Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 583446171 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2024

“Maggio dei libri” in aula magna presso il liceo Lombardo Radice di Catania: gli studenti si confrontano sulla libertà di lettura con Italo Calvino
di a-oliva
576 letture

RADUNO NAZIONALE DEI RAGAZZI SINDACI a MORROVALLE nelle Marche
di a-oliva
352 letture

Decreto di nomina dei Componenti esterni dei Comitati di valutazione nelle Istituzioni scolastiche della Città Metropolitana di Catania
di a-oliva
272 letture

Concorso Serra International 2024: due premi al Convitto Cutelli
di a-oliva
258 letture

SCAMBIO CULTURALE CON IL LYCÉE BUFFON DI PARIGI (Febbraio-Marzo 2024)
di a-oliva
252 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Di chi è la colpa - Terzo classificato, categoria revenge porn - IVB Capizzi Bronte
·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Il Senato approva definitivamente la devoluzione...e la scuola siciliana?

Comunicati
Il Senato approva definitivamente la devoluzione di Giuseppe Guzzo La Tecnica della Scuola del 17/11/2005 Dopo una maratona di due giorni, il Senato ha approvato in lettura definitiva - con 170 voti favorevoli, 132 contrari e 3 astenuti - il Disegno di Legge N. 2544-D “Modifiche al Titolo I della Parte II della Costituzione”. Il Disegno di Legge era stato già approvato dalla Camera dei Deputati in doppia lettura e, perciò, appena sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale diverrà legge dello Stato a tutti gli effetti, salvo che l’esito del referendum popolare a cui sarà sottoposta probabilmente nel prossimo giugno, per il fatto di non essere stata approvata con la maggioranza dei due terzi dei votanti, non ne sancisca l’abrogazione. Si conclude così un lungo periodo di diatribe e di battaglie politiche, tante volte dai toni polemicamente accesi, durato più di tre anni tra la maggioranza parlamentare decisa ad ogni costo a riformare la Costituzione e la minoranza che nella legge ha visto sempre il tentativo di stravolgere l’intera impalcatura del documento fondamentale dello Stato venuto fuori dalla lotta di Liberazione e che, nonostante tutto, ancora oggi può essere assunto di primaria importanza per una comunità nazionale che si voglia alimentare di princìpi veramente civili e democratici. La legge appena approvata istituisce, per la prima, volta il Senato Federale della Repubblica, riduce il numero dei senatori e dei deputati, modifica la prassi della formazione delle leggi, ridimensiona i poteri del Presidente della Repubblica, enfatizza quelli del Presidente del Consiglio creando la figura del Premier secondo modelli provenienti da altre realtà, modifica i compiti, il ruolo e la composizione della Corte Costituzionale e del Consiglio Superiore della Magistratura ridimensionandone i poteri. Inoltre, attribuisce ai Comuni, alle Città Metropolitane e alle Regioni la maggior parte delle funzioni amministrative ridimensionando quelle dello Stato. In particolare: attribuisce alle Regioni potestà legislativa, per quanto riguarda la scuola, relativamente all’organizzazione scolastica, alla gestione degli istituti scolastici e di formazione, ma soprattutto alla definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico delle Regioni. La legge costituzionale appena approvata, come si vede stravolge l’intero ordinamento dello Stato ridisegnando le funzioni ed i poteri amministrativi, legislativi e giudiziari. Come è noto, già la precedente legge di riforma costituzionale, la n. 3/2001, voluta dalla maggioranza del centrosinistra aveva ridimensionato i compiti dello Stato in materia scolastica tanto che talune competenze tradizionalmente dello Stato erano state già attribuite agli enti locali. Oggi tutta materia scolastica viene attribuita alla competenza esclusiva delle Regioni che dovranno, per l’avvenire provvedere alla completa organizzazione e gestione delle scuole, con quanto ne deriverà persino in ordine al reclutamento e alla formazione del personale dirigente e docente. A giudicare dall’attuale funzionamento degli uffici scolastici regionali - cui sono stati attribuiti compiti un tempo dell’ambito statale, e che tengono comportamenti differenziati tra di loro che, come nel caso del concorso per dirigenti, stanno esprimendo il massimo della disorganizzazione amministrativa – che sono l’espressione del decentramento statale, si ha più di un motivo per ritenere che la deriva in cui è stata abbandonata la scuola da qualche anno continuerà in maniera pericolosa per la qualità della formazione delle future generazioni. Con la nuova legge, in definitiva, ci sarà materia per temere che la frammentazione e la polarizzazione del sistema scolastico porterà alla fine della scuola nazionale, quella scuola che nel bene e nel male fino ad oggi ha rappresentato il fondamento dell’unità nazionale e garantito lo sviluppo dell’identità del popolo italiano.








Postato il Venerdì, 18 novembre 2005 ore 00:10:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi