Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 549821592 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2022

GPS - DECRETO DI PUBBLICAZIONE DELLE GRADUATORIE PROVINCIALI PER LE SUPPLENZE DELLA PROVINCIA DI CATANIA VALEVOLI PER IL BIENNIO 2022/23 - 2023/24
di a-oliva
291 letture

Avviso apertura funzioni per la presentazione delle istanze di partecipazione alle procedure di attribuzione dei contratti a tempo determinato a.s. 2022-2023
di a-oliva
267 letture

Docenti Sec. di I Grado - Rettifiche utilizzazioni e ass. provv. provinciali - ass. provv. interprovinciali posto comune e sostegno - ass. provv. provinciali posti comuni altro ordine di scuola
di a-oliva
244 letture

AVVISO – NOMINE IN RUOLO PERSONALE DOCENTE SCUOLA DELL’INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA, SCUOLA SECONDARIA DI I E DI II GRADO DALLE G.A.E. A.S. 2022/2023 - ASSEGNAZIONE SEDI
di a-oliva
215 letture

Personale ATA - Graduatorie Definitive: utilizzazioni - assegnazioni provvisorie provinciali e interprovinciali. A.S. 2022/2023
di a-oliva
190 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Bocelli e Mitoraj a Noto per promuovere i siti Unesco Siciliani
·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: «Salviamo Dante e Ariosto, traduciamoli in italiano moderno»

Rassegna stampa
«Salviamo Dante e Ariosto, traduciamoli in italiano moderno» Non se n'è accorto ufficialmente quasi nessuno: ma è nata una nuova lingua. Bisognerà preparare le grammatiche e i vocabolari, inserirla nei programmi di studio per le scuole e le università, lanciare i concorsi per i primi professori. Qual'è questa lingua? L'Italiano antico, da distinguere («finalmente!» dicono in molti) dall'Italiano moderno. Sono due realtà distinte: pur essendo l'uno la continuazione dell'altro, hanno statuti espressivi assai diversi: non tutti quelli che conoscono l'uno intendono l'altro. Bisogna avere il coraggio di fare quello che hanno fatto in Inghilterra dove la lingua di Chaucer (1343-1400) si chiama Medio-Inglese ed è fornita di vocabolari e grammatiche speciali (e la conoscono solo gli specialisti: nei licei i «Canterbury Tales» circolano in traduzione moderna). E' quello che si fa da secoli in Francia, dove il poema di Perceval (concluso prima del 1190) viene appreso sui banchi di scuola in traduzione con solo qualche riga in originale come esempio del suono antico. L'Italia invece fino all'altro ieri menava vanto di avere una lingua unica dal Medio Evo ad oggi. Che il lettore del Novecento potesse leggere e intendere senza sussidi filologici la «Vita Nova» (1292) di Dante e il «Cantico delle Creature» di San Francesco scritto nei primi decenni del Duecento. «Primato inconsistente, dice il prof. Nicolò Mineo, dantista di chiara fama internazionale e preside della facoltà di Lettere di Catania -: le strutture linguistiche dell'italiano antico sono assai diverse dalle forme assunte dalla lingua moderna. Anche gli specialisti, talora, restano perplessi davanti alle finezze arcaiche. Oggi non basta illustrare al lettore comune la sublime visione di Dante. Bisogna spiegare; diciamo pure bisogna tradurre la parola antica e le sue strutture sintattiche». Un passo concreto in questo senso lo ha fatto lui stesso che, pubblicando un commento scolastico alla Commedia ha abbondato sulle note esegetiche («la traduzione») piuttosto che sulle considerazioni di natura storica o estetica: senza le prime sono del tutto inutili le seconde. Dunque, se vogliamo salvare la letteratura classica italiana, quella di Dante e Petrarca, di Ariosto e Machiavelli, dall'oblio crescente in cui viene condotta, bisognerà riservarne lo studio letterale agli specialisti e fornire agli altri, cioè a tutti gli Italiani di cultura media, una traduzione corrente. Solo così potremo riparare allo squilibrio che oggi distingue il nostro Paese dove le persone di media cultura hanno letto almeno qualche tragedia di Shakespeare e qualche cosa di Dostoewskij, ma assai di rado leggono i libri dei classici italiani, considerati troppo difficili. Perché si può leggere Tolstoj in traduzione e non Masuccio Salernitano? E' più saggio considerare l'Italiano antico come la stessa lingua dell'Italiano moderno e quindi escluderne praticamente la conoscenza? «Chi ha pratica della scuola sa che nelle nostre aule i classici sono frequentati sempre meno e con fatica crescente. Fuori dalla scuola anche le persone di solide conoscenze si arrendono davanti alle difficoltà dei testi (italiani) in versione originale». Dunque facciamo come i tedeschi, che hanno tradotto in parlata moderna il «Nibelungenlied» (scritto verso il 1200) perché tutti potessero avere conoscenza delle proprie radici culturali. Certo la traduzione in prosa non è lo stesso delle sonorità originali, ma è meglio di niente. Ma dove porre lo stacco tra Italiano antico e Italiano moderno? Il prof. Mineo non ha esitazione: «Dopo il Rinascimento. Con il Seicento iniziò il rinnovamento della cultura italiana che sempre più consapevolmente si allontanò dalle forme classiche. Del resto alcuni anni fa un tentativo in questo senso fu fatto in sede ministeriale con la proposta di iniziare lo studio della letteratura italiana, nei licei, con il Cinquecento, con l'Ariosto, lasciando i capolavori precedenti (anche il Decamerone!) confinati al ruolo di preambolo da sbrigare rapidamente. Ci fu una insurrezione generale. Vittore Branca - uno tra i massimi conoscitori del Trecento - protestò autorevolmente e non se ne fece nulla. Nei giorni scorsi però, quando il ministero ha proposto un testo di Dante tra i temi di maturità, la prospettiva si è ripetuta. Da una parte la scelta appare contraddittoria in una scuola che dedica sempre meno tempo alla «Divina Commedia», ma dall'altra parte potrebbe valere come indicazione per ricominciare un recupero storico che è irrinuncibile per la cultura generale del Paese». La formula più sicura per conservare uno spazio ai nostri classici nella memoria nazionale è quella di riconoscere per decreto ministeriale l'Italiano antico. Se ancora non ci sentiamo maturi per il gran passo, possiamo indulgere più generosamente alle traduzioni che sono state fatte, e in modo eccellente anche per il Tasso e l'Ariosto. Ci sentiremo un po' meno eredi dei Grandi che insegnarono la cultura a tutta l'Europa: ma almeno li faremo conoscere meglio ai tardivi nipoti. Forse non c'è altro rimedio per cessare la mala ventura dei nostri maggiori e pacificarli coi minori. Sergio Sciacca








Postato il Domenica, 17 luglio 2005 ore 06:00:00 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3.62
Voti: 8


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.81 Secondi