Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 415085400 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2018

Chiudono le scuole paritarie, 104 in Sicilia. Alleanza tra genitori e docenti e all’orizzonte il costo standard
di g-aderno
1278 letture

Notte Nazionale del Liceo Classico al Liceo Spedalieri – IV edizione – Natura Naturans
di m-nicotra
1004 letture

Legge di Bilancio 2018: l’insoddisfazione dei Collaboratori dei DS. Appello alle forze politiche
di m-nicotra
840 letture

In varietate concordia…. IV Edizione 'Notte Nazionale dei Licei Classici 2018' al Convitto Mario Cutelli - Catania
di a-oliva
687 letture

Future Lab, il Marconi polo formativo in Sicilia
di m-nicotra
668 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Grande successo dello sciopero e della manifestazione al MIUR delle diplomate/i magistrali
·Plenaria: mobilitazione per l’8 gennaio. Il movimento dei precari della scuola non si arresta e non si arrende
·Associazioni escluse dall'alternanza scuola lavoro: DiSAL al Ministro
·Quale contratto, quale stato giuridico e quale scuola per gli insegnanti 2.0?
·Basta con il premio di sedicente 'merito' ai/alle fedelissimi/e dei dirigenti scolastici, basta con il 'cerchio magico' del preside


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: Scatti stipendiali ai docenti, vittoria anche in Corte d’Appello di Salerno

Giurisprudenza
Ancora una vittoria presso la Corte salernitana, dopo una lunga battaglia giudiziaria durata diversi anni. La storia di questo docente come quella di altri parte da lontano, quando da pochissimo era iniziata la lotta in favore degli insegnati precari a tutela dei loro emolumenti economici, più nello specifico per il riconoscimento della progressione stipendiale. Orbene, nel 2010 presso il Tribunale di Nocera Inferiore sez Lavoro il docente aveva ottenuto un Decreto Ingiuntivo con cui si ingiungeva al MIUR il pagamento degli scatti stipendiali mai percepiti, a seguito della notifica del Decreto Ingiuntivo il Ministero proponeva opposizione, per cui si instaurava un giudizio a cognizione piena innanzi al Tribunale medesimo. Il giudizio terminava nel 2012 con una sentenza che rigettava l’opposizione del MIUR e riconosceva la progressione stipendiale in favore del docente. IL MIUR, però, non demordeva e quindi proponeva appello nei confronti della decisione e dopo alcuni anni, finalmente, la Corte di Salerno confermando un orientamento già intrapreso l’anno precedente accoglie in pieno le richieste del docente.

Vicenda, non dissimile a questa, è quella di altro insegnante, che già nel 2009, (forse uno dei primissimi in Italia) aveva ottenuto innanzi al Tribunale di Salerno lo stesso Decreto Ingiuntivo, da cui era scaturito altro giudizio terminato poi sempre in Corte d’Appello, che anche in questo caso nel 2014 aveva riconosciuto la progressione economica in favore dei docenti precari.

Le sentenza della Corte salernitana del 2015 (anche a seguito della sentenza del 2014), si esprime in maniera molto chiara e perentoria sul punto, infatti dopo aver sottolineato la portata generale del principio di non discriminazione e di parità di trattamento dei lavoratori espresso dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) prosegue osservando “…le modalità di selezione del personale docente non hanno, né possono avere, alcuna incidenza sulle modalità di esecuzione della prestazione lavorativa, atteso che sia i dipendenti di ruolo che quelli.non.di.ruolo svolgono la medesima attività, con l’unica differenza che il personale non di ruolo non fruisce degli scatti di anzianità, che vengono invece riconosciuti dalla legge ai soli lavoratori di ruolo.”…”le mansioni in concreto assegnate sono identiche a quelle già svolte dai lavoratori a tempo indeterminato. A fronte della identità di mansioni, non appare pertanto giustificata la disparità di trattamento sul piano retributivo.”…” l’oggettiva disparità di trattamento che sussiste, sotto il profilo retributivo, potrebbe ritenersi giustificata solo quando fosse dimostrata l’esistenza di ragioni oggettive, strettamente attinenti alle modalità di svolgimento della prestazione e che non possono consistere nel carattere temporaneo del rapporto di lavoro.” In ultimo sottolinea che “Alla stregua dei principi affermati dalla normativa comunitaria, come precisati e ribaditi anche dalla.CGUE…normativa comunitaria che, in quanto norma “interposta” e di rango sovranazionale, prevale sulle leggi nazionali eventualmente in contrasto con essa”.

Le vicende giudiziarie seguite da questo studio legale in favore del personale che ha vissuto il precariato per lunghi anni non possono ovviamente fermarsi alla semplice progressione stipendiale, ma devono coinvolgere anche altri e molteplici aspetti, tra i quali senza alcun dubbio deve ricomprendersi la legittimazione a richiedere una ricostruzione di carriera (una volta entrati in ruolo) che riconosca in pieno tutti gli anni di precariato e, per i quali non si rinvengono le motivazioni che giustificherebbero una normativa, che invece non riconosce nella loro completezza gli anni di preruolo. Normativa italiana, quest’ultima che contrasta apertamente con quella europea, e per la quale devono essere fatte le medesime osservazione rilevate dalla Corte d’Appello di Salerno la quale ci ricorda che la normativa comunitaria … in quanto norma “interposta” e di rango sovranazionale, prevale sulle leggi nazionali eventualmente in contrasto.

avv. Angelo Tuozzo








Postato il Venerdì, 13 novembre 2015 ore 03:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.77 Secondi