Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483668092 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4260 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1414 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
816 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
738 letture

L’Anima e il Corpo (Parte I)
di m-nicotra
629 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
·Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
·26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
·Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
·Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


TFA e PAS: Quale futuro per gli abilitati PAS?

Redazione
Vessata da tutti e oggetto di disinformazione, diffamazione e persino calunnie, la categoria dei docenti abilitati attraverso i PAS è, tra le altre, la più tartassata, se si pensa alla sorte inaccettabile riservata a quanti di loro hanno conseguito l'abilitazione frequentando con riserva i percorsi abilitanti, dietro provvedimento cautelare. Il loro travagliato iter, iniziato nel 2013, non solo non si è ancora concluso ma, come per altre categorie che si sono rivolte alla magistratura per vedere riconosciuti i loro diritti, ha visto la definizione di sentenze e provvedimenti dissimili aumentando il danno con la beffa. Alcuni, infatti, sono entrati a pieno titolo almeno nelle graduatorie d'istituto di II fascia, altri, ancora aspettano che sia fissata l'udienza di merito, senza alcuna prospettiva a breve termine. Il danno per questi docenti, che hanno conseguito l'abilitazione attraverso un percorso di studi con esami in itinere ed esame finale abilitante, spendendo fino a 2500 euro a testa, è enorme: il mancato accesso agli incarichi di docenza per l'anno scolastico in corso, se continua così pure per il prossimo, e l'esclusione dall'imminente concorso, visto che il tribunale non è ancora entrato nel merito della vicenda e, vista la giurisprudenza positiva, sciolto la riserva.

Intanto, essendo almeno un migliaio di persone, il loro "merito" è stato quello di fare incassare almeno tre milioni di euro alle università, chissà quanto agli avvocati per farsi assistere nei ricorsi, senza riuscire ad ottenere che sabbia tra le mani. Il loro titolo è valido ma con la riserva giuridica che li caratterizza non possono accedere a nulla. Non ovunque però, perché in alcuni tribunali più solerti, la riserva è stata contestualizzata e ha avuto come conseguenza la presa d'atto delle amministrazioni scolastiche regionali che stanno procedendo con l'inclusione a pieno titolo nelle graduatorie di merito corrispondenti al profilo dei docenti, la seconda fascia d'istituto, in attesa dei provvedimenti definitivi. Questa difformità regionale, inoltre, è accentuata dai casi in cui i ricorsi invece si sono conclusi positivamente, permettendo ai docenti di entrare a pieno titolo e definitivamente in graduatoria.

"Figliastri" già, perché abilitati PAS, grazie ad una campagna vessatoria a tutto campo, condotta persino al MIUR che i PAS li ha posti in essere per sanare anni di incapacità di dotare il sistema di formazione dei docenti di strumenti adeguati ai propri dipendenti, gli abilitati PAS con riserva il titolo lo possiedono, ottenuto dimostrando capacità e competenze, ma devono aspettare che la lentezza giurassica della magistratura faccia il suo corso, oberata dalla mole di ricorsi che caratterizzano il settore scolastico. Politiche inadeguate e illogiche hanno infatti portato a cercare fuori dalla politica e nelle aule dei tribunali una giustizia per lo più tradita dalla difformità di giudizio e dalla lentezza stessa dei procedimenti. Ciò che è diritto, in questi ultimi anni, è diventato concessione, ciò che è legittimità pretesa. E così, contro i criteri che impedivano a docenti con comprovata esperienza professionale di accedere a corsi abilitanti a pagamento, con tanto di esami e esame finale al cospetto anche di un Commissario del MIUR, il ricorso è sembrata l'unica soluzione. E' sembrata, perché di soluzione non se ne parla ancora, lasciando nel limbo e fuori da tutto persone inserite nel sistema scolastico nazionale da anni. Per sbloccare la situazione, tuttavia, non è ancora bastata la giurisprudenza positiva che si è consolidata in questi anni a favore dei ricorrenti, alcuni dei quali hanno persino ottenuto il riconoscimento dei 360 giorni di sevizio svolto, così come per decenni è stato definito come sufficiente per accedere ai percorsi abilitanti, riconoscendo come immotivata la scelta del MIUR di innalzare il parametro a tre anni di servizio, evidentemente voluto per limitare gli accessi ai PAS, utilizzando, stravolgendone il significato, il parametro dei tre anni di esperienza professionale quale riconoscimento "d'ufficio", definito dalla normativa europea per uniformare gli accessi alle professioni e permettere la libera circolazione dei cittadini europei in ogni Paese.

I docenti italiani con anni di servizio, se questi non erano perfettamente aderenti ai parametri arbitrari e discutibili fissati dal MIUR, hanno dovuto ricorrere per vedere rispettato il loro diritto alla formazione, diritto Costituzionale, hanno pagato corsi e superato esami ed esame finale abilitante, ed ora, se non ricorrono ancora per vedere rispettata la loro fisionomia di docenti abilitati, sono esclusi da tutto, in attesa di una sentenza di merito a data da destinarsi. Perché devono pagare lo scotto del sovraccarico di lavoro dei tribunali, intasati dal proliferare delle cause legate ad una gestione scriteriata delle vicende professionali degli insegnanti? Vista la giurisprudenza positiva che permette di ipotizzare un esito positivo dei ricorsi ancora in sospeso, non sarebbe più sensato e "umano" decidere politicamente una soluzione adeguata al caso, visti anche i precedenti parlamentari che con emendamenti hanno definito lo scioglimento della riserva di migliaia di abilitati. Forse erano altri tempi, quelli in cui ci si assumeva la responsabilità di prendere decisioni a favore dei cittadini. Ora assistiamo invece all'irresponsabilità di una politica che disattende le sentenze, figuriamoci se si tratta di agevolarne il corso. La soluzione sarebbe quella di ricorrere di nuovo, per ottenere provvedimenti cautelari in attesa del merito... Quanto si potrà andare avanti in questo modo? Senza una presa di coscienza a livello parlamentare della gravità della situazione, temiamo una ulteriore impennata di contenziosi. Vedremo...

Valeria Bruccola, Coordinatrice nazionale Adida
adida.associazione@gmail.com








Postato il Martedì, 23 febbraio 2016 ore 03:30:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi