Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486191560 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1281 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
1029 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
791 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
751 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
714 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Redazione
Redazione

·Prove tecniche di Educazione Civica. Compiti e funzioni del Coordinatore
·Cosa fanno d’estate i presidi?
·Profumo di mandorle sotto il cielo dell’Etna
·XI Edizione della Summer School Storia del paesaggio agrario italiano 27 - 31 agosto 2019
·Il punto sul Mobility Manager Scolastico


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: Precariato, solo a riforma approvata il Governo ammette che non finirà. Anief lo sostiene da tempo: rimarranno 80mila cattedre da coprire

Sindacati
Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, sollecitata sulle particolarità del piano di immissioni in ruolo ha detto “che per alcune classi di concorso, come matematica e fisica, continueranno ad esserci supplenze fino al 2017”. E anche il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, non ha potuto fare a meno di dire che le "supplenze brevi e lunghe scompariranno nel giro di due anni". E pure l'on. Mara “Carocci (PD), nell'ultimo intervento alla Camera, ha affermato che l'eliminazione delle supplenze non è tra gli obiettivi della maggioranza”.
Il paradosso è che ci sono decine e decine di migliaia di precari abilitati e pronti ad essere assunti: per il Governo italiano, invece presto non potranno più insegnare, solo perché hanno avuto più di tre contratti su posto vacante. E con la riforma il quadro si complica, perché arriverà pure l’organico “fantasma”.
Marcello Pacifico (Anief-Confedir-Cisal): per risolvere una volta per tutte il problema del precariato, sarebbe bastato che il Governo avesse ripristinato posti e finanziamenti per i supplenti tagliati dalla riforma Gelmini in poi. Ristabilendo, di conseguenza, gli organici del 2008. Con quei soldi si sarebbero potuti assumere proprio quegli 80mila docenti abilitati, che ora invece dovranno appellarsi al giudice per vedersi riconoscere un loro diritto che solo in Italia continua ad essere negato ad oltranza.
Solo a riforma approvata, il Governo ammette quello che l’Anief sostiene da sempre: le supplenze continueranno ad esistere, perché il piano straordinario di assunzioni previsto dal testo approvato dalla Camera in settimana è ben inferiore al monte complessivo di posti vacanti e disponibili. In queste ultime ore, il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, sollecitata sulle particolarità del piano di immissioni in ruolo ha detto “che per alcune classi di concorso, come matematica e fisica, continueranno ad esserci supplenze fino al 2017”. E anche il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, riporta sempre Orizzonte Scuola, non ha potuto fare a meno di dire che le "supplenze brevi e lunghe scompariranno nel giro di due anni". E pure l'on. Mara “Carocci (PD), nell'ultimo intervento alla Camera, ha affermato che l'eliminazione delle supplenze non è tra gli obiettivi della maggioranza”.
Altro che fine del precariato e della ‘supplentite’, aveva annunciato il nostro sindacato solo alcuni giorni fa: “perché la riforma della scuola porterà anche l’organico fantasma. La novità è contenuta nella terza lettura del testo, dopo che il Governo si è evidentemente ricordato della necessità di nominare dei supplenti, dal 2016/2017, secondo un nuovo organico dalla validità annuale (comma 69 del ddl approvato il 25 giugno dal Senato con modificazioni e confermato dalla Camera il 9 luglio) a cui accedere attraverso le Graduatorie ad esaurimento e d’Istituto, per rispondere alle esigenze eccezionali di personale docente. Quelle legate, ad esempio, all’aumento delle iscrizioni nelle classi prime della scuola dell’infanzia e della secondaria di secondo grado (art. 4, DPR 81/09)”.
Per Anief “questo organico virtuale si sarebbe dovuto adottare solo per il personale di ruolo, in quanto è evidente che va annoverato nell’organico di diritto. Quindi, solo per i posti liberi e vacanti. Allargandolo anche alle altre tipologie di posti, si perpetua il precariato”. A rendere paradossale la situazione è che ci son sono decine e decine di migliaia di precari che non potranno più insegnare solo perché hanno avuto più di tre contratti su posto vacante: dal 2016, infatti, comincerà a scattare il conto alla rovescia per la loro esclusione dalle supplenze. Interpretando al contrario quanto ci dice l’Unione europea sul precariato, ovvero che chi hasvolto almeno 36 mesi di servizio su cattedre libere va immesso in ruolo. Invece per il Governo italiano deve cambiare lavoro.
Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief, segretario organizzativo Confedir e confederale Cisal “la riforma lascia inalterato il problema dei contratti conferiti sino al termine delle attività didattiche, al 30 giugno, assegnati in questi anni su posto vacante e non per esigenze sostitutive: una scelta, fatta per risparmiare due mesi di stipendio e per assumere meno precari, che ha obbligato i supplenti ingannati a ricorrere in tribunale. E lo stesso avverrà anche dopo l’approvazione del piano straordinario di assunzioni. Che, da questo punto di vista, lascia tutto inalterato”.
“La realtà – continua Pacifico – è che ci sono altre 80mila cattedre scoperte. Che andranno necessariamente a supplenza. Perché l’organico funzionale entrerà solo nel 2016. E nel frattempo si saranno scoperte altre decine di migliaia di cattedre per via dei nuovi pensionamenti. Per risolvere una volta per tutte il problema del precariato scolastico italiano, sarebbe bastato invece che il Governo avesse ripristinato posti e finanziamenti per i supplenti tagliati dalla riforma Gelmini in poi. Ristabilendo, di conseguenza, gli organici del 2008. Con quei soldi si sarebbero potuti assumere proprio quegli 80mila docenti abilitati, che ora invece dovranno appellarsi al giudice per vedersi riconoscere – conclude Pacifico - quel diritto scritto nella Costituzione, ribadito lo scorso 26 novembre a Lussemburgo dalla Curia europea, chiesto a chiare lettere dall’Anief all’Europa e a chi di recente gli Uffici della Commissione hanno risposto”.

Anief.org








Postato il Domenica, 12 luglio 2015 ore 11:16:53 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi