Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486053119 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1254 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
967 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
744 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
721 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
662 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Pensioni: È fatta su accordo Ape per lasciare il lavoro fino a 43 mesi prima con l’assegno ridotto del 25%. Anief: l’insegnamento tra le professioni usuranti

Sindacati
Sul testo definitivo si potrebbe chiudere domani: per i nati tra il 1951 e il 1954 che aderiranno, si prospetta un assegno di quiescenza lontanissimo rispetto a quello percepito dagli attuali pensionati che hanno versato persino meno contributi. La riforma Fornero, infatti, introducendo il contributivo, ne ha già ridotto la consistenza di oltre il 20%. La restituzione dei tre anni e 7 mesi di “scivolo” farà ‘dimagrire’ la pensione di un’altra percentuale simile: per ogni anno d’anticipo pagherà il 5% o il 6% dell'assegno, da restituire in 20 anni. Se si utilizza appieno lo strumento, andando via 3 anni e 7 mesi prima, la quota oscillerà tra il 15% e il 18%. Vi è, poi,  l'interesse alla banca e il premio assicurativo anti-premorienza; si arriva a togliere, quindi, un altro 20-25%.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): è immorale e ingiusto privare un pensionato del diritto di vivere la terza età su livelli proporzionali con i contributi versati. Non comprendiamo perché non abbiano inserito l’insegnamento tra le attività usuranti. Se va bene, sarà concesso solo ai maestri d'asilo. Certamente, le docenti della scuola dell’infanzia svolgono tra le professioni più a rischio burnout, quindi, tra coloro che non debbono restituire nulla in cambio dell’anticipo. Ma è l’insegnamento intero a comportare patologie e stress, quindi, anche per chi insegna nella primaria e secondaria. Se, invece, a decidere per la vita delle persone devono continuare a essere le coperture indicate dal Mef, allora è meglio che lo dicano subito.
“Non abbiamo mai sopportato il ‘dimagrimento’ e lo slittamento delle pensioni di chi ha lavorato per una vita, voluto dalla Fornero tra le lacrime. Ora si sta chiudendo, probabilmente già domani, su un accordo che prevede l’ammortamento dell’assegno di quiescenza, con l’applicazione del prestito oneroso da restituire in vent’anni, per lasciare fino a 43 mesi prima. Francamente, è troppo”. A dirlo è Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal, commentando il via libera dei sindacati maggiori a progetto del Governo sulle modalità di attuazione dell’Ape, l'anticipo pensionistico per tentare di salvare tanti lavoratori dall’assurdo innalzamento generalizzato dei requisiti introdotto dalla riforma pensionistica avvenuta sotto il Governo tecnico di Mario Monti.
Il cerchio si sta chiudendo attorno a un'Ape riservata ai nati tra le fine del 1950 e il 1954: quest’ultimo potrà essere chiesto dall'anno prossimo a partiredai 63 anni di età e quindi a 3 anni e 7 mesi dal pensionamento di vecchiaia. Il periodo di sperimentazione del sistema dovrebbe essere di 2 anni e, per il momento, potranno uscire dal lavoro nel 2017 soltanto i nati fino al 1954, una volta compiuti 63 anni. Solo per le categorie disagiate (per chi percepisce una pensione fino a 1.200 euro netti) e logoranti (ad esempio chi lavora nell’edilizia o gli infermieri), l'anticipo dovrebbe essere sostanzialmente gratuito, perchè da restituire attraverso una soluzione fiscale praticamente “indolore”.
Chi percepirà una pensione lorda superiore a 1.500 euro e non rientra nelle professioni logoranti, per ogni anno di anticipo pagherà circa il 5% o il 6% dell'assegno, da restituire sempre in 20 anni. Se si è utilizzato appieno lo strumento, andando via 3 anni e 7 mesi prima, la quota oscillerà tra il 15% e il 18%. Vi  è, anche , l'interesse alla banca e il premio assicurativo contro la premorienza; quindi, si arriva al 20-25% in meno dell’assegno.
Secondo Anief-Cisal, restituire per due decenni una cifra che tra i lavoratori della scuola varia tra i 150 e i 200 euro al mese rappresenta tutto fuorché un’occasione ‘da non perdere’. Stiamo parlando, tra l’altro, già di pensioni fortemente penalizzate dal passaggio dal sistema retributivo a contributivo: il nuovo sistema ha, infatti, decurtato le pensioni di percentuali sostanziose, almeno il 20%, di quelle assegnate sino alla riforma Fornero.
“Secondo il nostro sindacato – continua Pacifico – è immorale e ingiusto privare un pensionato del diritto di vivere la terza età su livelli proporzionali e in linea con i contributi versati. Al tavolo di questa partita, le due parti, pubblica e sindacale, farebbero bene a prendere piuttosto in considerazione l’insegnamento tra le attività usuranti senza fermarsi ad alcune professioni, come coloro che operano nell'edilizia e gli infermieri. Se tutto va bene, nella lista ristretta rientreranno le maestre d'asilo; quello delle docenti della scuola dell’infanzia va annoverato, infatti, tra le professioni più a rischio burnout, quindi tra coloro che non debbono restituire nulla in cambio dell’anticipo”.
“Quello che non si comprende - dice sempre il sindacalista Anief-Cisal - è perché lo stesso trattamento, il riconoscimento del logorio professionale, non venga riconosciuto anche a chi ricopre l’incarico di docente della scuola primaria e della secondaria. L’insegnamento, infatti, comporta patologie e stress a tutti i livelli scolastici: non è un’opinione ma un dato accertato da studi internazionali. Se, invece, a decidere per la vita delle persone, in carne e ossa, devono continuare a essere le coperture indicate dal Ministero dell’Economia, allora è meglio che lo dicano subito, evitando di cadere in palesi contraddizioni. Percepire per vent’anni, da pensionati e dopo una vita di lavoro, un assegno di quiescenza quasi dimezzato, appare ai nostri occhi un’ipotesi davvero impraticabile”.
Ricordiamo che, oggi, con le nuove norme pensionistiche, un lavoratore va in pensione al raggiungimento di 42 anni e 10 mesi di anzianità di servizio per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne (prescindendo dall’et), oppure 66 anni e 7 mesi di età da attuare assieme al raggiungimento di 20 anni di servizio entro il 31 dicembre 2016.
“Nel frattempo, in altri Paesi europei, si continua a andare in pensione senza ‘trappole’ o tranelli.Un docente della Germania, lascia l’insegnamento dopo 24 anni di servizio e senza decurtazioni, percependo una pensione quasi doppia rispetto ai nostri. In Italia, invece,per più di quattro pensionati su dieci l'assegno non arriva neppure a mille euro al mese.Ora si chiede di percepire una cifra di questo genere, andando in pensione a 65 anni, facendola passare per una scelta anticipata. Se guardiamo al futuro, c’è poi da mettersi le mai nei capelli: chi è stato immesso in ruolo nell’anno della Buona Scuola, ad esempio, andrà in pensione solo a 70 anni con assegni sicuramente sotto i mille euro”, conclude il sindacalista.
Anief comunica che per far fronte alle esigenze di migliaia di associati interessati all’argomento in questione, il giovane sindacato ha siglato una convenzione con il Centro servizi Cedan, società autorizzata ad erogare, per mezzo della confederazione Cisal, servizi di Caf e patronato: sarà possibile avvalersi di tali servizi scrivendo a  info@cedan.it....

Anief.org








Postato il Domenica, 18 settembre 2016 ore 06:48:01 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi