni dal governo Blair per cercare di tenerli a freno, per tentare di inculcare nelle loro menti la misura del lecito. Tutto inutile: i ragazzi del Regno Unito sono quelli che si drogano e si ubriacano di più e vivono l’esperienza del sesso molto prima dei loro coetanei d’Oltremanica. Ma, come sottolinea un’inchiesta condotta dal quotidiano Guardian, «il fatto più inquietante è che i genitori non sono al corrente delle pessime abitudini dei figli ». Dal 2003 la criminalità giovanile nella sola Londra è raddoppiata, mentre a Manchester (che ormai è stata soprannominata Gunchester) è addirittura triplicata. Le città sono attraversate da una furia incontrollabile che non risparmia le scuole, un tempo vanto della società britannica per il suo rigore e la sua serietà. Le denunce arrivano da un’associazione di insegnanti, il «Teacher support network», che lamenta continue aggressioni fisiche e verbali da parte degli studenti. E i numeri sono da brivido: «Il 50% dei professori è stato aggredito fisicamente, o con armi; il 90% ha subito insulti. Il 37% dei 433 docenti interrogati hanno affermato di essere stati obbligati a non andare al lavoro a causa di ferite, stress e depressione». La polizia a sua volta ha segnalato casi di tentativi di strangolamento, di arti schiacciati nelle porte, di insegnanti feriti con forbici o graffiati con le unghie. E ancora: molti hanno subito sfregi alle auto, ai libri, agli abiti. Per tale motivo il «Teacher support network» ha sollecitato più volte le istituzioni chiedendone l’intervento per attuare misure preventive, ma anche e soprattutto invocando «chiare e tangibili sanzioni per impedire simili condotte violente». Del resto, è sufficiente osservare i numeri resi pubblici da Scotland Yard per avere la dimensione della gravità del fenomeno: quattro anni fa, la polizia ha effettuato 31 arresti di minori per possesso d’arma da fuoco; lo scorso anno gli arrestati sono saliti 76. Ed è così che il premier britannico Toni Blair finisce sul banco degli imputati, dato che più dell’80 per cento della popolazione di Sua Maestà gli addebita il fallimento della politica sui giovani, sostenendo soprattutto di non aver saputo garantire loro un futuro sicuro. Un quadro drammatico, con sacche di malessere che si concentrano in aree urbane tristemente note da tempo. E’ il caso di Peckham, quartiere a sud di Londra, dove all’inizio di febbraio si sono contati quattro morti ammazzati. Tre di questi erano adolescenti: due sono stati uccisi a colpi di pistola in casa e uno, Michael Dosummu, di 15 anni, addirittura nel suo letto mentre dormiva. «A nulla – sottolineano sociologi e osservatori – sono serviti i 290 milioni di sterline spesi da Blair per rigenerare Peckham, una delle zone più pericolose di Londra, nota anche per l’omicidio avvenuto sette anni fa di Damilola Taylor, un bimbo di 10 anni ucciso da due teenagers mentre tornava a casa da scuola». A Peckham i ragazzi escono di casa con il giubbotto antiproiettile come se andassero alla guerra; molti sono armati e nascondono la pistola dentro i pantaloni per poi consegnarla alle compagne, meno sospette, che le custodiscono per loro in cambio di soldi e droga. «Sono ragazzine tra i 13 e i 15 anni – spiegano le responsabili di Mothers against guns, un’associazione che raccoglie un centinaio di madri del sud di Londra –. I criminali armati di pistola non sono mai spariti da Peckham, anzi la loro età si abbassa sempre di più. Ecco perché è necessario che il Parlamento intervenga per impedire la commercializzazione anche delle armi giocattolo. L’anno scorso due scuole della zona sono state chiuse per paura di atti di violenza da parte delle gang del quartiere, dopo una sparatoria in una discoteca con un morto e due feriti gravi». «I nostri ragazzi hanno paura di andare a scuola, i genitori di mandarli. E adesso non si è più sicuri neanche al riparo delle mura domestiche. Il governo ha sanato la piaga degli hooligans negli stadi, ma la violenza si è trasferita nelle strade, dove ormai dilaga incontrollata. In Europa, si è fatto tanto parlare del "modello britannico" ma si è solo guardato a un lato della medaglia: appunto, quello degli stadi. La realtà è ben altra e parla di città nelle mani di bande di giovanissimi violenti e senza scrupoli. Pronti a far fuoco per rapinare o, peggio, per uccidere». E Tony Blair? Il premier dice d’avere già la sua ricetta per fronteggiare i ragazzi- pistoleri: «Il Codice prevede cinque anni di carcere per chi viene trovato in possesso di un’arma da fuoco; abbassiamo da 21 a 17 anni il limite di età per la condanna».

AL. DIM. (da www.lasicilia.it)









Postato il Mercoledì, 28 febbraio 2007 ore 00:55:38 CET di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi