Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 491515866 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2019

IV Edizione “Premio Giacomo Leopardi”. Sede Regionale di svolgimento il Convitto Nazionale “ Mario Cutelli” Catania. SCADENZA 20 DICEMBRE 2019
di a-oliva
556 letture

Consiglio comunale dei ragazzi a San Pietro Clarenza e Camporotondo.
di a-oliva
375 letture

ANDREA GAGLIANO - Secondo Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto Maria Ausiliatrice
di a-oliva
360 letture

Padre Calanna - Imprenditore della carità e dell’inclusione
di a-oliva
333 letture

Approssimandosi le festività di fine anno, il 'Wojtyla' riprende le tradizionali iniziative solidali
di a-oliva
287 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche
·ASA Scuola - Il verbale d’invalidità anche se scaduto è ancora valido: da rifare l’assegnazione provvisoria di scuola dell’infanzia della provincia di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: 'A cugnizioni familiare: fondamento della civiltà romana

Redazione
Che cos'è 'a "cugnizioni"? Cosa rappresenta, cosa significa, come spiegarla!? E soprattutto, cosa c'entra con l'impero romano!? Io credo che la storia della civiltà romana, dalla repubblica all'impero, non può essere compresa fino in fondo se non si capisce cos'è 'a cugnizioni", se non si comprende il concetto e il significato di questo termine e il suo senso profondo. Perché dietro questa semplice "paruledda" - ne sono convinto e proverò a spiegarlo - si nasconde la grandezza e la potenza millenaria di Roma. In questa espressione ci sta l'essenza, l'identità e la ragione stessa dell'esistenza di Roma, il motivo della sua forza e della sua continuità storica. Anzi, dirò di più, l'intera civiltà romana, durata oltre mille anni, trae fondamento da questa parola, si poggia su questo concetto, ne trae sostanza e vitalità. 'A cugnizioni.

Nella cultura romana la famiglia era il fondamento e il cardine della società, era un'istituzione sacra su cui si fondava la Stato, la nazione, l'identità, la tradizione, l'economia.
La famiglia nell'antica Roma, era molto più ampia della nostra, oltre al padre, alla madre e ai figli, comprendeva anche la moglie dei figli, i nipoti, gli schiavi, i servitori, le ancelle, i clientes e i liberti.
A capo della famiglia c'era il maschio più anziano, il "Pater Familias", autorità indiscussa del patriarcato romano, che aveva il diritto e il potere di vita e di morte su tutti i membri della famiglia. Era lui a tramandare l'appartenenza alla Gens. Il pater familias era l'unico a possedere la piena capacità giuridica, cioè, disponeva pienamente del patrimonio familiare, poteva predisporre o autorizzare la compravendita dei beni mobili e immobili o qualsiasi atto giuridicamente rilevante. Deteneva, inoltre, anche il potere giudiziario, infatti aveva la facoltà di emettere sentenze, anche capitali, contro tutti i membri della famiglia che avessero commesso un reato. Poteva liberamente diseredare i figli.

Alla nascita di un bambino decideva se tenerlo oppure abbandonarlo e lasciarlo morire. Dopo il pater familias c'era sua moglie, la "Matrona", a volte molto influente nelle dinamiche familiari, poteva possedere dei beni propri, ma, come le figlie e le sorelle, era soggetta al potere del marito. La donna romana occupava una posizione subalterna, in famiglia e nella società, e non possedeva neppure un nome individuale, perché era considerata non tanto come individuo, ma come "parte della famiglia".

Poi c'erano i figli, i maschi venivano istruiti ai valori aristocratici dal padre o da precettori; le bambine erano introdotte al governo della casa dalla madre. Poi i servi e le ancelle, che potevano essere consanguinei, ma più spesso si trattava di servitori legati alla famiglia anche da generazioni, oppure di liberti (schiavi liberati). Erano totalmente dipendenti dal pater familias. Poi i clientes, che non avevano vincoli di sangue con la famiglia. Erano cittadini legati al patronus (che coincideva con il capofamiglia) da un vincolo di obbligo, in virtù di favori ricevuti. La loro fortuna (e spesso anche la loro vita) dipendeva da quanto il pater familias li tenesse in considerazione. Chi aveva più clientes era più importante.

E infine c'era la lunga schiera degli schiavi, che non avevano nessun potere e che dipendevano totalmente dal capo famiglia. Alla morte del pater familias la famiglia veniva meno e si scomponeva in tanti nuovi nuclei quanti erano gli immediati discendenti maschi. Un figlio liberato dalla patria potestas diventava a sua volta pater familias, anche se troppo giovane per poter assurgere al ruolo importante di pater. Un figlio, quindi, poteva diventare adulto solo se il padre lo "emancipava", ossia lo liberava dalla propria tutela, consentendogli di diventare a sua volta pater familias. Da un punto di vista giuridico, l'avvenimento che faceva di un uomo romano un vero e proprio capofamiglia non era la nascita di un figlio, ma la morte del proprio padre.

Se nessuna di queste due circostanze si verificava, il figlio, anche se era sposato e aveva figli a sua volta, anche se era un cittadino di pieno diritto e militava nell'esercito, non era considerato pater familias, quindi non aveva piena autonomia economica, non poteva stipulare un contratto o fare testamento, non poteva comparire autonomamente in tribunale ed era sempre sottoposto alla disciplina paterna.

All'interno della famiglia romana, inoltre, venivano celebrati i riti religiosi, molto sentiti dai romani, che erano affidati alle cure del capofamiglia, nelle funzioni di sacerdote, e nelle loro dimore venivano conservate le statue dei Lari (antenati della famiglia) e dei Penati (spiriti protettori della famiglia). Alla famiglia romana, alla sua struttura gerarchica e alla sua rilevanza sociale e culturale si "lega" il concetto di cugnizioni.

E 'a cugnizioni non è solamente la condizione socio-economica, lo status sociale, la classe sociale di appartenenza, la posizione che ricopre e che viene riconosciuta dalla società alla famiglia di un "civis romanus", ma è anche altro, molto altro e molto di più. 'A cugnizioni "sono" i valori, le idee guida, la filosofia di vita, i convincimenti, i discernimenti, le virtù, la dignità, la rispettabilità, l'onorabilità, l'onestà, l'etica, la morale, il decoro, il coraggio, la comprensione della propria gente, il senso di appartenenza, l'attaccamento alla comunità, il radicamento al proprio territorio e al proprio vissuto, il riconoscimento delle proprie radici, l'amore per la propria storia personale, la difesa e l'onorabilità dei genitori, della propria stirpe, della progenie, degli antenati, l'amore per la patria.

'A cugnizioni significa "ca non semu tutti 'i stissi". 'A cugnizioni è testimonianza, esempio, progetto, eredità del popolo Roma. E' modello, traccia di un altro mondo che era possibile. Era.
Questa è 'a cugnizioni: il sangue, la famiglia, la stirpe, la gens. La radica della città eterna. La radice di Roma caput mundi. E su questo basamento si fondò la civiltà romana, durata oltre mille anni.

Angelo Battiato





articoli correlati




Postato il Domenica, 24 novembre 2019 ore 06:00:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi