Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 519401554 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
marzo 2021

Verso il primo settembre. I temi urgenti: Covid precariato, graduatorie ATA
di a-oliva
726 letture

Completato l’assetto politico-amministrativo del Ministero. Quale futuro immaginare?
di a-oliva
668 letture

Un’idea di giustizia
di m-nicotra
632 letture

SCUOLA PER TUTTI e…. PER CIASCUNO
di a-oliva
531 letture

UNA STORIA DI FEDE E DI SPERANZA. Covid, i medici vogliono staccare la spina ma la moglie fa un voto a Sant’Agata: si sveglia dopo tre mesi
di a-oliva
265 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Ai confini della realtà. Le assurde proposte di una dirigente scolastica 'appassionata al futuro'
·Richieste illegittime da parte delle segreterie scolastiche
·Concorso dirigenti scolastici 2017: “Giustizia per l’Orale” denuncia i plurimi aspetti di illegittimità
·Quelle strane incongruenze nel curriculum della ministra Lucia Azzolina
·La DaD ha salvato la baracca?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: Padre La Placa, fondatore del Centro per Superdotati di Petralia Soprana. Sulle orme di Don Bosco e di Don Milani

Redazione
Padre Calogero La Placa, fondatore del centro studi per Superdotati d Petralia Soprana, il comune più alto delle Madonie, il 23 gennaio, alla vigilia della III Giornata Internazionale dell’Educazione, ha cessato la sua missione di Educatore, Padre Maestro dei giovani.
 Padre La Placa, nato il 18 giugno nel 1924 a Petralia Soprana, dopo gli studi in seminario a Cefalù, ordinato sacerdote il 27 marzo del 1948, ritorna a 24 anni come vice parroco nel suo paese natale e giovane e zelante sacerdote cominciò l’opera educativa per la realizzazione del suo progetto e del suo sogno: “valorizzare i talenti”.
 “Il Signore”. Egli diceva spesso, “ha dotato l’uomo di talenti ed è compito di ciascuno scoprire i propri talenti, sviluppare le potenzialità attraverso l’esercizio e la pratica di ricerca, di studio e di approfondimento e, quindi, tramutarle in competenze da renderle spendibili nella professione.
Girando tra le campagne e le fattorie delle Madonie Don Calogero cominciò a scoprire, come perle nascoste, delle belle intelligenze e quei ragazzi, se non opportunamente coltivati, sarebbero rimasti a lavorare nei campi.
Novello Don Bosco aprì a Petralia, in località “Cerasella” tra il 1967 e il 1975, un Centro studi per ragazzi “superdotati” che egli riusciva a scoprire dallo sguardo e dalla vivacità intellettiva, guardando tutti e “osservando ciascuno”, divenendo, quindi, maestro, educatore, consigliere e amico e poi anche Arciprete Parroco della Chiesa Madre dei Santi Pietro e Paolo, e guida spirituale dell’intera comunità di Petralia Soprana.


I suoi ragazzi “speciali", crescevano in fretta, bruciando le tappe dell’apprendimento frequentando nel "Villaggio Maurizio Carollo" o "del superdotato", corsi intensivi di studio avendo superato tutti una rigorosa batteria di test selettivi curati da psicologi ed esperti del Mensa, associazione internazionale riservata a chi possiede un alto quoziente intellettivo e di cui don La Placa fu uno dei primi membri italiani.

Ha sognato e inventato una scuola libera, autonoma, creativa, ricca d’innovazioni nella metodologia didattica, anticipando quella che oggi è presentata come: “Didattica modulare e intensiva”.
Precursore nella didattica personalizzata ha sempre sostenuto la formazione di “gruppi di livello” così da favorire lo sviluppo omogeneo nel percorso formativo e per i suoi ragazzi richiedeva la presenza d’illustri docenti specialisti nelle diverse discipline ed i ragazzi seguivano le lezioni quasi un full immersion nel percorso di studio ora letterario, ora scientifico, ora linguistico e tecnico.
Quella che oggi è indicata come “didattica breve” Padre La Placa l’ha sperimentata nella pratica con i suoi “piccoli geni”, figli di un percorso didattico rivoluzionario che, in quegli anni, attirò in Sicilia esperti da tutto il mondo. Perfino la grande antropologa statunitense Margaret Mead, alla fine degli anni Sessanta, fu per qualche settimana ospite a Cerasella, insieme alla sua allieva di origini siciliane Josephine Danna, autrice di alcune pubblicazioni sul villaggio mai tradotte in Italia, come afferma il giornalista Giulio Giallombardo.
Essendo ragazzi scelti con un quoziente intellettivo elevato erano in grado di seguire questi ritmi intensivi e procedere con profitto negli studi, preparandosi agli esami statali di maturità da “privatisti esterni”, conseguendo brillanti risultati, anticipando il percorso  sperimentale del “Liceo dei quattro anni”.
Ideatore di un esperimento educativo straordinario, Padre La Placa ha ideato una scuola all’insegna della libertà e della partecipazione degli alunni. I ragazzi studiavano inglese e francese con insegnanti madrelingua. C’erano un laboratorio di chimica ed uno musicale e fu creata anche una piccola orchestrina che suonava durante i matrimoni celebrati nel villaggio.
L’insegnamento intensivo, quasi corsi di formazione seminariali, oggi si chiama “master”, sono i segni di un percorso didattico rivoluzionario che, in quegli anni, attirò in Sicilia esperta da tutto il mondo, favorendo la realizzazione e la crescita della “sua” scuola, pensata con amore per i “suoi” ragazzi, mantenendolo giovane anche a novant’anni.
Molti di questi ragazzini, alcuni dei quali dall’infanzia difficile, reclutati nelle campagne maronite, altri scelti tra i più brillanti delle scuole statali, hanno proseguito gli studi presso la Scuola Normale di Pisa, la “Bocconi” di Milano, l’Università di Oxford e di Cambridge ed ora, "splendidi cinquantenni” sono affermati docenti, professionisti, medici, ingegneri, funzionari nella pubblica amministrazione e imprenditori nelle aziende.
Le teorie statunitensi sulle intelligenze multiple e l’individuazione di soggetti con elevato Quoziente Intellettivo (QI), pone una questione opposta a quella dei disabili e con problemi di apprendimento, oggi catalogati come BES autistici o altre patologie.
Il termine “doppiamente eccezionali” emerso negli anni Ottanta grazie agli studi di Howard Gardner e Robert Sternberg, ha evidenziato l’esistenza d’intelligenze diverse che manifestato spiccate attitudini in un settore e meno in altri.
 Leonardo da Vinci, Albert Einstein, Thomas Eliot, Wiston Churchill sono certamente personaggi eccezionali, ma anch’essi sono stati designati quali portatori di disabilità nell’area dell’apprendimento. I soggetti superdotati, infatti, manifestano spesso disturbi di comportamento.
Sulla scia della scuola di don Lorenzo Milani nella “scuola di Padre La Placa”, erano messi al bando voti, interrogazioni, correzioni in classe o esami, tutti elementi che avrebbero potuto turbare la creatività dei ragazzi, mettendone in crisi il libero flusso emotivo. Non mancarono però le critiche per quell’esperimento che estrapolava dei ragazzini dal loro contesto e dal loro percorso naturale biologico, creando una sorta di area protetta per bambini che finivano con il sentirsi diversi, perché incasellati già nella categoria dei superdotati intellettivamente.
I ragazzi, come avviene oggi nei “college” e nei “campus”, erano anche coinvolti in lavori manuali e vita comunitaria.  Avevano a disposizione anche una fattoria, con cavalli e mucche che avevano imparato a mungere, per poi fare formaggi con il loro latte.
Cerasella divenne anche una delle prime pizzerie del territorio, gestita direttamente dai ragazzi, che tenevano, inoltre, la contabilità del villaggio in completa autonomia. «Era una scuola aperta a tutte le esperienze della vita - racconta don Calogero - lo scopo principale era stimolare la fantasia. Discutevamo di tutto senza pregiudizi, per far sì che i ragazzi scoprissero ciò per cui erano portati, in base alla loro intelligenza».
Cerasella per molti fu anche una sfida fatta di ostacoli da superare: «Il villaggio - confessa Giuseppe Mineo, uno dei primi allievi - ci ha insegnato a trovare gli stimoli per andare avanti e per non farsi sopraffare dagli eventi».
La mancanza di fondi, (Padre La Placa non si è mai voluto legare al carro dei politici), la struttura libera e autonoma del Centro, (non ha accettato di sottostare a vincoli burocratici e di controllo), elementi di sviluppo e di crescita del Centro, si sono rivelati nel tempo negativi e dannosi, provocando la chiusura del Centro e di quel sogno avveniristico, al quale il sacerdote superdotato ha dato impulso e vitalità, con notevoli sacrifici personali e della sua famiglia, rimane solo la pizzeria, aperta pochi giorni l’anno, e un drappello di talenti, sparsi per il mondo, che come lievito fermentano di valori la società civile sana e produttiva di cui la Sicilia e madre.
Conclusa la sua missione attiva di Pastore, a Petralia prima e a Palermo, assistito dalle sorelle ha continuato a sognare, a pensare sempre in grande una realtà di sviluppo per le intelligenze a vantaggio delle Comunità cittadine, regionali, nazionali, europee.
Il suo cuore sacerdotale e la sua grande intelligenza, hanno pulsato sempre amore, libertà e speranza per i giovani in vista del “Nuovo umanesimo” di cui è stato profeta e guida in vista di un futuro di sviluppo e di progresso.
Ho avuto la fortuna di incontrarlo, conoscerlo e stimarlo come un sacerdote d’altri tempi. Egli nel 1985 mi accolse come giovane preside vincitore del concorso nella sede di Petralia Soprana, e lì conobbi la scuola dei superdotati. Egli mi ha accompagnato come tutor pedagogico nel mio primo anno di presidenza. Ora il riconoscente ricordo diventa memoria, testimonianza di affetto da parte di tutta la Città che ha dichiarato il lutto cittadino ed il Sindaco Pietro Macaluso, con la fascia tricolore ha partecipato alla solenne cerimonia funebre, officiata dal Vescovo di Cefalà, Mons, Giuseppe Marciante, che citando alcuni suoi versi ha fatto rivivere l’armonia delle stelle e la forza degli atomi.
I suoi ragazzi e quanti hanno ricevuto del bene custodiscono il tesoro di un incontro che cambia la vita e lo offrono agli altri nel servizio per il bene, continuando la missione d’intelligenza e di libertà nel caleidoscopio delle emozioni, ripetendo la preghiera degli antichi cristiani: “Non ti chiediamo, Signore, perché l’hai tolto, ti ringraziamo perché l’hai donato “.
 
Giuseppe Adernò










Postato il Mercoledì, 27 gennaio 2021 ore 08:00:00 CET di Andrea Oliva
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi