Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 548194496 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022

Liceo Spedalieri di Catania, un terzo premio e due menzioni nel Premio Artistico-Letterario “Ilaria e Lucia”
di m-nicotra
1090 letture

Graduatorie ad Esaurimento e Graduatorie Provinciali per Supplenze - Avviso apertura funzioni per la presentazione telematica delle istanze di scioglimento delle riserve nelle GaE e nelle GPS e di conferma dei servizi nelle GPS
di a-oliva
627 letture

Nuovi premi per il Convitto Cutelli al Concorso Ilaria e Lucia
di a-oliva
520 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·“IoStudio”, ecco le nuove modalità per richiedere la Carta dello Studente
·Proclamati i vincitori delle IV Olimpiadi di Economia e Finanza. In crescita la partecipazione delle scuole. Bianchi: “L’economia ci insegna un metodo per ragionare e ci dà gli strumenti per comprendere l’attualità”
·Lunedì 9 maggio al via la Settimana della Musica a scuola. Il 10 l’evento istituzionale con il Ministro Bianchi in diretta sul canale YouTube del Ministero
·Scuola, proclamati i vincitori delle Olimpiadi nazionali di Fisica. Oltre 50.000 gli studenti partecipanti. Bianchi: “La Fisica alimenta la nostra curiosità verso il mondo”
·Scuola, firmate le Ordinanze con le modalità di svolgimento degli Esami del primo e del secondo ciclo. Bianchi: “Sono frutto del confronto e della condivisione. Studentesse e studenti non devono avere paura di non farcela: torniamo progressivamente a


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Le scuole coraniche (madrasse) instillano odio

Opinioni

All’inizio degli anni ottanta, con il sostegno economico dei paesi del petrolio (Arabia Saudita, Kuwait, Iran, Libia e Iraq), sono nate in tutto il mondo islamico le “madrasse”, scuole coraniche estremiste che hanno suscitato il nazionalismo islamico nei popoli arabi. Le madrasse sono riconosciute ovunque come scuole normali e parificate a quelle statali, che non sono sufficienti . I bambini, invece di andare nella scuola statale, vanno a quelle coraniche, che però imbottiscono di Corano e di islam estremista. Alcuni governi arabi moderati però si sono accorti che le madrasse sono scuole di propaganda, ma non possono abolirle altrimenti non avrebbero scuole per tutti e poi temono le reazioni dei gruppi estremisti che sono tanti e forti. Ogni giorno si vede aumentare nella società islamica la loro presenza e il loro influsso. Sono scuole parificate a quelle statali in cui lo Stato non entra.
Tentativi di replicarle in Europa e in Italia da parte delle comunità di immigrati si registrano ovunque, spesso senza alcun contrasto da parte delle autorità occidentali che ne sottovalutano il potenziale eversivo. Certo insegnano anche a leggere ed a scrivere, la matematica, la storia o altro, ma sempre in funzione anti-occidentale e danno importanza all’islam e alla guerra contro l’Occidente, che viene demonizzato, per cui qualunque cosa succeda nel mondo è colpa dell’America, è colpa dei popoli cristiani e occidentali.
Nelle moschee e nelle madrasse si educa a questo: dobbiamo difenderci dall’Occidente ritornando al nostro Corano; quindi le famiglie sono stimolate a mandare i loro figli alle scuole coraniche, le donne a portare il “burqa”. Si è visto anche in questo il cambiamento della società. Le bambine, da dopo le elementari cioè verso i 12 anni, vanno in giro coperte fino agli occhi, obbligate dalla famiglia: prima erano pochissime, adesso moltissime, perché quello è un segno di appartenenza all’islam puro e duro. La forza economica di queste madrasse e moschee è notevole.
Ma come hanno fatte queste madrasse a nascere già con una caratteristica anti-occidentale ed a mandare guerriglieri a difendere l’islam?
C’era già un certo nazionalismo islamico ma ancora tollerante. Però le madrasse, specie in Pakistan, sono state costruite con i soldi del petrolio e hanno creato lavoro per molti giovani disoccupati; i primi predicatori che venivano da fuori educavano all’odio anti-occidentale e poi i locali sono andati avanti su quella linea, sempre finanziati dall’estero. Vent’anni fa, nel 1986, per esempio le madrasse in Bangladesh erano circa 6.000, oggi sono circa 80.000. Nascono e crescono come funghi, non solo, ma anche le moschee si sono moltiplicate e mentre prima erano di lamiera o materiale povero, oggi sono in muratura.
Le abbiamo viste crescere di anno in anno in un modo abnorme, anche nei paesini arabi più piccoli: insomma i paesi del petrolio hanno investito molto nell’educazione dei giovani e nel creare una reazione anti-occidentale, ottenendo grandi risultati anche nei mass media popolari, nella cultura generale e infine nella politica.
L’islam estremista oggi ha molti soldi. Una volta se dovevano costruire una moschea o una scuola coranica, passavano degli anni e fuori delle moschee esistenti chiedevano un contributo per queste nuove costruzioni. Oggi non chiedono più niente, oggi arrivano comperano il terreno, costruiscono la moschea e attorno nascono le madrasse con insegnanti stipendiati dall’estero e via dicendo. I musulmani vedono che la guerra santa e il terrorismo ottengono successi e questo li riempie di orgoglio, perché finalmente hanno trovato il modo di prevalere sugli occidentali, gli americani. occidentali come l’Inghilterra e gli Stati Uniti. Da questo fanatismo sono nati i campi di formazione dei “guerrieri dell’islam”, che prendono i giovani più promettenti, li formano in modo militare e li mandano a combattere in Afghanistan, in Iraq, in Palestina, in Cecenia.
Le madrasse sono lo strumento per rifiutare l’integrazione e la contaminazione con l’Occidente immorale e per inculcarne l’odio. Da far paura!

 









Postato il Martedì, 13 febbraio 2007 ore 14:56:27 CET di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 2
Voti: 5


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi