Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 507467393 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2020

Graduatorie Provinciali ad esaurimento definitive del personale docente di ogni ordine e grado nonché del personale educativo, aggiornate ed integrate in applicazione del D.M n.36 del 23 giugno 2020, per l’anno scolastico 2020/2021 - Rettifiche
di a-oliva
1978 letture

Atlantide e la spiritualità (Parte 1a)
di m-nicotra
1875 letture

Il meglio del giallo in salsa svedese con contorno nordico
di a-oliva
1717 letture

Inizia la scuola, inizia la scalata ...
di a-battiato
1701 letture

Test sierologico personale scolastico del liceo Cutelli di Catania
di m-nicotra
1656 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: “Insegnare a pensare” Dal Maestro Manzi a Sabino Cassese verso portfolio dell’Educazione Civica

Redazione
E’ compito della scuola non “trasmettere il già pensato”, formule e contenuti disciplinari, bensì “insegnare a pensare”, ad usare la testa, a saper guardare oltre, ad osservare, a saper ascoltare e saper riflettere, mettendo in atto creatività e intelligenza al fine di tradurre gli insegnamenti in veri ed efficaci “apprendimenti” che aiutano a “modificare il modo di pensare, di sentire e di agire dello studente”.
Lo diceva anche lo storico Maestro televisivo Alberto Manzi che attraverso la trasmissione RAI dal titolo: Non è mai troppo tardi “, ha insegnato a leggere e a scrivere a migliaia d’italiani, in un periodo di cambiamenti in cui la società italiana usciva dal dopoguerra, ed ha consentito a molti il conseguimento della “licenza elementare”, prima tappa del curricolo scolastico.
Lo ripete anche Sabino Cassese, presidente emerito della Corte Costituzionale, il quale rispondendo alla domanda di Mario Leone, giornalista de “Il Foglio”, su quali caratteristiche dovrebbe avere la “sua” scuola, risponde: “Istruire, nel senso di insegnare a pensare, a discutere, ad analizzare. Dare nozioni, ma anche spiegare come si ragiona. Aiutare a comprendere, ma anche insegnare ad esser aperti all’altrui ragionamento”.
Non è quindi un ritornello che si ripete, ma un principio e un valore condiviso che deve trovare applicazione nella concretezza dell’azione didattica.


La scuola di oggi ha codificato il percorso formativo attraverso un traguardo di competenze che descrivono “ciò che lo studente sa e sa fare” al termine del percorso.

L’attenzione alle potenzialità di cui ogni studente è portatore, impegna il docente e la scuola ad operare, attraverso l’insegnamento delle discipline per esercitare le “capacità” di ciascuno e renderle prima “abilità” e quindi “competenze” spendibili anche fuori dal contesto scolastico.
 L’insegnamento, l’educazione, la relazione educativa, la progettazione didattica sono tutti “ atti intenzionali”, che impegnano il docente nel desiderio di dare risposta ad un bisogno, e per garantire efficacia all’apprendimento è necessario suscitare tra gli studenti motivazione, voglia e curiosità di apprendere, di chiedere a se stessi il perché delle cose e non basta trasmettere soltanto saperi precostituiti, infatti, solo “attraverso l’acquisizione sistematica e critica della cultura, si promuove la formazione integrale della persona, che diventa uomo e cittadino”.
Suscitare un pensiero critico, “Prima riflettere e poi parlare”, “Agire senza mai smettere di pensare”, sono formule e regole che rendono la scuola efficace ed efficiente come servizio pubblico, laboratorio, palestra e fucina d’intelligenze da coltivare e sostenere
Quella che il maestro Manzi chiamava “tensione cognitiva”, stimola la ricerca, la curiosità, il desiderio di conoscere cose nuove e guida verso l’autonomia nel “saper fare”, dando concretezza e applicazione alle competenze, anche mediante esercizi e “compiti di realtà”.
L’insegnare ad essere aperti all’altrui ragionamento di Cassese apre la porta all’Educazione Civica che quest’anno con la Legge 92/2019 ritorna come disciplina, seppure con tante difficoltà di applicazione.
"E' la Cenerentola della nostra didattica", dice il giurista. "e la nuova legge è un misto di troppe cose per poter avere successo e mostra tante criticità".
Si cominciò a parlare di Educazione Civica nel 1957 al congresso nazionale dell’UCIIM, presso il Castello Ursino di Catania e dal 1958, quando il ministro Aldo Moro decise di inserire la materia all’interno del programma di Storia, se ne parla ancora cercando sempre nuove strategie.
Tanti tentativi d’innovazione e continui cambiamenti di nome: Educazione morale e civile, Convivenza Civile, Progetto Legalità, Cittadinanza & Costituzione, non hanno assicurato a questa materia di studio una propria dimensione.
Secondo Cassese la motivazione sta nel fatto che: “Non si è mai sedimentata una cultura che comprenda regole del vivere civile, princìpi del diritto, illustrazioni storiche e spiegazioni sociologiche e politologiche. La materia, nelle sue poche vere applicazioni, è stata considerata una specie di divulgazione di principi di diritto costituzionale. Una sorta di lunga lista di regole che oscilla tra diritti (tanti, forse troppi) e doveri”.
 Il binomio diritti-doveri nato nel 1795, con la Dichiarazione dei diritti e dei doveri dell’uomo e del cittadino, nel testo della Costituzione Italiana è declinato in molti modi dall’articolo 13 all’articolo 54 ed essendo diritti inviolabili, hanno un ruolo centrale nel vivere civile, pertanto l’insegnamento dell’Educazione civica dovrebbe nutrire proprio questi aspetti.
Le nuove Linee guida per l’avvio nell’anno scolastico 2020-2021 evidenziano “tre nuclei concettuali”: Costituzione, Sviluppo sostenibile e Cittadinanza digitale.  Sono tematiche, afferma Cassese, che dovrebbero esser presenti, ma con sviluppi molto diversi. Si può pensare che la Costituzione abbia lo stesso spazio della digitalizzazione?
Ecco perché si ritiene utile predisporre il “Portfolio delle competenze di Educazione Civica”: una scheda personale nella quale ogni studente annota per le 33 ore annue di attività svolte, le tematiche affrontate e registra come sintesi di autovalutazione: “Oggi ho compreso che …” gli apprendimenti acquisiti nei diversi interventi relativi agli ambiti disciplinari dell’educazione ambientale e sviluppo sostenibile, della cittadinanza digitale, dell’educazione stradale, alla salute, alla legalità, alla convivenza civile e alla cittadinanza attiva.
Per la scuola secondaria di secondo grado dovrebbero essere meglio trattati, anche nella prospettiva storica, i diritti dei cittadini per far comprendere ali studenti ad esempio: “Perché il Parlamento e il Presidente della Repubblica hanno durate diverse? A che servono i partiti? Qual è la differenza tra le varie tradizioni delle forze politiche italiane? Come opera il rapporto elettori-partiti-Parlamento? ”
 Sono queste domande che dovrebbero trovare una risposta, nell’azione didattica, anche attraverso lo studio di tanti altri aspetti di storia delle istituzioni e di quelle regole del vivere civile che, nella “ricerca del bene comune”, manifestano segno di vera politica.
Insegnare e pensare” al come essere cittadini attivi e responsabili, dovrebbe costituire il baricentro della materia che, uscendo dall’impostazione mono-disciplinare, si apre ad una speciale e innovativa formula “interdisciplinare”.
La complessità di tale insegnamento trasversale sollecita una progettazione didattica diligente e accurata in linea di gradualità, di continuità e di sviluppo armonico nell’ambito dei diversi ordini e cicli di scuola, così da poter garantire, a conclusione del percorso scolastico quella completa formazione civica del cittadino attivo e responsabile che la scuola ha il compito di far conseguire.
Purtroppo le imminenti e urgenti priorità organizzative dell’avvio dell’anno scolastico, a seguito dell’emergenza Covid-19, pongono oggi in secondo piano queste tematiche, che pure sono altrettanto urgenti e funzionali per la qualità di una scuola che educa e forma il cittadino.
 
Giuseppe Adernò





articoli correlati




Postato il Domenica, 09 agosto 2020 ore 08:00:00 CEST di Andrea Oliva
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi