Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 586879782 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2024

PRESIDE CARMELO BERTINO
di a-oliva
339 letture

Convitto Cutelli incubatore di talenti: l’ex alunno Flavio Tomasello sulla skené della 59esima stagione del Teatro Greco di Siracusa
di a-oliva
205 letture

Il Coro interscolastico Bellini alle Ciminiere
di a-oliva
192 letture

Serata celestiale con il Coro interscolastico Bellini alle Ciminiere
di a-oliva
163 letture

GPS – Avviso apertura funzioni per la presentazione telematica delle istanze di scioglimento della riserva ai fini dell’inclusione a pieno titolo nella I fascia
di a-oliva
162 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Andrea Oliva
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Redazione
Redazione

·Convitto Cutelli incubatore di talenti: l’ex alunno Flavio Tomasello sulla skené della 59esima stagione del Teatro Greco di Siracusa
·PRESIDE CARMELO BERTINO
·Ambasciatori dell’Educazione Civica
·L’UCIIM da 80 anni a servizio della scuola
·Secondo premio in Narrativa e menzione in Poesia: il Convitto Cutelli vittorioso alla XIX edizione del Concorso Ilaria e Lucia


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Sant'Agata e gli altri. Mostra al Museo diocesano fino al 25 febbraio

Redazione
In prossimità della festa di Sant’Agata il Museo diocesano offre ai visitatori una preziosa mostra di immagini e oggetti sacri e devozionali frutto della diligente ricerca della prof. Rosalba Panvini, docente di archeologia e già Sovrintendente ai Beni culturali, presidente dell’Associazione “Cenacum” (Centro Attività Culturali del Mediterraneo)
Il progetto di museo diffuso tra arte e devozione popolare presentato al museo diocesano il 27 gennaio, dalla direttrice del museo, Grazia Spampinato e dalla Prof.ssa Panvini (nella foto) si compone di tre distinti momenti che documentano il culto, e la devozione popolare per Sant’Agata  come testimoniano le tele e le immagini delle chiese del trittico agatino.
All’interno del museo è presentata un’antologia di opere d’arte (incisioni, dipinti, statue in legno) e di manufatti della tradizione popolare (ex voto, edicolette, oggetti con immagini di Sant’Agata) che sono stati concessi in prestito da parrocchie dell’Arcidiocesi catanese (ad esempio, un ex-voto su lamina metallica raffigurante Sant’Agata ed i SS.
In prossimità della festa di Sant’Agata il Museo diocesano offre ai visitatori una preziosa mostra di immagini e oggetti sacri e devozionali frutto della diligente ricerca della prof. Rosalba Panvini, docente di archeologia e già Sovrintendente ai Beni culturali, presidente dell’Associazione “Cenacum” (Centro Attività Culturali del Mediterraneo)
.


Il progetto di museo diffuso tra arte e devozione popolare presentato al museo diocesano il 27 gennaio, dalla direttrice del museo, Grazia Spampinato e dalla Prof.ssa Panvini (nella foto) si compone di tre distinti momenti che documentano il culto, e la devozione popolare per Sant’Agata  come testimoniano le tele e le immagini delle chiese del trittico agatino.

All’interno del museo è presentata un’antologia di opere d’arte (incisioni, dipinti, statue in legno) e di manufatti della tradizione popolare (ex voto, edicolette, oggetti con immagini di Sant’Agata) che sono stati concessi in prestito da parrocchie dell’Arcidiocesi catanese (ad esempio, un ex-voto su lamina metallica raffigurante Sant’Agata ed i SS. Martiri  Alfio, Cirino e Filadelfo, facente parte delle raccolte dell’omonimo Santuario di Trecastagni), dalla Diocesi di Cefalù (dipinti delle chiese di Santa Maria della Catena (Gangi), del Rosario e della Chiesa parrocchiale di San Nicolò (Isnello); ed inoltre, dal Convento dei Frati Minori Cappuccini di Tusa (Messina), appartenente alla Curia provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina
.
La devozione a Sant’Agata, il cui nome è ricordato nel canone romano della Messa, è diffusa nel mondo; ben 13 comuni d’Italia si chiamano “Sant’Agata….”  in quasi tutte le diocesi sono presenti chiese dedicate alla Martire catanese e sono numerose le città come La Repubblica di San Marino e Malta che hanno Sant’Agata come Patrona.

Nella mostra accanto alle immagini di Sant’Agata, martire del 251 d.C , è spesso raffigurata Santa Lucia, patrona di Siracusa, martire  del 304 d.C.  della quale si narra di visita alla tomba di Sant’Agata per invocare la guarigione della madre Eutichia, tra gli ex voto si trova Sant’Agata e Sant’Alfio.

Nella mostra si ricorda anche Sant’Euplio, diacono, compatrono di Catania, decapitato il 12 agosto del 304 d.C.  e San Biagio, al quale è dedicata la chiesa in piazza Stesicoro per ricordare l’antico quartiere di “San Biagio alla carcarella” accanto all’anfiteatro romano, ove si custodisce il segno della fornace, ultimo martirio della Vergine. La festa liturgica di San Biagio si celebra il 3 febbraio, inizio dei festeggiamenti agatini, con la tradizionale “carrozza del Senato” e processione della cera.

La mostra è impreziosita di reliquari, preziosi ex voto, incisioni, dipinti, statue in legno raffiguranti; Sant’Agata, il busto reliquario ed i seni recisi, simboli del martirio, per l’occasione, concesse in prestito da collezionisti privati : Mario Ciancio, Ugo Longobardo, Lino Nigro, Marcello Majorana, Giuseppe Mangano, Fernanda Paternò Castello di Carcaci, Dario Stazzone, e Carlo Zimbone con uno spirito di socializzazione e di condivisione dei beni artistici, che vengono così fruiti da un vasto pubblico. E’ questo un qualificato segno di cittadinanza attiva e di promozione della cultura e dell’arte, pregio e tesoro della nostra terra.

La mostra del Museo diocesano ha anche l’intento di condurre il visitatore alle 31 edicole votive del centro storico e alle chiese del trittico agatino: la fornace, il carcere e Sant’Agata la Vetere, prima cattedrale di Catania, fino al 1091.

Le didascalie delle opere sono state curate e tradotte in inglese dagli studenti dell’Istituto “De Felice- Olivetti” con la guida dei docenti nell’ambito del progetto di orientamento al lavoro dell’indirizzo turistico.

Hanno collaborato all’allestimento della mostra, realizzata grazie ai finanziamenti dell’ARS, dell’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione siciliana, della Sicilbanca, della Fondazione Sicana, della SAC- Aeroporti di Catania, la Direzione del Museo Diocesano : Grazia Spampinato, Giovanna Cannata, Mariele Giuffrida, Salvatore Rizzo, mentre l’allestimento è stato curato dalla Tra Art Restauri di Gangi con la partecipazione dell’Associazione Gruppi Archeologici d’Italia - Amenanos.

Nei pomeriggi di martedì e giovedì sono previste delle visite guidate da parte dei ragazzi dell’Associazione Persone Down-Sezione di Catania.

Giuseppe Adernò, Martiri  Alfio, Cirino e Filadelfo, facente parte delle raccolte dell’omonimo Santuario di Trecastagni), dalla Diocesi di Cefalù (dipinti delle chiese di Santa Maria della Catena (Gangi), del Rosario e della Chiesa parrocchiale di San Nicolò (Isnello); ed inoltre, dal Convento dei Frati Minori Cappuccini di Tusa (Messina), appartenente alla Curia provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina.
La devozione a Sant’Agata, il cui nome è ricordato nel canone romano della Messa, è diffusa nel mondo; ben 13 comuni d’Italia si chiamano “Sant’Agata….”  in quasi tutte le diocesi sono presenti chiese dedicate alla Martire catanese e sono numerose le città come La Repubblica di San Marino e Malta che hanno Sant’Agata come Patrona.
Nella mostra accanto alle immagini di Sant’Agata, martire del 251 d.C , è spesso raffigurata Santa Lucia, patrona di Siracusa, martire  del 304 d.C.  della quale si narra di visita alla tomba di Sant’Agata per invocare la guarigione della madre Eutichia, tra gli ex voto si trova Sant’Agata e Sant’Alfio.
Nella mostra si ricorda anche Sant’Euplio, diacono, compatrono di Catania, decapitato il 12 agosto del 304 d.C.  e San Biagio, al quale è dedicata la chiesa in piazza Stesicoro per ricordare l’antico quartiere di “San Biagio alla carcarella” accanto all’anfiteatro romano, ove si custodisce il segno della fornace, ultimo martirio della Vergine. La festa liturgica di San Biagio si celebra il 3 febbraio, inizio dei festeggiamenti agatini, con la tradizionale “carrozza del Senato” e processione della cera.
La mostra è impreziosita di reliquari, preziosi ex voto, incisioni, dipinti, statue in legno raffiguranti; Sant’Agata, il busto reliquario ed i seni recisi, simboli del martirio, per l’occasione, concesse in prestito da collezionisti privati : Mario Ciancio, Ugo Longobardo, Lino Nigro, Marcello Majorana, Giuseppe Mangano, Fernanda Paternò Castello di Carcaci, Dario Stazzone, e Carlo Zimbone con uno spirito di socializzazione e di condivisione dei beni artistici, che vengono così fruiti da un vasto pubblico. E’ questo un qualificato segno di cittadinanza attiva e di promozione della cultura e dell’arte, pregio e tesoro della nostra terra.
La mostra del Museo diocesano ha anche l’intento di condurre il visitatore alle 31 edicole votive del centro storico e alle chiese del trittico agatino: la fornace, il carcere e Sant’Agata la Vetere, prima cattedrale di Catania, fino al 1091.
Le didascalie delle opere sono state curate e tradotte in inglese dagli studenti dell’Istituto “De Felice- Olivetti” con la guida dei docenti nell’ambito del progetto di orientamento al lavoro dell’indirizzo turistico.
Hanno collaborato all’allestimento della mostra, realizzata grazie ai finanziamenti dell’ARS, dell’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione siciliana, della Sicilbanca, della Fondazione Sicana, della SAC- Aeroporti di Catania, la Direzione del Museo Diocesano : Grazia Spampinato, Giovanna Cannata, Mariele Giuffrida, Salvatore Rizzo, mentre l’allestimento è stato curato dalla Tra Art Restauri di Gangi con la partecipazione dell’Associazione Gruppi Archeologici d’Italia - Amenanos.
Nei pomeriggi di martedì e giovedì sono previste delle visite guidate da parte dei ragazzi dell’Associazione Persone Down-Sezione di Catania.
 
Giuseppe Adernò








Postato il Mercoledì, 01 febbraio 2023 ore 08:05:00 CET di Andrea Oliva
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.51 Secondi