Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 467368136 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2018

UCIIM - Biblioteca 'Gesualdo Nosengo'
di g-aderno
601 letture

Restiamoalsud - Incontro al Senato docenti e senatrici. Per i docenti in arrivo il 'domicilio professionale'
di g-aderno
592 letture

I Siciliani il 2 di novembre non commemorano i defunti, li festeggiano
di m-nicotra
584 letture

Si fa presto a dire storia
di a-battiato
571 letture

De profundis all'Alternanza Scuola/Lavoro
di a-palumbo
567 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: La metafora del ponte e le responsabilità dell’Educatore

Redazione
La tragedia del crollo del ponte Morandi di Genova ha occupato le colonne  e i palinsesti di tutti i social, segnando a lutto il ferragosto del 2018. Al doveroso ricordo delle vittime che hanno incontrato la morte in modo inatteso e imprevedibile, si sono aggiunte amare critiche ai costruttori e a quanti hanno il dovere di assicurare la manutenzione diligente e costante.
E’ in pericolo la vita del cittadino e l’incuria imperversa. Anche sotto i piloni del grande ponte di Modica e della nostra Autostrada Catania-Messina (conosco bene quelli di Letojanni) sono state costruite le case ed il pericolo è raddoppiato nella conta di eventuali danni, come a Genova, ove l’immane tragedia ha fatto registrare non solo i morti e i feriti, ma anche gli sfollati, perché costretti ad abbandonare le abitazioni.

Camminare sui ponti, sospesi nell’aria tra le valli e i monti, fa sempre tanta paura, eppure si esalta l’ingegno dell’uomo, il genio e l’abilità del progettista che ha saputo costruire questi eccellenti capolavori di architettura.
Quando i ponti cadono - e in questi anni il fenomeno si ripete - si cercano subito le cause e s’inveisce contro l’imperizia del progettista e le deficienze dell’impresa costruttrice. Si cercano le responsabilità dei diversi attori e si attribuiscono colpe e condanne, ancor prima delle indagini della Magistratura, Si prendono provvedimenti di emergenza, si assegnano sanzioni e si mette in moto la macchina della ricostruzione, recuperando i necessari fondi.
Non avviene tutto ciò nel mondo dell’educazione.

Il processo educativo e formativo che la scuola svolge è una “grande opera” che vede in azione docenti educatori, progettisti, operatori, tecnici, amministrativi.
Se tutto andasse bene, dovremmo essere fieri dei positivi traguardi e delle innovazioni tecnologiche che aiutano la scuola italiana a percorrere il sentiero della qualità.
Quando, invece, un ragazzo si perde – “la scuola, purtroppo, conta gli alunni che perde”, diceva Don Milani, è come se fosse caduto un pilone, una campata del ponte, e, dopo la caduta, non si raccolgono neanche le macerie.
Sono molti i dispersi, i casi di abbandono, i ragazzi in crisi che per il mancato successo nello studio si tolgono persino la vita.

Che cosa fa la scuola?  Per alcuni docenti un ragazzo che non frequenta è un peso in meno, una naturale selezione, e si trova anche una giustificazione di vantaggio per potersi dedicare meglio agli altri che rendono……
Anche se le responsabilità ci sono e si possono identificare i colpevoli, nessuno interviene.
Il grande mantello del “sistema scolastico” copre, protegge e nasconde tutto. La coltre dell’ovvietà prevale e domina, basta salvare il numero e la scuola va avanti lo stesso.
Eppure la scuola pensata “di tutti”, unica, obbligatoria e… a parola anche gratuita, non riesce ad essere, come dovrebbe, “scuola per ciascuno”.
“Che io non perda nessuno di quelli che mi sono stati affidati” non è soltanto un auspicio, ma è un dovere professionale, di chi crede a quello che fa e con atto intenzionale educa, istruisce, forma, guida, stimola, accompagna e si prende cura degli alunni affidati.

Come per i ponti il cedimento di un solo elemento strutturale mette in pericolo tutta l’opera, così dovrebbe essere per la scuola e la perdita di un solo alunno dovrebbe mettere in crisi la Comunità scolastica che progetta piani di miglioramento e piani triennali di offerta formativa.
La medesima sollecitazione alla manutenzione ordinaria e straordinaria che si richiede per i ponti e le infrastrutture, dovrebbe essere rivolta anche all’edilizia scolastica, essendo ancora tanti edifici insicuri e inadeguati e, ancor più, all’impresa di costruzione della persona, di cui la scuola è spazio privilegiato e i docenti sono artefici, architetti, ingegneri, professionisti e validi costruttori.

La scuola merita la medesima attenzione che si dedica ai ponti e alle strade e forse anche qualcosa di più, mettendo in gioco il futuro dei cittadini e della società del domani.
La metafora del ponte mette in evidenza la differenza tra il crollo di un ponte, dove è immediato e visibile il danno provocato, e una cattiva educazione, un mancato servizio, una scarsa cura e limitata professionalità nell’arte di insegnare che provoca l’allontanamento di un ragazzo dalla scuola, mortifica il suo entusiasmo, gli fa odiare alcune materie per tutta la vita.

Questi vuoti rimangono incolmabili e tante carenze sono irrecuperabili. I danni provocati da una mancanza di stile educativo, di attenzioni e di accoglienza durano negli anni e lasciano delle profonde cicatrici.
Accanto ai tanti docenti bravi che costruiscono e fanno tanto bene c’è a volte qualcuno che distrugge, che non guarda i suoi alunni, che non entra in sintonia con la classe, che non pensa al futuro dei ragazzi che gli sono stati affidati e si limita a trasmettere nozioni, senza incidere sull’educazione e su un efficace apprendimento, capace di modificare il modo di pensare, di sentire e di agire.
L’insegnamento senza apprendimento è sterile e infruttuoso e per incidere sulla formazione degli studenti e sullo sviluppo delle loro competenze, occorre un’alta professionalità, curata anche da una costante formazione e da un diligente percorso di aggiornamento.

Se i ponti e il calcestruzzo dopo cinquant’anni invecchiano e devono essere abbattuti e ricostruiti, così dovrebbe avvenire per la scuola con un ricambio adeguato e una qualificata classe docente nuova, fresca, carica di energia e di entusiasmo; caratteristiche che non appaiono in certi docenti, che sono stanchi e, in attesa della pensione, vivono la scuola come un peso da cui liberarsi.
Rifacciamo i ponti, utilizziamo il meglio che abbiamo, valorizziamo le conquiste ottenute e andiamo avanti .

Giuseppe Adernò








Postato il Giovedì, 16 agosto 2018 ore 12:00:00 CEST di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi