Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 586888585 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2024

PRESIDE CARMELO BERTINO
di a-oliva
345 letture

Convitto Cutelli incubatore di talenti: l’ex alunno Flavio Tomasello sulla skené della 59esima stagione del Teatro Greco di Siracusa
di a-oliva
213 letture

Il Coro interscolastico Bellini alle Ciminiere
di a-oliva
192 letture

Serata celestiale con il Coro interscolastico Bellini alle Ciminiere
di a-oliva
164 letture

GPS – Avviso apertura funzioni per la presentazione telematica delle istanze di scioglimento della riserva ai fini dell’inclusione a pieno titolo nella I fascia
di a-oliva
164 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Andrea Oliva
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·La negoziazione assistita
·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: TUTTI I TAGLI DI PADOA SCHIOPPA SULLA SCUOLA

Comunicati
Stretta sui docenti, al setaccio 10 mila voci di bilancio la manovra

Tutti i tagli di Padoa-Schioppa .

Domani vertice di maggioranza. Dalla chiusura di due finestre di uscita
 verso la pensione arriveranno 1,3 miliardi. I 30 miliardi potranno venire
 per poco più della metà da risparmi e per il resto da entrate.
 Nel mirino le sedi provinciali dei ministeri. Enti di poste e marittimi nell´Inps

Roberto Petrini,  la Repubblica del 3/9/2006

 

ROMA - La caccia ai 30 miliardi della Finanziaria 2007 è aperta. Il vertice di domani a Palazzo Chigi sarà solo il primo approccio, seguito tra qualche giorno dall´incontro con i sindacati, ma sui tavoli del ministero del Tesoro le prime ipotesi sono già nero su bianco. In primo luogo la ripartizione della manovra tra tagli e nuove entrate: mentre quella da 35 miliardi contava su due terzi di tagli e un terzo di entrate, la Finanziaria da 30 dovrebbe essere suddivisa circa a metà, con una prevalenza dei tagli (circa 16 miliardi). Il puzzle non sarà di facile composizione, visti i contrasti all´interno della maggioranza e sul fronte sindacale, ma il bisturi del ministro dell´Economia Tommaso Padoa-Schioppa è già al lavoro.

La partita delle pensioni, la più sensibile politicamente, dovrebbe essere cifrata intorno ai tre miliardi: di questi sarà la chiusura delle «finestre» di uscita dal lavoro nel 2007 a fornire il maggiore contributo pari a 1,3 miliardi (300 milioni il primo anno e 1 miliardo a regime). Il resto dovrebbe venire dall´aumento dei contributi per gli autonomi e per i collaboratori.

Dalla sanità, altro tema ad alta tensione, si conta di ricavare risparmi in termini di efficienza con la razionalizzazione della rete ospedaliera, con un intervento sul costo dei farmaci e con il ticket sulla degenza riservato ai redditi più alti. Il tutto verrebbe blindato con la conferma della norma «catenaccio» che impone alle Regioni di alzare le aliquote Irpef e Irap in caso di sforamento della spesa sanitaria.

Per il pubblico impiego le ipotesi tecniche hanno obiettivi ambiziosi di 4,5-5 miliardi non tutti facilmente realizzabili. Si parla della riduzione dei docenti di sostegno, dell´aumento degli alunni nelle classi con la riduzione del numero dei docenti. Nel mirino anche gli uffici provinciali e periferici dei vari ministeri, a cominciare dal Tesoro, con l´obiettivo di «appoggiarli» presso le Prefetture. Se si volesse raggiungere completamente il target bisognerebbe tuttavia mettere in campo misure più severe - ed ancora da discutere - come il blocco degli scatti di anzianità per magistrati, docenti universitari, ambasciatori e prefetti (in tutto 65 mila soggetti).

Di vasta portata il piano di razionalizzazioni e anti-sprechi. A Palazzo Chigi stanno passando al setaccio i 10 mila capitoli del bilancio per scovare risparmi tra enti, residui di spesa incagliati e dimenticati in amministrazioni centrali e locali. Mentre si conferma l´idea di fondere tutti gli enti previdenziali nell´Inps (oltre all´Inpdap, anche l´Ipost dei postelegrafonici, l´Ipsema dei marittimi). Prevista anche una energica sforbiciata all´acquisto di beni e servizi da parte della pubblica amministrazione.
 Per gli enti locali è pronta la revisione del patto di stabilità interno dal quale si conta di mettere insieme risparmi per 3 miliardi. Dal meccanismo dei tetti di spesa si passerà ai saldi dando il via libera ai Comuni per imporre tasse di scopo ed alimentare in questo modo le proprie casse.

La partita delle entrate è ancora da definire. Dei 15 miliardi tuttavia circa 7 sono stati già anticipati con il decreto Visco di lotta all´evasione prima dell´estate e altri 5 verrebbero dal maggior gettito già riscontrato e strutturale: resterebbero 3 miliardi da rastrellare probabilmente con l´armonizzazione della tassazione delle rendite finanziarie mentre resta sempre in ballo la possibile cancellazione del secondo modulo di riduzione Irpef rivolto ai redditi più alti.




 


Il Dpef e la scuola. Nel documento di programmazione economica e finanziaria per il quinquennio 2007/2011 la voce 'scuola' è più che presente. Il dato che salta all'occhio è la spesa per il personale che, pur in discesa nell'ultimo decennio, è sempre la più alta di tutta la pubblica amministrazione. Un terzo di tutta la spesa per gli impiegati pubblici, in Italia, serve a pagare insegnanti, dirigenti scolastici e personale non docente. Neppure la Sanità e la Difesa (con l'ordine pubblico e la sicurezza) riescono a stare al passo con la Pubblica istruzione. Ecco perché sembra logico che una parte dei 30 miliardi di euro di tagli per rimettere in moto il Paese debbano provenire dalla scuola, che ha un bilancio di 50 miliardi. 'Lo stato - recita il documento - ha investito in istruzione, formazione e ricerca universitaria una quota di Pil pari al 4,8 per cento, nella media del periodo 1994/2003. Nonostante questi investimenti, un ammontare annuo di ore dedicate all'istruzione tra i più elevati in Europa e costi complessivi altrettanto elevati, un confronto con gli altri Paesi dell'area Ue incentrato sugli indicatori di performance vede l'Italia in una posizione di svantaggio per quanto riguarda la conoscenza e la professionalità acquisita dagli studenti alla fine della scuola obbligatoria".

Insomma, secondo Padoa Schioppa, spenderemmo troppo e con scarsi risultati. In effetti, sempre secondo i dati contenuti all'interno del Dpef, la spesa italiana annua per studente è di 6.518 dollari, mentre la media europea è di 5.595: quasi mille euro in meno. Stessa cosa per le ore di insegnamento annuali per studente: 1.020 in Italia, 932 nei paesi Ue. Inoltre il rapporto studenti docenti ci vede ancora indietro: 10,3 in Italia, 14,4 in Europa.

Troppi insegnanti? E con quali risultati? Nei test denominati Pisa (Programme for International Student Assessment: programma per la valutazione internazionale dell'allievo) gli alunni italiani mediamente riportano 473 punti, contro una media europea di 500 punti e i 528 dei compagni del regno Unito, i 507 della Francia o i 487 della Spagna.


I posti in pericolo. Secondo i bene informati, sarebbero due le categorie nel mirino del ministro dell'Economia: i docenti di sostegno precari e i professori della scuola secondaria di secondo grado. Ma quanti sono i posti 'in pericolo'? Se si volesse ricondurre il rapporto studenti docenti a quello europeo (passare cioè dall'attuale 10,3 al 14,4) salterebbero 66 mila cattedre, nella sola scuola superiore. Sono invece oltre 44 mila (dato relativo al 2005/2006) gli insegnanti di sostegno a tempo determinato. In tutto oltre centomila, che fanno gola: anche la riduzione della metà consentirebbero un risparmio di 1,3 miliardi.

Ma in che modo? Nella scuola, le cattedre si possono tagliare in due modi: riducendo gli alunni o comprimendo le ore di lezione. E, nello stesso tempo, approfittando dell'esodo annunciato nei prossimi anni per pensionamenti, che non verrebbero rimpiazzati. E' evidente che la prima strada (la riduzione degli alunni) non è praticabile. La seconda, invece, sì. Da tempo, riguardo alla scuola superiore, si dibatte circa l'eccessivo numero di ore di lezione (e di discipline) soprattutto negli istituti tecnici. Basta riformare la scuola secondaria riducendo le ore di lezione: si rientrerebbe nei parametri europei con un consistente risparmio. Ma tutto questo non convince i sindacati e una parte della stessa Sinistra che considera la scuola un mondo a sé dove non è possibile applicare le stesse regole degli altri settori.

E pronti alla battaglia sono anche gli utenti, in particolare le famiglie dei disabili che temono, con il possibile taglio degli insegnanti di sostegno, nuovi problemi nell'inserimento e nella vita dei figli nelle aule scolastiche.


Le reazioni. Scontro inevitabile. E' la reazione secca della Cgil. Per Enrico Panini "le voci che parlano di mille miliardi di tagli bastano a creare un allarme nella scuola al quale risponderemo". La Cisl scuola parla de voci su "enormi tagli che si abbatterebbero pesantemente sul personale e in modo particolare andrebbero a colpire gli insegnanti di sostegno.









Postato il Lunedì, 04 settembre 2006 ore 00:18:21 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.46 Secondi