Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 583455670 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2024

“Maggio dei libri” in aula magna presso il liceo Lombardo Radice di Catania: gli studenti si confrontano sulla libertà di lettura con Italo Calvino
di a-oliva
576 letture

RADUNO NAZIONALE DEI RAGAZZI SINDACI a MORROVALLE nelle Marche
di a-oliva
352 letture

Decreto di nomina dei Componenti esterni dei Comitati di valutazione nelle Istituzioni scolastiche della Città Metropolitana di Catania
di a-oliva
273 letture

Concorso Serra International 2024: due premi al Convitto Cutelli
di a-oliva
259 letture

SCAMBIO CULTURALE CON IL LYCÉE BUFFON DI PARIGI (Febbraio-Marzo 2024)
di a-oliva
253 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Di chi è la colpa - Terzo classificato, categoria revenge porn - IVB Capizzi Bronte
·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: L'INTELLETTUALE E IL RUOLO DELL'IRONIA SOCRATICA NELLA NOSTRA SOCIETA'

Rassegna stampa

La necessità dell’intellettuale e il ruolo dell’ironia di Socrate nella nostra società.

«L’ironia è l’interrogazione diretta allo scopo di svelare all’uomo la sua ignoranza, di gettarlo nel dubbio e nell’inquietudine per impegnarlo nella ricerca. L’ironia è il mezzo per svelare la nullità del sapere fittizio, per mettere a nudo l’ignoranza fondamentale che l’uomo nasconde anche a se stesso cogli orpelli di un sapere fatto di parole e di vuoto. L’ironia è l’arma di Socrate contro la boria dell’ignorante che non sa di essere tale e perciò si rifiuta di esaminare se stesso e di riconoscere i propri limiti. Essa è la scossa che la torpedine marina comunica a chi la tocca e difatti scuote l’uomo dal torpore e gli comunica il dubbio che lo avvia alla ricerca di se» (1). L’ironia socratica, dunque, «scuote l’uomo»; essa è una specie di scarica elettrica simile a quella della «torpedine marina». Oggi come oggi il panorama è deserto. E non solo per quanto riguarda l’ironia. «Ciò che non va nella società in cui viviamo, ha affermato Cornelius Castoriadis, è che ha smesso di mettersi in discussione. La nostra è un tipo di società che non riconosce più alcuna alternativa a se stessa e di conseguenza si ritiene esente dal dovere di esaminare, dimostrare, giustificare (e ancor meno provare) la validità dei suoi assunti taciti ed espliciti» (2) ha detto Zygmunt Bauman. La nostra è una società che è convinta di se stessa comunque sia e qualunque cosa possa voler dire questo esser convinta di se stessa. Oggi noi già abbiamo tutte le risposte ancor prima di aver ascoltato le domande. E le risposte sono merci, derrate, generi, roba, articoli, prodotti: gli effetti/eventi del capitalismo esteso a tutto il pianeta. Ogni desiderio è inscatolato in un oggetto di consumo Ogni desiderio è previsto ancora prima di poter venire formulato e formalizzato da qualcuno. Il marketing ed i sondaggi d’opinione, evidentemente, servono proprio a questo, hanno questo scopo. Qualsiasi cosa noi possiamo desiderare la troviamo bella e pronta, cotta e mangiata, pret a porter, usa e getta. La nostra è una società che non desidera più niente perché ha già soddisfatto ogni suo desiderio. Perché può soddisfare ogni desiderio ancora prima che esso si produca. Just in time. In tempo reale. Ma una società che non desidera più niente è anche una società che non progetta; è una società che non investe più sul proprio futuro. E’ una società fissa, bloccata dentro un fermo-immagine lungo tutta una vita. Dentro uno spot che ripete continuamente se stesso. O dentro un videoclip con la stessa musica e le stesse scene.

In una società del genere qual’è il ruolo degli intellettuali? Socrate, come ci ha detto sopra Nicola Abbagnano, possedeva l’«ironia». Una società «che ha smesso di mettersi in discussione» è una società dove non c’è affatto l’ironia. Essa si trova ad essere così perché se l’ironia è la svalutazione, reale o simulata, di se stessi, del proprio pensiero e della propria condizione, in una società simile vengono meno appunto tali presupposti dell’ironia. Come può essere svalutata la propria condizione se la propria condizione è il paradiso dei desideri che si hanno? Come può essere svalutato il proprio pensiero se esso è pacificato, appagato, normalizzato e tranquillo? Come si può svalutare se stessi se oggi (come recitava un triste slogan della pubblicità circolante fino a un po’ di tempo fa), ogni uomo è un «uomo che non deve chiedere mai»? La risposta a tutte queste domande è che ciò non può essere fatto, che non si può! L’ironia non può più venire esercitata in una società simile. E dunque, se l’intellettuale è sempre stato (ed oggi più che mai dovrebbe essere) lo spirito critico, il grillo parlante, la Cassandra e/o la Bocca della Verità di una certa collettività, il suo ruolo oggi dovrà per forza di cose essere quello di esercitare tale ironia. Ma, perché appunto l’intellettuale e non - mettiamo - lo spazzino, il Top Manager, la parrucchiera, il politico, il religioso o lo psicologo? Perché l’intellettuale rispetto a tutte le altre figure e categorie sociali esistenti possiede una caratteristica specifica.

Egli si pone sempre come l’interprete della realtà in cui vive. Ovvero, un interprete che non è un semplice espositore di cliché, archetipi e modelli sociali ma un innovatore, un architetto: un progettista di vie d’uscita e di scenari. L’indicatore di una nuova via. Il battistrada. Il designer del cammino da seguire. E dunque, se caratteristica dell’intellettuale è la dimensione progettuale, egli non potrà esimersi dal (di)mostrarsi critico rispetto alla società in cui sta vivendo. Dall’essere al tempo stesso lucido analista del suo tempo ed infaticabile ri-cercatore di soluzioni alternative ai problemi presenti. Per cui, nel cercare l’origine dei problemi, l’intellettuale dovrà mettere in discussione la propria società. Che è appunta quella società «che ha smesso di mettersi in discussione». L’intellettuale, è ovvio, capirà questo fatto in maniera precisa per mezzo dell’analisi che egli farà della realtà. E proporrà così una certa soluzione. Un progetto. Un progetto per cambiare le cose. Ed allora questo cambiare le cose (in una società ed in una realtà del genere) non sarà altro che la dismissione delle certezze, la messa in mora delle verità, la fine del mondo dove tutto sembra essere giunto alla fine. Questa presa di congedo dalle certezze, l’intellettuale la farà intervenire facendo entrare sulla scena qualche dubbio. Svalutando qualche cosa che oggi appare così tanto valutata. Questa svalutazione è dunque già l’ironia! L’intellettuale perciò non può che essere ironico oggi, al pari di Socrate nel V secolo a.C. Proprio come una «torpedine marina» l’intellettuale dovrà scuotere, destare, agitare (e se del caso: percuotere) e far entrare nella testa dei suoi contemporanei qualche insicurezza, qualche incertezza, qualche perplessità, qualche esitazione, qualche sospetto. Perché di questo c’è bisogno oggi. Sia detto per inciso io non so certamente diverse cose: 1) io non so affatto per esempio se esista ancora l’intellettuale; 2) io non so nemmeno chi sia oggi l’intellettuale? 3) ne (sempre ammesso che l’intellettuale ci sia) se egli sarebbe in grado di esercitare effettivamente questo ruolo? 4) o in quale modo lo dovrebbe fare? 4) e se qualcuno lo starebbe poi oggi a sentire? 6) e neppure che fine farebbe chi si comportasse in questo modo in una società come la nostra? E’ vero: io non so tutte queste cose e non le so davvero, lo giuro. Ma sono convinto che il ruolo dell’intellettuale oggi dovrebbe essere proprio quello che ho appena detto. Perché ne sono convinto? Beh, perché un compito di questo tipo è più che mai necessario oggi. E solamente un intellettuale autentico può incarnare questa necessità. Questa necessità che è, al contrario di quella di Severino (3) : una privazione. Chi altri se no?









Postato il Giovedì, 15 gennaio 2009 ore 00:05:00 CET di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.41 Secondi