Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480148937 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
877 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
853 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
676 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
664 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
621 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche
·ASA Scuola - Il verbale d’invalidità anche se scaduto è ancora valido: da rifare l’assegnazione provvisoria di scuola dell’infanzia della provincia di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Concorso Docenti: Accoglimenti dei ricorsi per l'accesso al concorso: alcuni chiarimenti e necessarie annotazioni politiche

Sindacati
Arrivano i primi accoglimenti e il Ministro e l'On. Malpezzi del PD si sbracciano a difendere mediaticamente la loro posizione, replicando indirettamente le recenti pronunce dei Tribunali che hanno ammesso i non abilitati alle prove del Concorso 2016. La loro posizione, non poteva essere altrimenti, va nella direzione della difesa del bando del Concorso stesso che ha escluso i non abilitati, criterio stabilito dalla L. 107, che ha definito in maniera del tutto opinabile i criteri d'accesso al concorso pubblico, almeno in ambito scolastico. Il Ministro ha chiarito che i ricorrenti potranno sostenere le prove solo dietro la presentazione di decreti cautelari, invitando gli USR a rispettare la norma. Ciò significa che, in assenza di questi decreti, i ricorrenti non potranno partecipare alle prove nel giorno previsto per la loro classe di concorso e dovranno attendere l'eventuale organizzazione di sessioni suppletive per poter effettuare  le prove stesse. Se i ricorrenti non otterranno entro domattina, quindi, provvedimenti d'urgenza, qualora si presentassero alle prove, non avrebbero speranza di partecipare, vista la precisazione del Ministro, alla quale sicuramente i Dirigenti regionali si allineeranno.

Questa situazione, però, va necessariamente letta politicamente, soprattutto dopo le dichiarazioni che ribadiscono la legittimità dell'esclusione dal concorso dei non abilitati, come stabilito dalla legge. Ma quanti si sono chiesti quale sia veramente lo spirito dietro questa iniqua legge? Il “Concorsone” del 2012 aveva tentato la stessa parziale esclusione, impedendo l'accesso a determinati blocchi di laureati. Tuttavia i Tribunali li hanno ammessi, rilevando come il bando non potesse irragionevolmente escluderli, viste anche le disattenzioni normative e procedurali che hanno caratterizzato il sistema di reclutamento scolastico per oltre dieci anni.

Poi, nel 2015, arriva la Legge 107 e, come il Governo vuol far credere, pretende di mettere ordine in una materia complessa e annosa, come il precariato scolastico, frutto di una stratificazione irrazionale e di scelte politiche di volta in volta diverse a favore di un sistema di formazione mai rispettoso delle persone o dei bisogni del reali del sistema. Ecco, qui è il nodo: può una legge aggirare le sentenze escludendo possibili candidati ad un concorso pubblico, candidati per altro già pienamente inseriti nel sistema di reclutamento a tempo determinato, in modo assolutamente cinico e senza ripensamenti?

Diverso sarebbe stato, in un quadro politico rispettoso delle persone, dei cittadini, oltre che dei titoli e delle professionalità, se la scelta di riservare un concorso agli abilitati fosse stata completata da una adeguata programmazione volta ad assorbire quel precariato pregresso, assunto dalla III fascia d'istituto, precariato non autogeneratosi ma con il quale anche l'attuale amministrazione ha siglato migliaia di contratti, nonostante i proclami demagogici e vuoti che hanno accompagnato il varo de “La Buona Scuola” contro la “supplentite”. Invece, l'esclusione dei non abilitati non è nemmeno stata confortata dall'annuncio di percorsi abilitanti, né ordinari né straordinari, questi ultimi richiesti dal 2014, per risolvere il problema dei docenti non abilitati con anni di servizio alle spalle e per rispondere alla nuova prospettiva imposta dall'attuale Governo di accedere al reclutamento solo con il famigerato titolo abilitante.

Lo stesso titolo, tuttavia, non sembra essere necessario per fare da tappabuchi in un sistema nel quale i recenti piani di assunzione hanno avuto un impatto insignificante, non avendo escluso minimamente il ricorso al precariato, anche non abilitato, e senza lasciare intravedere alcuna soluzione adeguata alla categoria nei prossimi anni, date le premesse e l'insufficienza dei posti messi a bando rispetto alle esigenze del sistema.

Insomma, dal nostro punto di vista, i criteri scelti per il bando dell'attuale concorso sono totalmente inadeguati, sia per gli esclusi, sia per coloro i quali è rivolto, di fatto a loro volta esclusi insensatamente dai piani di assunzione attuati. A cosa serve un concorso per selezionare abilitati, ovvero docenti già formalmente “perfetti” per esercitare la professione che già esercitano? E perché un docente non abilitato non può dimostrare le sue capacità e competenze attraverso un concorso pubblico, strumento che è servito in tutta la storia della Repubblica proprio per stabilire l'accesso alle professioni? La politica non risponde, non risolve, anzi genera nuove contraddizioni e, cosa assai più grave, stabilisce nuove regole che danno vita a nuove disparità, non rispettando nemmeno i principi costituzionali di equità ed uguaglianza.

In modo discutibile, poi, il mondo politico si sbilancia in previsioni, sostenute dall'attuale legge, auspicando l'esclusione dal concorso, nel merito, dei non abilitati, a dispetto delle cautelari. In mancanza di griglie di correzione adeguate che, nonostante le richieste, non sono state ancora rese note, come possiamo escludere che al merito non si arriverà mai e che i ricorrenti, per i quali saranno forse attivate sessioni suppletive, quindi individuabili, saranno adeguatamente valutati?
Si tratta di uno scenario sicuramente delirante ma, nel clima di totale ambiguità in cui è avvolto questo concorso, ogni scenario, se non altro, appare possibile.

Valeria Bruccola, Coordinatrice Nazionale Adida
adida.associazione@gmail.com








Postato il Lunedì, 02 maggio 2016 ore 06:30:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi