Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 495289891 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2020

Lettera aperta alla Ministra Lucia Azzolina
di m-nicotra
3603 letture

Francesco Paratore Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto 'Gabelli' di Misterbianco. I Commissari: lodevole iniziativa che dovrà coinvolgere tutte le scuole.
di a-oliva
1224 letture

Cara Lucia Azzolina, prima che diventassi ministro, eri d’accordo su tutto quello che ho scritto in questo articolo. Oggi lo sei ancora?
di m-nicotra
1204 letture

'Agata, Vergine e Martire' di Pino Pesce al Teatro Sangiorgi di Catania. Una sacra rappresentazione multimediale fra medievalità e contemporaneità
di m-nicotra
1196 letture

Io non sono così cattivo. Questo personaggio mi fa stare male. Non mi piace anche se lo interpreto. La banalità del male!
di m-nicotra
1162 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Tremila studenti a lezione sui Diritti umani con Vincenzo Spampinato.
·Alberto Angela a Catania come una rockstar. Riprese anche sull'Etna
·“Webtrotter: Il giro del mondo in 80 minuti” - APERTE LE ISCRIZIONI ALL'EDIZIONE 2020
·Roma, 7 novembre 2019. Obiettivo stabilità del lavoro, vale anche per chi insegna religione.
·Erasmus for young entrepreneurs - partecipazione italiana, dal 2009 al 2019, 2.000 esperienze imprenditoriali


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Disconoscimento del valore sociale degli insegnanti, traghettatori di conoscenze

Redazione
Mentre leggevo l'ultimo libro di Massimo Recalcati "L'ora di lezione" e, contemporaneamente, il programma governativo "La buona scuola" mi sono tornati alla mente tantissimi ricordi del mio passato d'insegnante. Tra i tanti mi piace ricordarne un paio avvenuti a distanza di circa venticinque anni l’uno dall’altro, ma collegati tra loro, perché danno il senso di quanto sia scaduta la figura dell'insegnante a seguito delle mistificazioni dei ruoli avvenuta con una degenerativa interpretazione dei provvedimenti del 1974 denominati "decreti delegati" e successive norme e sentenze delegittimanti il ruolo professionale che hanno trovato valida sponda in diverse sentenze di vari Tar.

Correva la fine degli anni '80 del secolo scorso e insegnavo, già da diversi anni, Geometria descrittiva in alcune classi degli ultimi anni. In particolare quell'anno mi erano state assegnate due classi quinte che dovevano affrontare l'esame di stato quando, un giorno, accadde quanto di seguito.

Seduto in cattedra nell'aula undici, attendevo l'arrivo degli studenti, ricontrollando alcuni passaggi della lezione che avevo preparato per quel giorno riguardante "le coniche". Il mormorio proveniente dal corridoio si andava spegnendo mentre i ragazzi, entrando mi salutavano e si distribuivano nei loro posti. Questa grande aula era attrezzata con i tavoli da disegno e i tecnigrafi, la cattedra sopra una pedana, una lunga lavagna appesa contro il muro adatta per le spiegazioni grafiche, una cassettiera per contenere le cartelle e tanti disegni - i migliori - attaccati alle pareti. Poiché la classe era numerosa, cominciai subito, per non rubare tempo alla lezione, con l'appello e la registrazione degli assenti. Mentre svolgevo queste operazioni si riaccese quel mormorio che si era spento in precedenza. Terminate le incombenze formali iniziai, subito, la lezione riaggangiandomi a quella precedente, prima di affrontare il nuovo argomento, che ne rappresentava la continuazione. Dopo qualche minuto il mormorio cominciò ad alzarsi di tono e, guardando la classe, notai che qualche alunno dava anche segni d'insofferenza. Mentre continuavo a parlare, presentando il nuovo argomento, mi resi conto che si era creato un clima di disattenzione e un vocio di sottofondo che non favoriva l'attenzione e la concentrazione necessarie per seguire lo svolgimento della lezione. In quel momento smisi la presentazione dell'argomento e, rivolgendomi alla classe dissi:
"Poiché avete cose più importanti da discutere invece che seguire la lezione, io esco sul corridoio e quando avete finito e si ricrea un clima idoneo a svolgere la lezione mi richiamate."
Poi, soffermandomi un istante aggiunsi:
"Io non sto qui a fare monologhi da attore ma a svolgere il lavoro che mi compete, quello dell’insegnante:  traghettatore di conoscenze".
Neanche il tempo di chiudere il registro e scendere dalla pedana per avviarmi verso l'uscita che in classe era già tornato il silenzio. Nello stesso tempo l'alunna rappresentante di classe si alza e rivolgendomi la parola dice:
"Professore chiedo scusa in nome della classe, continui pure la sua lezione; il problema riguardante l'organizzazione di uno sciopero lo discuteremo fuori dalla scuola”.
Neanche il tempo di arrivare sulla porta dell'aula che tutti i ragazzi, ciascuno al proprio posto e con il blocco degli appunti aperto e pronto a ricevere lei annotazioni, erano tornati attenti e pronti a seguire la lezione con l'attenzione e la partecipazione necessarie e dovute.

Passano gli anni e le stagioni, passano i governi ed i ministri, passano le classi e le generazioni, passa “ignaro il vero senso della vita” (F. Battiato) mentre io, cambiando scuola, arrivo ad un anno scolastico di fine decennio del 2000 quando accade quanto di seguito.

Siccome durante la lezione con una classe prima si era creato un clima simile a quello già descritto con la classe quinta degli anni '80 del secolo scorso, provai a ripetere quanto fatto allora. Poiché i ripetuti inviti a prestare attenzione, prendere appunti, seguire la lezione con un clima idoneo privo di vocio di sottofondo e un continuo stato di disattenzione erano caduti nel vuoto, mi fermai con la spegazione e, rivolgendomi alla classe dissi:
"Poiché quello che sto spiegando non v'interessa e avete cose più importanti da dire tra di voi e la mia presenza può essere d'intralciato; io ora esco e quando avete finito di parlare delle vostre cose, se volete che torni a fare lezione, mi chiamate perché io sto fuori, sul corridoio."
Mentre chiudevo il registro da portare con me un ragazzo, in fondo all'aula, si alza senza chiederne il permesso, si avvia verso la porta, la apre e mentre con la mano destra tiene aperta la porta, con la sinistra mi fa un gesto con il quale dà forza alle parole e rivolto verso di me, che camminavo verso l'uscita, mi dice:
"Prego professore, si accomodi pure"
Il resto della classe si gira verso il compagno e, quasi tutti in coro:
"Vada, vada che quando abbiamo bisogno la richiamiamo noi"
Questi i fatti; lascio a ciascuno le considerazioni del caso.

Ora che sono in pensione riflettendo, in questi giorni, su questi due episodi mi sono reso conto di quanto sia degenerato il rapporto studente/docente e di quanto la figura dell'insegnante, la sua professione e il suo ruolo nella società sia stato mortificato da attacchi continui sferrati ad ogni livello: sociale, politico, economico, valoriale, istituzionale, ecc. da una società che ha scelto altri modelli educativi e altre agenzie formative per i propri giovani e il proprio futuro.

Il lavoro degli insegnanti è disconosciuto e disprezzato proprio da chi dovrebbe averne massima considerazione (studenti, politica, famiglia, istituzioni); ed è lì il senso di mortificazione degli insegnanti che cercano continuamente di costruire e ricostruire, con grande fatica, ciò che altri demoliscono con estremma facilità.  Si sa, purtroppo, che demolire è più facile che costruire, mantenere e consolidare valori conquistati con il sudore del pensiero, selezionati dal tempo e trasmessi dagli insegnanti, che si sono assunti l'onere di traghettare, di generazione in generazione, le conoscenze, sedimentatesi col tempo nel cuore della società, operando un continuo passaggio del testimone delle esperienze da arricchire, accrescere e valorizzare per quelli che verranno.

Ma la costruzione del ponte sul futuro, purtroppo, non appartiene più agli insegnanti tanto che il sottosegretario Davide Faraone ha definito le occupazioni di questi giorni come “esperienze di grande partecipazione democratica” ed anche “in alcuni casi più formative di ore passate in classe”, aggiungo io, con gli insegnanti.

Elio Fragassi
http://www.webalice.it/eliofragassi/








Postato il Sabato, 06 dicembre 2014 ore 08:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi