Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 472343606 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2019

Prorogata la mostra didattica itinerante su Van Gogh
di m-nicotra
533 letture

Bandito il concorso per 2004 posti di Direttori dei Servizi Generali ed Amministrativi (ex segretari) nelle scuole statali. Domande entro il 28 gennaio 2019
di m-nicotra
529 letture

La cucina Thaillandese si aggiudica il primo premio del contest 'Intercultura a tavola' organizzato dell’alberghiero di Caltagirone
di m-nicotra
474 letture

Il governo colpisce il Centro-Sud e premia chi tassa gli studenti
di m-nicotra
444 letture

Con il nuovo anno, si cambia? Vent’anni e passa di 'guerra civile fredda' il Paese ha dovuto sopportare!
di a-palumbo
394 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Non voltare le spalle al sapere,ma ...

Redazione
- Pluralità dei saperi, pluralità dei linguaggi, pluralità delle intelligenze: complesso è il mondo in cui si collocano le scuole del terzo millennio. La scuola è costretta a rinnovarsi e a proporre un'idea di educazione che non può essere più ritagliata su un solo asse culturale, tantomeno sul primato logico-linguistico come è avvenuto fino a ieri o peggio ancora su una particolare figura di studente, estratta dall'ambito sociale che sul possesso di un codice linguistico ampio e ricco ha preteso di fondare e di legittimare le proprie posizioni sociali.

- Prima di cominciare l'opera di ridefinizione dei compiti della scuola e della sua cultura bisogna chiedersi se l'istruzione, così come è ancora configurata, prepari gli studenti ad affrontare i problemi e le sfide della società contemporanea; se li prepari a capire le trasformazioni in atto e i riflessi che hanno sulla vita quotidiana;se gli fornisca strumenti per una vita soddisfacente;se riesca a infondere rispetto per le regole fondamentali della convivenza civile (N. Bottani).

- La missione educativa della scuola, oggi, non è solo quella di arricchire una persona di sempre più varie e complesse conoscenze, ma anche quella di formare cittadini consapevoli dei propri mezzi, in grado di orientarsi nelle molteplici vicende della vita, capaci di affrontare l'incertezza e di sviluppare le strategie personali di adattamento alla realtà, ritenute più opportune.

- L'intelligenza e la conoscenza sono sempre attributi strategici della persona, ma non gli unici e quindi devono essere messe in sintonia e a disposizione di altri aspetti della persona; non possono essere le uniche finalità dell'attività formativa, come avveniva nel passato. E questa bisogna ripensarla alla luce del bisogno emergente e diffuso di orientamento nella realtà in cui ci si viene a trovare;quella dello studio, quella del lavoro, quella della propria cittadinanza, quella dei rapporti umani e sociali.

- Per raggiungere questi obiettivi è necessario liberare del tempo scolastico, occupato da un'infinità di argomenti, e impiegarlo per esercitare gli studenti a mobiltare le proprie risorse cognitive affrontando quei problemi che riescono a dar un senso al proprio sapere. La giustificazione dell'esistenza delle istituzioni educative è costituita dalla convinzione che i saperi acquisiti siano trasferibili alle situazioni, che un giovane dovrà affrontare nel mondo per il quale si suppone che la scuola lo prepari.

- Non si chiede con questo di voltare le spalle al sapere, ma di riconciliare la scuola con il senso più nobile e umanistico del sapere:aiutare l'uomo a pensare il mondo e ad agirvi con efficacia. (Romainville)
Si dovrebbe voltare le spalle solo ai saperi utilizzati come distinzione di classe e a quelli di cui non si sa per quali motivi li si insegna.

- In funzione di queste prospettive scaturiscono gli inviti ad orientare il processo di insegnamento/apprendimento alla formazione di competenze chiave o strategiche o trasversali, come dir si voglia.E' un problema serio che solleva importanti questioni e qualche difficoltà.

- Il fatto che ogni disciplina abbia un proprio statuto epistemologico, a volte irriducibile a quelli di altre discipline, dovrebbe fare riflettere ed invitare ad un certo grado di prudenza nel cercare a qualsiasi costo di individuare elementi transdisciplinari nell'organizzazione del lavoro scolastico con la speranza di giungere più facilmente all'acquisizione di competenze trasversali. L'interdisciplinarietà, come presupposto della trasversalità, non si decreta. Scaturisce dai problemi che bisogna affrontare. "La preoccupazione dello sviluppo delle competenze non ha niente a che vedere con la dissoluzione delle discipline in una generica brodaglia trasversale.(...) Il tutto trasversale non conduce più lontano del tutto disciplinare" (PH. Perrenoud).

- Uno pedagogista come B. Rey afferma: "Trovo vana e vanitosa la pretesa di insegnare agli allievi a osservare, a comparare, a pensare, a dedurre ad adottare delle strategie riflessive etc, etc. Che essi imparino, piuttosto, un pò di matematica, un pò di letteratura, un pò di storia, un pò di biologia, un pò di lingue straniere". Non hanno torto: il vero conflitto non è tra conoscenze e competenze, ma tra accumulazione delle conoscenze e capacità di servirsene.

- Si cerca di passare dalla pedagogia del sapere e della conoscenza alla pedagogia del saper fare e del sapere agire. Questo comporta spostare l'attenzione dell'attività formativa dai contenuti alla persona, dal sapere alla capacità di apprendere, dall'insegnamento all'apprendimento. Le conoscenze e i saperi sono ancora i fini, ma assumono rilievo come ambito e mezzi dell'azione formativa.

- Si sollecita un cambio di sguardo, di prospettiva per fare della persona la misura del sapere e per assegnare un senso all'apprendimento, sperando in questo modo di formare un'umanità più ricca di consapevolezza e di capacità.

- E' una proposta bella e suggestiva, ma si corre qualche rischio ed è difficile convincere e convincersi che non bisogna partire dal sapere, ma dall'alunno e dalle sue esperienze per organizzare un curriculum.

- Per contrastare procedure didattiche che renderebbero inerti, astratti e formali i saperi e le conoscenze ;per dare spazio alla responsabilità e al protagonismo dell'alunno non è affatto necessario che si debba ridimensionare il valore dei contenuti nei processi formativi. Lo sviluppo e l'incoraggiamento di un atteggiamento attivo dello studente a rigore implica un sovvertimento dei metodi di insegnamento, delle procedure didattiche, ma non l'irrilevanza dei contenuti e dei saperi.

- Per essere in grado di partecipare alla vita sociale ed esercitare i diritti di cittadinanza bisogna prima partecipare alle grandi tradizioni del sapere, fatto possibile se una persona viene istruita, riesce a portarsi all'altezza delle conoscenze e dei saperi che è necessario possedere.Nell'enciclopedia del sapere scolastico ci devono essere contenuti che sono FINI e ci possono e debbono essere contenuti che senza scandalo sono MEZZI per gli scopi e gli interessi che di volta in volta devono essere presi in considerazione per rispondere alle esigenze della società.

- Ci si attende che la scuola prepari per l'avvenire, ma ci si attende anche che la scuola sia il luogo della trasmissione dei valori e della cultura, delle tradizioni, della storia della società alla quale appartiene.Questa duplice esigenza crea delle tensioni, che occorre stabilizzare; le antinomie a scuola hanno una soluzione nella gestione della complessità e non nella loro semplificazione. Cambiare prospettiva, punto d'osservazione non deve significare indebolire il ruolo e il significato dei saperi scolastici, come il ruolo degli insegnanti nell'attività di formazione. Non se ne ricaverebbe alcuna utilità.

- La scuola è l'unico luogo dove è possibile trasmettere e fare appropriare alle nuove generazioni le basi di una cultura comune, unico fondamento per la convivenza e la cittadinanza. La cultura comune non è data, però, da alcune discipline, ma da alcuni specifici contenuti, da principi e valori storicamente determinati e condivisi e non si riduce ad un insieme di competenze chiave. - La cultura comune deve consentire la costruzione dell'identità individuale, così come la pluralità delle fonti che la costituiscono deve educare all'accettazione delle differenze. "Non si tratta di abbracciare tutto ciò che è possibile sapere, ma di apprendere bene ciò che non è consentito ignorare" (J. erry-1881).

Raimondo Giunta





articoli correlati




Postato il Domenica, 09 dicembre 2018 ore 08:30:00 CET di Nuccio Palumbo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi