Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481531196 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
975 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
748 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
682 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
676 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
647 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Due giornate su Educazione alla Legalità a Caltanissetta
·Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo ed A.T.A. - Anno scolastico 2018/2019
·Personale docente scuola Secondaria di II grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti comuni nella scuola secondaria di I grado
·Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. Assegnazioni sedi. Errata corrige Scuola Primaria
·Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti comuni per le classi di concorso indicate nel dispositivo. Assegnazioni sedi Secondaria di II grado


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Assistito sarà lei! - Comunicato CUB SUR su dichiarazioni Reggi e 36 ore

Sindacati
Consideriamo il "piano scuola" presentato nei giorni scorsi, un attacco alla scuola pubblica e un affronto alle persone che ci lavorano. Il mezzo col quale anche il governo Renzi cerca di far cassa sottraendo risorse all'istruzione pubblica è la degna continuazione, con il marchio del centro-sinistra, della "riforma epocale" di Gelmini, quella che, cancellando 150.000 posti di lavoro e sottraendo 8 miliardi di euro ha prodotto soltanto una scuola peggiore. E’ toccato ad un ingegnere prestato alla politica, tale Roberto Reggi, sottosegretario all’istruzione per meriti che ci sfuggono, sfoggiare la propria migliore faccia tosta e annunciare questo "piano" che ridurrebbe a quattro gli anni di liceo e raddoppierebbe l'orario di servizio dei docenti: naturalmente a parità di stipendio, naturalmente tirando ancora una volta in ballo la "meritocrazia", naturalmente ignorando del tutto le reali condizioni delle nostre scuole che non sono attrezzate per consentire ai docenti di preparare lezioni, correggere compiti, fare ricerca al loro interno. Ma questo il ministro e il sottosegretario lo ignorano, a loro interessa solo spendere meno, sollecitando il complice consenso di un'opinione pubblica sapientemente ingannata con la favola delle 18 ore settimanali di lavoro degli insegnanti. E così ecco che nascondono volutamente quanto lavoro ci sia oltre all’attività di lezione frontale, che gli stipendi sono fermi dal 2007, che le paghe sono molto al di sotto della media europea, che le condizioni di lavoro sono, nel tempo, costantemente peggiorate.

Eppure basterebbe obbligare costoro a sperimentare cosa sia un'ora di lezione in classe - intendiamo dire in classi sempre più affollate, con studenti sempre più demotivati e colonizzati da un mondo esterno che certo non comunica stili di comportamento consoni al modello scolastico auspicabile – per far loro cambiare idea sulla fatica del nostro lavoro. Così come sarebbe utile che il trattamento riservato ai nostri precari (persone laureate, nemmeno più tanto giovani, visto che all'ultimo concorso l'età media si avvicinava ai 40 anni) - 1.300 euro al mese, spesso ricevuti con gravi ritardi, toccasse anche a quei politici incompetenti che favoleggiano di "rivoluzioni scolastiche" senza conoscere neppure i meccanismi elementari del servizio sociale che vorrebbero tanto radicalmente cambiare.

Come si permette, questo Reggi, di equiparare la scuola italiana ad un ammortizzatore sociale? Come osa declassare tanti professionisti, seri ancorché sottopagati, ad assistiti dallo Stato? E' questo il rispetto che costui mostra nei confronti dei maestri dei nostri figli? E se anche ci fossero insegnanti inadeguati la colpa sarebbe in primo luogo di chi ci ha governato e, negli anni, non è stato in grado di favorire una seria politica scolastica, ha spinto verso l’assurda burocratizzazione di un lavoro importante e delicato, ha pensato di risolvere con mezzucci problemi assai seri, ha avvilito intere generazioni di insegnanti attraverso il precariato e favorito il discredito sociale della categoria, discredito che, in una società di mercato come la nostra passa in primo luogo attraverso stipendi da fame. Non ne possiamo più dell'atteggiamento ipocrita di questi politici che a parole mettono sempre la scuola al primo posto nell'agenda di governo e poi, nei fatti, propongono sempre e solo tagli.

Noi sappiamo che i ricchi, alla Reggi, sapranno sempre dove mandare a studiare i loro figli; proprio per questo vogliamo che tutti gli altri abbiano diritto ad una buona scuola statale, in cui studenti e insegnanti lavorino armoniosamente e volentieri. Perciò chiediamo l'immediato ritiro del "piano scuola", investimenti adeguati percongrui aumenti salariali per tutti, certezze sugli scatti di anzianità, stabilizzazione dei precari, rispetto delle norme di sicurezza sia per ciò che concerne l'edilizia scolastica sia per ciò che riguarda il numero di alunni per classe. E, mentre aspettiamo le scuse di Reggi, lo invitiamo a leggere le cronache giudiziarie e a riflettere su quanto spesso la politica - e non la scuola - funzioni da "ammortizzatore sociale" per individui spregiudicati e rapaci.
La CUB - SUR proclama sin da ora lo stato di mobilitazione e chiama tutti coloro che hanno a cuore una società più giusta ad unirsi alla protesta dei lavoratori della scuola. Cominciamo subito con presidi ed assemblee in tutti i luoghi in cui sarà possibile realizzarli; continueremo a settembre, partendo dal collegio docenti di inizio anno, che dovrà essere il luogo in cui discutere delle scellerate iniziative governative e proporre mozioni, per poi proseguire con lo sciopero del primo giorno di scuola, che ci vedrà accanto ai nostri studenti e contro quelli che vogliono favorire la diseguaglianza sociale anche attraverso lo sfascio della scuola pubblica.

Barbara Bernardi CUB SUR Roma e Lazio
cubscuolaromalazio@gmail.com








Postato il Giovedì, 10 luglio 2014 ore 07:30:00 CEST di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi