Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483760087 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4347 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1437 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
837 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
761 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
757 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni
Istituzioni

·Il Majorana - Arcoleo di Caltagirone sulla Nave della Legalità il 22 e 23 maggio
·Il possibile nuovo volto della scuola dell’autonomia, al convegno nazionale al Campus Universitario di Matera
·L’insegnante e il dirigente scolastico nella scuola dell’autonomia tra didattica, governance e progetto culturale - Convegno a Matera 14 e 15 marzo
·Seminario per docenti 'Famiglie, scuole, servizi e nuove tecnologie'
·L’apprendimento dell’inglese come gioco. A Didacta un metodo sperimentale basato su tecnologie e movimento del corpo


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Strumenti didattici: Scuola frontiera dell'inclusione

Rassegna stampa
a A Scampia c'è una scuola elementare dove la matematica si impara facendo la spesa o correndo in palestra per capire la differenza tra perimetro e superficie di una forma. Dove gli studenti sono chiamati a calarsi nei panni di insegnanti per introdurre i bimbi della scuola dell'infanzia, ai concetti di numeri e insiemi, alle operazioni e alla geometria: senza neanche una tabellina, ma con oggetti, animali e cose da comprare. E capita che gli insegnanti dell'Istituto comprensivo Virgilio 4 di Napoli si mettano a fare i programmatori dedicando ore del loro tempo extrascolastico a costruire un dvd e un sito per divulgare l'esperienza innovativa e mettere a disposizione delle scuole di tutta Italia moduli di insegnamento e giochi matematici fatti dai bambini per i bambini.
Siamo a Scampia, davanti alle Vele, il quartiere diventato simbolo di degrado e disgregazione sociale alla periferia di Napoli.
L'intuizione è nata dalla voglia di insegnare la matematica in maniera innovativa, introducendo un approccio scientifico alle situazioni complesse della vita quotidiana: «L'obiettivo è insegnare a essere buoni cittadini, a mettersi in gioco, a scegliere, a confrontarsi - spiega Paolo Battimiello, dirigente del Virgilio 4 -: le tabelline non rientrano in questa logica, ma lo studio e la comprensione di un assioma matematico possono aiutare a fare le scelte corrette nella vita quotidiana. I ragazzi devono essere educati a sapere che ci sono delle regole, nella scienza così come nella vita, da rispettare ma anche da sfruttare».
Nella primaria del Virgilio 4 la matematica viene insegnata in un apposito laboratorio ricco di materiali, di forme e colori di tutti i generi che introducono i bambini ai concetti di ordine, di insieme, di numero e poi, via via, alle varie operazioni, sempre sotto forma di gioco: «Non siamo noi insegnanti a dare loro i concetti dalla cattedra, ma li facciamo emergere insieme, attorno a un tavolo», spiega Giosuè Verde, uno dei docenti che hanno gestito l'intero progetto. Lui ha curato la parte tecnica, riversando 160 giochi matematici e una trentina di video su supporto digitale in tre versioni diverse (pc, tablet e Lim) - oltre che online sul sito www.atuttalim.it -, a disposizione delle scuole primarie che vogliano sperimentare una didattica inclusiva. La digitalizzazione è stata resa possibile dal contributo concesso dalla Fondazione Enrica Amiotti.
Con Verde ha lavorato un gruppo di docenti che ha messo a punto la parte più didattica, quella in cui gli alunni hanno "sbriciolato" la matematica, rendendola digeribile ai bimbi della materna. Il progetto è stato ampliato alle classi del secondo ciclo della primaria e ora si guarda alla media. «Bisogna eliminare i ruoli rigidi - prosegue Verde -: si tratta di eliminare qualsiasi barriera, a partire da quella tra cattedra e banco. Si lavora insieme, perché tutti devono imparare che siamo noi a costruirci il sapere».
In questo processo la tecnologia rappresenta uno strumento, tanto più rilevante per le enormi opportunità che offre: «Il digitale permette di attuare una didattica per competenze che rompa le barriere e superi le pareti delle aule in un'ottica di integrazione e di collaborazione», gli fa eco Aurora Mangiarotti, membro del Centro Studi ImparaDigitale e una delle artefici del progetto Scuola Lombardia Digitale che quest'anno ha fatto lavorare un migliaio di ragazzi di 41 scuole da tutta la Lombardia su nove unità di apprendimento legate ai temi di Expo 2015. Un lavoro per competenze dove la distanza fisica è stata superata grazie alla condivisione nella cloud, in un ambiente tutto virtuale «in modalità wiki, co-costruendo in maniera collaborativa e non con un semplice assemblaggio dei materiali», sottolinea Mangiarotti.
«I bambini sono già abituati a lavorare nella nuvola, in maniera virtuale: per loro diventa subito una modalità normale interagire con ragazzi che stanno a centinaia di chilometri di distanza», racconta Nadia Mainetti, insegnante della scuola primaria di Piazza Brembana, che insieme alle colleghe Daniela Cortinovis e Viviana Lazzaroni si è imbarcata in questa avventura che ha portato la loro quinta a scendere in maniera virtuale dall'Alta Val Brembana bergamasca per lavorare sull'olio con ragazzi più grandi che non hanno mai visto. Due anni fa le maestre non sapevano quasi neanche cosa fosse un tablet, poi hanno fatto la scelta coraggiosa di introdurre il digitale in aula: «È stata una scelta vincente tenendo conto anche di una classe con due casi certificati e diversi Bes (ragazzi con bisogni educativi speciali, ndr): per questi bimbi lo schermo ha rappresentato una modalità più motivante del classico foglio bianco e il lavoro collettivo ha inciso di più che non la lezione frontale».
Anche Tiziana Pelamatti, docente del liceo Golgi di Breno, in Val Camonica non ha dubbi: tutti i ragazzi hanno un tablet e la didattica è stata rivoluzionata «in una chiave di peer education basata sul confronto e la collaborazione tra ragazzi e docenti». La partecipazione al progetto di Lombardia Scuola Digitale «è stata un'occasione per mettersi alla prova e confrontarsi con altre esperienze: abbiamo potuto verificare che siamo sulla strada giusta».
Due scuole di piccoli comuni di alta montagna che hanno potuto sentirsi parte di un progetto comune grazie alla nuvola informatica. «Costruire un modello di scuola a distanza significa aprire la classe, abbatterne i muri per trasformare l'isolamento da limite geografico a opportunità di apprendimento sia per gli studenti che per i docenti». A parlare è Leonardo Tosi, ricercatore di Indire e uno dei curatori del progetto Piccole scuole crescono, per garantire che le scuole in comuni isolati, dalle piccole isole alle zone montuose, «con pochi alunni, ad alto rischio di chiusura e basso tasso di socializzazione» possano assicurare il diritto allo studio.

Pierangelo Soldavini
Ilsole24ore.com








Postato il Martedì, 15 luglio 2014 ore 07:00:00 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi