Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522959667 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
3315 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
di a-battiato
3163 letture

Giornale scolastico: Informa-Azione all'IIS Francesco REDI di Paternò
di m-nicotra
2600 letture

Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
di a-oliva
2255 letture

Solidarietà del CCR alla dott.ssa GIOVANNA BODA. Ambasciatrice dell’Educazione Civica
di a-oliva
1616 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Via libera al dl sostegni, per la scuola 300 milioni. Il Ministro Patrizio Bianchi: “Riconosciuta importanza strategica della scuola”
·Scuola, il Ministro Patrizio Bianchi firma decreto sull’edilizia scolastica: sbloccati 1 miliardo e 125 milioni di euro per la messa in sicurezza e la riqualificazione energetica delle secondarie di secondo grado
·Il 9 febbraio è il Safer Internet Day 2021, la Giornata mondiale dedicata all’uso positivo di Internet
·Scuola, Intesa Ministero-CEI su concorso per Insegnanti Religione Cattolica
·Scuola primaria, firmata l’Ordinanza che prevede giudizi descrittivi al posto dei voti numerici. Inviata alle scuole insieme ad apposite Linee guida


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: LA GENIALITA' NARRATIVA DI MARINELLA FIUME

Rassegna stampa

CELESTE AIDA UNA STORIA SICILIANA di Marinella Fiume, Rubbettino 2009

Recensione di Anna Ruggieri

Ho letto più di una volta l’ultimo libro di Marinella Fiume. Una prima lettura è stata “immediata”, spinta dal pathos da tragedia greca,anche se ambientata nel contemporaneo, o nell’immediato passato che dir si voglia. Ma non ho potuto fare a meno delle letture successive,per non perdermi tutta la cultura che contiene questa enciclopedia preziosa della lingua siciliana parlata nella zona ionica che il tessuto narrativo di Celeste Aida. Per meglio dire, enciclopedia preziosa di quella variabile dialettale,frutto della storia, della geografia, delle tradizioni, del clima, delle inclinazioni, dei caratteri e dei mutamenti in un’area della Sicilia. Giovanni Ruffino nel suo esemplificativo e fondamentale, Profili linguistici delle regioni (Laterza 2001) scrive : “Sono state più volte sottolineate le condizioni di grande variabilità del dialetto e,più in generale, delle lingue parlate. Ma perché esiste questa variabilità? Da quali cause sono prodotti i cambiamenti linguistici? …Si tratta di cause storiche, geografiche, economiche, sociali: invasioni o migrazioni interne,anche temporanee,possono determinare contatti e mescolanze di popoli diversi; la costruzione di nuove strade può anche trasformare antichi assetti territoriali e urbani, favorendo o limitando la circolazione di individui, e quindi di parole; eventi sconvolgenti (terremoti,alluvioni,carestie) possono disintegrare la vita comunitaria;l’acquisizione di nuovi oggetti,tecniche,abitudini,mode (e dunque di nuove forme linguistiche) provenienti da altri territori e comunità,influiscono anche sugli antichi linguaggi,impoverendoli da una parte,arricchendoli dall’altra. ”(Da Leluminarie)a cura di M.Allo

 

La lingua usata da Marinella Fiume in Celeste Aida, e parlata dai personaggi del libro, raccoglie, grazie alla levità del grande narratore, parole consuete ed ancora in uso costante,e parole il cui uso si è affievolito, salvandone così la memoria ed accarezzandone la nostalgia.
Ma Celeste Aida è soprattutto il racconto di una tragedia, ove l’ondeggiare dei sentimenti e dei propositi è nella descrizione di persone e di fatti. Esemplare è la descrizione del pugile Primo Carnera sulla spalletta del ponte detto “delle forche”,inquietante premonizione di una condanna a morte inesorabile. Tragedia senza fine è il corpo della bimba, appena dissepolto e “…coperto con una coperta militare”.Ed ha l’andamento scenico e lo strazio della tragedia greca il vagare della nonna Lucia,di porta in porta,alla ricerca di Iduzza che non ha fatto ritorno a casa. Accanto a lei ondeggiano, come un coro dolente, le vicine di casa, il parroco Don Mariano, gli altri bambini,le torce di deda di pino accese per continuare le ricerche della povera bimba nella “notte illune”, come la chiama Marinella Fiume. Anche l’assassino mentitore partecipa senza rispetto alle ricerche della bimba che ha già ucciso. E nel coro ondeggiano preghiere e sospetti,parole di speranza ed accuse, in un brusio pieno di angosce. I personaggi della tragedia sono la povera Iduzza (Aida),vittima predestinata del disinteresse materno e dell’idiozia banale dell’assassino. Ed il suo assassino,che qualcuno,con una metafora felice,ha paragonato a Giufà. Del resto,solo Giufà,poteva farsi fucilare alle spalle per un paio di scopate con la suocera! Il mito si capovolge: il “disamorato” Giàsone è l’esecutore materiale del delitto di una novella Medea siciliana. Infatti altra protagonista del libro è la madre di Iduzza, Giuseppina, giudiziariamente assolta dall’accusa di complicità nell’assassinio della figlioletta e dai reati di adulterio e di aborto. All’assoluzione di Giuseppina, madre della bambina uccisa ed amante del genero (l’assassino), giovarono l’abilità del suo avvocato, il grande Luigi Castiglione, e la retorica fascista del tempo,che non mancò di sottolineare gli indiscussi valori della “madre rurale”. Giuseppina era un esempio anagrafico delle “madri prolifiche” che il Duce aveva a cuore, come affermato anche dal parroco Don Vito. Eppure Giuseppina aveva, come dicono i giuristi, “rafforzato il proposito omicidiario” nel genero-assassino: “…Giovannino,a questa bambina la dobbiamo levare di qua attorno…, …Quella non è come gli altri bambini,come i suoi fratelli. Ha la fantasia troppo sviluppata, è troppo sveglia, ma è anche imbrogliona,gli piace inventarsi le cose…”. La vicina di casa Concetta Nicotra ricostruisce la dinamica dei complici nel delitto e l’assassino accusa la suocera di averlo istigato al delitto. Anche l’assassino Giovanni Scandurra era difeso da un “ Principe del Foro”, l’avvocato Vito Reina , nato a Mascalucia nel 1894, laureatosi a Roma nel 1915, ufficiale dell’esercito, insignito, nella prima guerra mondiale, della prestigiosa “Military Cross” inglese e della Croce di guerra,allievo del grande avvocato catanese Gigi Macchi. Vito Reina diresse lungamente la rivista “Rassegna Giudiziaria”, con Luigi Castiglione, Luigi La Pergola e Gioacchino Vasquez e fu il rappresentante del Sindacato Fascista Avvocati e Procuratori, in seno alla Commissione Reale Avvocati. Ma nemmeno la bravura dell’avvocato Vito Reina riuscì ad evitare a Giovanni Scandurra la condanna a morte, eseguita mediante fucilazione nella spianata di Bicocca, ove oggi sorge il “supercarcere”.
Luoghi predestinati? “Genius loci” anche in senso tragico, come supponevano gli antichi. Gli altri personaggi sono Lucia, disarmata nonna di Iduzza, che non riuscì ad evitare la tragedia, la zia Felicia (sorella di Giuseppina), affogata nel risentimento, la giovane Pinuccia, sciocca ed imbambolata, sposa dell’assassino e sorella della bimba uccisa,gli incolpevoli genitori dell’assassino, sopraffatti da una tragedia più grande di loro, i fratellini più grandi di Iduzza (Benedetto, Alfio, Carmelo e Lucia), le vicine di casa, due parroci (uno di Fiumefreddo e l’altro di Giarre), il segretario della Casa del Fascio, la maestra Rosina (responsabile delle donne fasciste), i carabinieri e i giudici della Corte d’Assise, i cui cognomi altisonanti fanno pensare alla loro appartenenza alla classe privilegiata. Le statistiche dei condannati in Corte d’Assise, viceversa, indicano braccianti, disoccupati,o persone di “piccolo censo” (così testualmente). E non ultimo personaggio (perché non si tratta solo di un fondale di teatro,ma di un vero personaggio) è il paese di Fiumefreddo, luogo reale della geografia isolana e del delitto,con la sua parlata nella variabile dialettale che Marinella Fiume ci trasmette con genialità letteraria e narrativa. Il territorio di Fiumefreddo, al tempo in cui avvenne il delitto, era caratterizzato anche dall’economia agricola e dai rapporti sociali oltreché dalla peculiare cultura dell’alimentazione, parca e preziosa, per la quale leggiamo :
“la pasta con la minestra,la verdura di campagna”
“forchettata di minestra”
il “formaggino” di cioccolato, mezzo nero e mezzo bianco”
“la minestra aspetta fredda” (viene personificata)
“una tazza di caffè d’orzo macchiato col succo di mezzo limone” (per l’avvinazzato Giovannino)
(per colazione, al mattino, dato che Giovannino pernottava, ormai per abitudine, a casa della suocera) “il caffè d’orzo per Giovannino e la zuppa per i bambini”
“un po’ d’erba che cresce spontanea in campagna”
“il vassoio con i bicchierini di rosolio”, a casa dei genitori di Scandurra, a Giarre
“un goccino di rosolio”
“quei biscotti che hanno preparato in casa e tengono per le occasioni”
“cudduredde” (ripetuto per quattro volte)
“minestra” (ripetuto tre volte) e “verdura maritata :cosce di vecchia, cannatella, coda di gatto, cardella e caccia lepre, cicoria amara e un filo di finocchietto rizzo profumato”
“come potete pensare a mangiare?”
“caffè d’orzo”.
E non manca la tristissime consuetudine del “cunsòlu”.
Marinella Fiume riporta le filastrocche , che rileggiamo sempre con piacere,scoprendo ogni volta significati e riferimenti nuovi. Concludo con un’idea di speranza e di verità. Ne ho bisogno io, forse ne abbiamo bisogno tutti. I bambini di oggi sono, nella gran maggioranza,più fortunati della povera Iduzza, la “Celeste Aida” del libro. Un gran numero di negozi ha articoli dedicati solo a loro,i genitori sono più attenti e meno fatalisti,molti padri non si vergognano,a differenza dei padri del passato, di accudirli nel quotidiano. I bambini sono diventati arbitri nelle contese genitoriali e per loro si formulano teorie psicologicamente all’avanguardia. Tra tutte voglio ricordare la teoria dell’”alone”. Di che cosa si tratta? Quando il comportamento di un figlio, nel contesto del conflitto genitoriale , diventa ipercritico e denigratore nei confronti di uno dei genitori perché l’altro lo ha influenzato in questo senso,indottrinandolo,anche subdolamente,col dire e non dire,alcuni psicologi parlano di “bambini programmati”, ai quali è stato effettuato il lavaggio del cervello ( brainwashed children).Si parla in questi casi di sindrome di alienazione genitoriale o “alone”. Plaudiamo a questa maggiore, e migliore,attenzione ai bambini ed all’affetto che ci lega a loro. E ci rallegriamo, senza ascoltare le prefiche stonate ed i laudatores temporis acti, di non essere più al tempo di Medea e di Giàsone, almeno per la maggior parte di quei “piccoli bipedi coraggiosi” (così Desmond Morris) che percorrono oggi le strade del mondo.


Anna Ruggieri









Postato il Venerdì, 24 aprile 2009 ore 23:36:24 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi