Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 443244229 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2018

Odontoiatria speciale riabilitativa nelle scuole della città di Catania
di m-nicotra
1206 letture

Mobilità ciclistica urbana a Misterbianco. Primo Progetto Integrato di attuazione della Legge 2/2018
di m-nicotra
1038 letture

Fascinating Folktales. Scambio interculturale con la Doon Public School di Delhi e il liceo Artistico Renato Guttuso di Giarre
di m-nicotra
855 letture

Realtà scandalosa: pensioni da fame nel mondo della scuola
di m-nicotra
772 letture

Invasioni digitali in Grecia del liceo internazionale Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
771 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Cancellazione dalle GAE dei DM? Alcune precisazioni ...
·Organici, un altro colpo alla scuola pubblica
·Differenza fra sospensione attività didattiche e chiusura scuole solita disparità di trattamento
·Dissenso, antifascismo e libertà: solidarietà alla maestra Cassaro
·Generare cambiamento. Dirigere oggi la scuola di domani


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Il presidente Musumeci: spero che in ogni scuola dell’Isola possa essere allestito un presepe

Istituzioni
In risposta alle tante sciocchezze innovative e rivestite di "modernità", di "laicità", di apparente rispetto delle diverse religiosità, che hanno portato a modificare anche il nome del Natale, denominata "festa della luce" il neo presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, inaugurando il presepe artistico al Palazzo d'Orleans, allestito dai maestri di Caltagirone, Salvatore Milazzo e Michele Zavatti eri, ha detto con chiarezza e ferma convinzione: "Spero tanto che in ogni scuola dell'Isola possa essere allestito un presepe. Lo ritengo un utile momento di partecipazione e di creatività, ma anche un modo per raccontare il senso della famiglia in una stagione di grande smarrimento, a prescindere dal doveroso rispetto per ogni credo religioso".

Anche l'assessore alla Pubblica istruzione Roberto Lagalla ha dichiarato che "la presenza del presepe nelle scuole serve a valorizzare un simbolo della nostra tradizione che, in un momento sociale così complesso e difficile, può contribuire a rafforzare l'identità culturale della nostra terra".
Dalla terra di Sicilia giunge una lezione di vera civiltà e di rispetto della storia e della religiosità che si alimenta anche di tradizione e di folclore.

La modernità consumistica ha trasformato il senso della festa che ha il suo focus e nella centralità dell'umile grotta di Betlemme, ha fatto perdere il vero senso del Natale che è "dono- pace- armonia", ed ha reso i corollari minori: i regali, la cena, il pranzo, il gioco più importanti della vera festa religiosa ancor prima che civile.
Rileggendo una poesia di Trilussa si recupera il senso del presepe che diventa occasione e stimolo di riflessione.

"Ma che li fate a fa' sti presepi? Si poi v'odiate,
si de st'amore non capite gnente...

La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca sempre de fallo più sfarzoso,
però cià er core freddo e indifferente
e nun capisce che senza l'amore
è cianfrusaja che nun cià valore.

Fare il presepe a scuola o nei luoghi pubblici trasmette il senso vero della festa e dà centralità al "festeggiato" nel ricordo della sua nascita. "Se togliamo Gesù, cosa resta del Natale" ha detto Papa Francesco benedicendo i bambinelli dei ragazzi in Piazza San Pietro.

Il rispetto della laicità non deve soffocare la manifestazione esterna di una tradizione e di una prassi carica di valori simbolici, ancorati alla radice della storia millenaria del Paese. Al leader della comunità islamica di Pordenone Iman Mohamed Hosny, che suggerisce " a scuola, meglio l'albero che è per tutti" o a quei dirigenti scolastici che in diversi parti d'Italia alzano la bandiera della "falsa laicità" si potrà rispondere che il Natale è una festa cristiana" "Come ha affermato uno dei principi della laicità, Benedetto Croce, in un suo grande saggio dal titolo emblematico "Non possiamo non definirci cristiani", "i valori del cristianesimo hanno fecondato la cultura, la letteratura, la musica e l'arte del nostro mondo e ancora oggi tali valori costituiscono un prezioso patrimonio da conservare e trasmettere alle future generazioni così da consentire ai bambini di vivere il Natale nella sua autenticità".

Cancellare il presepe, con tutte le iniziative, canti, recite, manifestazioni di solidarietà, significherebbe cancellare la nostra identità. Ben venga una scuola interculturale, ma colpire gli emblemi del Natale non garantisce il rispetto di alcunché, non produce una scuola e una società accoglienti e inclusive. I simboli della nostra Fede e della nostra Tradizione come quello del Presepe, non discriminano nessuno. È inconcepibile eliminare dalla scuola i riferimenti di una delle più importanti festività cristiane: così non si rispetta il credo religioso della maggioranza delle persone che comunque hanno il loro riferimento nella fede cristiana.
Costruire insieme il presepe, in accordo con i genitori degli alunni, può costituire inoltre un'occasione preziosa per sviluppare rapporti significativi e profondi di conoscenza e di cooperazione tra la scuola e la famiglia.
Il presepe è elemento fondante della nostra tradizione storica ed artistica, oltre che immagine legata alla religione cattolica.

Esso si presta a una serie di letture a più livelli; una fra queste è il constatare come la processione di adulti di diversa provenienza, dalla diversa storia, dalla diversa estrazione sociale, dalla diversa ideologia e cultura che si muove e si dirige verso un bimbo che nasce, è un moto corale che all'unisono costituisce un inno universale alla vita e all'infanzia. E questo un vero e incisivo messaggio che la scuola multietnica e inclusiva possa dare.

Giuseppe Adernò









Postato il Martedì, 19 dicembre 2017 ore 07:00:00 CET di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi