Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 457208767 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2018

Sicilia terra d’accoglienza al II Circolo Didattico 'G. Mazzini' di Bronte
di m-nicotra
1479 letture

Personale Scuola Secondaria di II grado - Movimenti a.s. 2018/2019
di m-nicotra
1246 letture

Incarichi, mansioni, servizio e riconoscimento economico dei Collaboratori dei DS nell’anno scolastico 2017-2018
di m-nicotra
826 letture

Ultima Mobilità con studenti in Spagna. Progetto Erasmus+ KA2 'Tradigames around Europe'
di m-nicotra
691 letture

Nicolosi ricorda Gioacchino Russo Morosoli patron della Funivia dell’Etna
di m-nicotra
682 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·La toppa di Giuliano sullo sciopero è peggio del buco
·Con le maestre in lotta, per cambiare le politiche sula scuola
·Diplomati magistrali, una sentenza gravissima, adesso mobilitazione
·il governo inventa l’alternanza scuola/guerra
·Manovra. Scuola: rimuovere l’anomalia dei docenti ingabbiati


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: La difficile scommessa dell’istruzione professionale / 7 - conclusioni

Redazione
Il modello formativo dichiarato per gli Istituti Professionali è il sistema duale, introdotto di fatto in Italia con la riforma del mercato del lavoro e con la cosiddetta Buona Scuola ;un modello formativo integrato tra scuola e lavoro , mutuato dalla Germania;un modello che propone la prevalenza delle esperienze lavorative sulle discipline scolastiche. Il sistema duale non vuole essere solo un intervento specifico di ordine metodologico , ma un approccio generale per una politica di transizione dall'istruzione al lavoro. Che ne faccia esperienza innanzi tutto l'Istruzione Professionale non deve sorprendere, perchè fin dagli inizi della sua storia ha fatto parte delle politiche sociali in termini di lotta alla disoccupazione, di promozione e di tutela delle condizioni individuali dei lavoratori.

La disoccupazione giovanile è un problema di cui certamente il sistema di istruzione deve farsi carico, ma è non risolvibile solo dal lato dell'offerta del lavoro e in assenza di cospicui e costanti investimenti nel sistema produttivo. Senza adeguata vigilanza con le nuove norme si rischia di rendere l'istruzione professionale in modo prevalente uno strumento di politica economica e un fattore di sviluppo produttivo, subordinati, però, agli interessi e alle strategie del mondo delle aziende. In questa prospettiva non è certamente il sistema scolastico a dire la prima parola e a porre le condizioni del rapporto. In linea generale non è un buon segnale che si restringa lo spazio della cultura e dell'istruzione generale, come si è fatto, perchè di ciò si ha bisogno per educare , per avere buoni lavoratori e buoni cittadini. Col solo addestramento non si va molto lontano.

Il ricorso intensivo alle pratiche laboratoriali e soprattutto alle attività di alternanza e a quelle di apprendistato, più complesse di quanto si pensi, senza un alto controllo epistemologico sui vari momenti del rapporto tra teoria e prassi puo' condurre alla banalizzazione dei saperi, all'impoverimento degli apprendimenti , ad una complessiva preparazione professionale soggetta a facili deperimenti e potenzialmente non adeguata a seguire e a confrontarsi con gli sviluppi tecnologici dell'apparato produttivo. Michele Pellerey a proposito delle esperienze di alternanza e di apprendistato ricorda che tra esperienza in azienda e interventi formativi nelle scuole e nelle istituzioni formative va attivata una vera e propria circolarità:l'apporto conoscitivo offerto nei luoghi di formazione deve trovare riscontro nelle esperienze lavorative e le esperienze lavorative devono trovare spazio di riflessione critica e di consapevolezza progressiva all'interno degli interventi delle scuole e delle istituzioni formative. Se manca questa tensione si rischia di disarticolare e di rendere confuso e precario il corso delle attività didattiche. E questo non sarebbe certamente ciò che si ripromette la nuova Istruzione Professionale, che si configura senza dubbio come un campo sperimentale da osservare con attenzione in queste pratiche e in quelle di accompagnamento e nella flessibilità organizzativa. E' opportuno, tuttavia, ricordare che la buona riuscita delle attività di alternanza e di apprendistato dipende anche dalla qualità dei tutor e in modo particolare di quello aziendale, in genere non appositamente formato per questa mansione.

L'insieme delle innovazioni metodologiche e curricolari, sulle quali ci si è soffermati nelle note precedenti, ci consegna un indirizzo di istruzione quasi descolarizzato, come richiesto da alcune parti sociali. Hanno sicuramente differenziato l'Istruzione Professionale dall'Istruzione Tecnica , ma l'hanno reso tale e quale la Formazione e Istruzione Professionale Regionale. La differenza sta tutta nella durata quinquennale, finchè si avrà la capacità di difenderla dalle sperimentazioni che propongono i quattro anni per gli istituti del secondo ciclo. A questo punto e così ridotta l'Istruzione Professionale, verrebbe voglia di chiedersi per quali motivi si ritiene necessario tenerla ancora al Ministero della Pubblica Istruzione e nelle competenze dello Stato. Logica vorrebbe che con armi e bagagli passi alle cure e alle attenzioni delle Regioni. Si è deciso invece di istituire nuove modalità di rapporto tra l'Istruzione Professionale e l'Istruzione e Formazione Professionale Regionale.

Con decreto del Ministero della pubblica istruzione di concerto con il Ministero del lavoro e con quello dell'Economia e delle finanze , previa intesa in sede di Conferenza permanente tra Stato e Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano saranno definiti i nuovi criteri generali per favorire i raccordi tra i due settori dell'istruzione a carattere professionale e per la realizzazione dei percorsi che conducono alla qualifica e al diploma professionale da realizzare negli Istituti Professionali. Per facilitare il dialogo tra Istruzione Professionale e Istruzione e Formazione Regionale viene istituita la Rete Nazionale delle Scuole Professionali.

La Rete è un contenitore di cui faranno parte gli istituti professionali statali e le istituzioni formative regionali "nel rispetto della loro diversa identità e pari dignità"(art. 7 decreto legislativo n. 61/2017)per promuovere l'innovazione, il permanente raccordo col mondo del lavoro, per rafforzare gli interventi di supporto alla transizione dalla scuola al lavoro, per diffondere e sostenere il modello duale realizzato in alternanza scuola -lavoro e in apprendistato e per l'aggiornamento periodico degli indirizzi di studio. Per queste finalità la Rete delle Scuole Professionali si raccorderà con la Rete Nazionale dei Servizi per le Politiche del Lavoro, di cui all'art. 1 comma2 del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 150. Si chiude in questo modo il cerchio tra mondo delle scuole professionali e le istituzioni preposte alle politiche del lavoro e si dà qualche soddisfazione alle sollecitazioni della Comunità Europea di sviluppare l'apprendimento basato sul lavoro. Si dice per sviluppare la cultura del lavoro o forse per accettare il lavoro come è stato ridotto.

La nuova Istruzione Professionale dovrebbe partire dall'a. s 2018/2019 e , a prescindere dalle valutazioni espresse in questa e nelle note precedenti, chiaramente senza un lavoro serio di preparazione di tutto il personale della scuola, che indichi con chiarezza il significato di ogni passaggio di questa riforma e il modo più razionale di realizzarlo, questo importante settore del sistema di istruzione nazionale puo' sfasciarsi, mandando in aria tutti i suoi buoni propositi. Ancora una volta fallirebbe l'impresa di rendere attrattiva l'Istruzione Professionale e svanirebbe l'ambizione di legare le competenze formate nel sistema di istruzione con i profili professionali del mondo del lavoro.

Raimondo Giunta





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Sabato, 16 dicembre 2017 ore 07:30:00 CET di Nuccio Palumbo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.38 Secondi