Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522870576 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
3240 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
di a-battiato
2860 letture

Giornale scolastico: Informa-Azione all'IIS Francesco REDI di Paternò
di m-nicotra
1803 letture

Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
di a-oliva
1709 letture

Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
1322 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Organico di adeguamento personale docente a.s. 2020/21 – Decreto ulteriori posti di sostegno
·Progetti Nazionali: procedura per la selezione – Esito
·Avviso per pubblicazione provincia-sedi candidati Classe A060
·Concorso DSGA D.D.G. n. 2015 del 28/12/2018 – Reclutamento con contratto a tempo indeterminato dei vincitori di concorso per il profilo di DSGA: assegnazione sedi n. 86 vincitori - immissioni in ruolo a.s. 2020/21
·Comunicato Stampa del Ministero: del tutto possibile uso paritarie per spazi aggiuntivi


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Settimana corta e orario breve tra equivoco e 'furbate'

Redazione

La Stampa di Torino (La rivolta per il sabato a scuola, di Raffaello Masci) oggi raccoglie la preoccupazione di molte famiglie che temono venga messo in discussione il sabato libero per effetto della riforma. Soprattutto nelle scuole medie.

Il timore deriva dal fatto che diverse scuole, soprattutto dell'area piemontese, hanno ritenuto modificata dalla riforma la normativa che consentiva di ridurre l'ora di lezione da 60 a 50 minuti.

Tuttoscuola aveva segnalato nei giorni scorsi questi segnali di disagio, rilevando soprattutto un equivoco di fondo che sta alla base di questa questione. Vediamo di chiarire meglio.

Da trent'anni e più negli istituti superiori l'orario settimanale delle lezioni, per cause di forza maggiore (mancanza di trasporti, di mense), si svolge quasi tutto al mattino, riducendo necessariamente la durata delle lezioni. Per contratto i docenti non hanno l'obbligo di recuperare le ore non prestate (mediamente due-tre a settimana).

Il ministro Gelmini nell'autunno scorso aveva dichiarato l'intenzione di rivedere questa sorta di "benefit" riconosciuto agli insegnanti, obbligandoli ad effettuare tutto l'orario previsto di 60 minuti all'ora anziché di soli 50 minuti. Una soluzione che non può che venire dalla revisione del contratto oppure dalla modifica dei piani di studio (quando la riforma delle superiori entrerà in vigore).

Diverse scuole, soprattutto medie, che da tempo si erano organizzate con orario ridotto hanno ritenuto che il divieto annunciato fosse in vigore e riguardasse anche loro; e starebbero ora correndo ai ripari.

Per loro, a dire il vero, non vi sono cause di forza maggiore (orario settimanale di lezione troppo lungo), ma soltanto una possibilità organizzativa prevista dal Regolamento dell'autonomia (Dpr n. 275/99) secondo cui "le istituzioni scolastiche possono adottare tutte le forme di flessibilità per la definizione di unità di insegnamento non coincidenti con l'unità oraria della lezione e l'utilizzazione, nell'ambito del curricolo obbligatorio di cui all'articolo 8, degli spazi orari residui (art. 4 Regolamento).

La norma è chiara: la scuola può ridurre la durata delle lezioni, salvo l'obbligo di recuperare (sia per gli alunni sia per i docenti) l'orario risparmiato per fare altro (laboratori, gruppi di recupero, ecc.).

La scuola ha anche il diritto di distribuire l'orario settimanale su cinque o sei giorni (art. 5 del Regolamento dell'autonomia), fatto salvo il vincolo di recuperare le ore del sabato mediante alcuni rientri pomeridiani. Il sabato è legittimo, purché le ore non svolte si effettuino nel pomeriggio.

La sen. Maria Pia Garavaglia (PD), sulla base delle note di stampa, nel caso risultino fondate, ha espresso preoccupazione per questo ipotetico annullamento delle ore brevi.

Ci sembra francamente che stia montando un problema che non esiste.

In nessuna norma regolamentare di riforma ad oggi nota si parla di annullare il potere delle istituzioni scolastiche autonome di organizzare l'orario nelle forme flessibili previste.

Le scuole possono, quindi, continuare a organizzare il servizio come hanno sempre fatto. Il problema si pone semmai per quelle scuole medie - e sembra che in giro ve ne siano alcune - che hanno utilizzato il regolamento dell'autonomia per abbreviare l'orario delle lezioni, senza prevedere però il recupero delle ore risparmiate.

Una scuola che, ad esempio, ha ridotto di 10 minuti le sue 30 ore di lezione senza alcun recupero pieno, ha svolto effettivamente 5 ore in meno alla settimana (e i docenti hanno svolto 3 ore in meno di insegnamento). In questi casi il sabato non c'entra, ma c'entra il rispetto della legge.


tuttoscuola.com








Postato il Sabato, 04 aprile 2009 ore 23:55:00 CEST di Filippo Laganà
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi