Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 469652852 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2018

Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore al 'De Nicola' di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
1045 letture

L’Istituto 'De Nicola' di San Giovanni La Punta si inserisce nel circuito nazionale della moda
di m-nicotra
736 letture

Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne: la funzione educativa della scuola
di m-nicotra
676 letture

Decreto semplificazione: l'aumento dei posti deve partire dalla preselettiva per non aumentare le già troppe iniquità
di m-nicotra
549 letture

Bocciato in Commissione Bilancio l’emendamento che prevede l’esonero per il 1° Collaboratore del DS nelle scuole in regime di reggenza
di m-nicotra
477 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Normativa Utile
Normativa Utile

·Detrazione lavoro dipendente € 80,00
·Scheda FLC CGIL cessazioni dal servizio del personale della scuola 2014
·Modello di diffida per il rimborso del 2,50% per indebita trattenuta sul TFR (trattamento di fine rapporto)
·Documenti necessari per ottenere la disoccupazione
·Bocciata dalla Corte Costituzionale l'assunzione diretta dei docenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Diversamente abili: La crociata dell’Inps contro i falsi invalidi cela persecuzioni e accanimenti contro i veri disabili

Giurisprudenza
"Siamo alle solite!" afferma Giuseppe Sannino, Presidente dell’A.N.I.D.A. - l’associazione che da anni si batte per i diritti dei disabili - “Sui vari mezzi di informazione si da grande spazio ai falsi invalidi, ma mai nulla viene scritto sui problemi reali dei milioni di Diversamente Abili italiani, che, in virtù di questa violenta campagna denigratoria, si sono visti restringere i propri diritti ed hanno subito vere e proprie vessazioni.” Infatti, negli ultimi anni in nome della lotta ai falsi invalidi è stata messa in atto una verifica generale dei disabili, per controllare se permanevano le condizioni per l’erogazioni dei trattamenti assistenziali previsti per legge. Più di un milione di disabili si è dovuto sottoporre di nuovo a visita di controllo medico, dovendo passare per una trafila spesso mortificante, fatta di attese e controlli fiscali.

Le verifiche sui falsi invalidi, hanno dato scarsissimi risultati. Solo lo 0,08 per mille dei controllati sono stati soggetti alla revisione da parte dell’Istituto di Previdenza, con l’esclusione dalle indennità fino ad allora percepite. L’.INPS  è stata investita da un mare di opposizioni, di queste, ne ha perse il 68%.

Questo vuol dire, che al momento, su un milione di controlli effettuati, sono solo 30.000, i disabili che si sono visti diminuire le percentuali di invalidità con la conseguente perdita delle provvidenze. Ma nemmeno questo numero può considerarsi definitivo, poiché sono ancora molti i ricorsi giudiziari che devono essere discussi in Tribunale.

L’assurda vicenda
Sannino, è stato colpito da bambino da una grave malattia, che gli impedisce la mobilità personale ed è in una fase di continuo aggravamento, che gli provoca  gravi e particolari problemi fisici. Era riconosciuto come invalido al 100% con indennità di accompagnamento sino al controllo disposto dall’INPS nell’ aprile 2008, dopo il quale, senza una spiegazione medico-scientifica si è visto retrocedere ad una invalidità dell’80%, con la conseguente perdita degli emolumenti economici. Sannino è ricorso al Giudice Ordinario che in base alla CTU nella quale la sua patologia è stata riconfermata irreversibile ed ingravescente si è visto riconoscere il maltolto nel novembre 2010. L’INPS ha fatto appello e la prima udienza è stata fissata nel mese di giugno 2015. L’INPS non ha tenuto conto ne della sentenza e ne dell’appello, e nel novembre 2011 ha richiamato nuovamente Sannino a controllo, confermando i suoi precedenti provvedimenti di riduzione. Anche se la vicenda è paradossale, Sannino nella speranza di ridurre i tempi del nuovo giudizio ha riproposto la nuova procedura ATP (Accertamento tecnico Preventivo).Durante tale procedura è stato nominato un nuovo CTU che ha confermato la sua invalidità reale al 100% con indennità di accompagnamento. L’INPS si è opposto alla bozza, ma il CTU ancora una volta li ha smentiti confermando l’esito della bozza. A questo punto L’INPS non soddisfatta, ha presentato il dissenso, di solito tale comportamento nell’ATP precede il ricorso al Giudice ordinario. Il Giudice dovrà fissare una nuova udienza che di solito cade a non meno 8-12-mesi. Quindi nel 2015 anno della prima udienza dell’appello.
Nel frattempo tra tutte queste peripezie giudiziarie, Sannino sono già tre anni che non viene reinserito nel suo diritto di ricevere l’indennità di  accompagnamento e chi sa quanto altro tempo dovrà passare prima di vedere riconosciuti i suoi sacrosanti diritti.

Sannino dichiara -“Sto subendo una grande ingiustizia, ma non mi arrendo, non posso farlo, sia per difendere la mia dignità di persona onesta, sia per riaffermare i diritti di tutti i disabili che sono dimenticati da una politica cieca che pensa solo a risparmiare sulla spesa sociale”, senza rendersi conto che per la campagna di controlli l’INPS ha speso di più di quanto ha recuperato dalla revisione delle indennità.

Il parere di un autorevole Medico Legale
Tale protervo trend ha notoriamente condotto alla riduzione dei benefici economici non per i falsi invalidi, ma per coloro che vennero riconosciuti tali dalle commissioni composte da medici ASL e medici INPS, sempre operanti in stretta e totale conformità, ed in caso di dissenso sottoposti al giudizio del Magistrato, il Peritus Peritorum le cui decisioni vengono oggi rinnegate dall’Ente soccombente in giudizio tramite 2 suoi propri componenti che, in assenza di contradditorio, non in commissione, ma nel numero sacro di 2 (due medici INPS s’intenda, senza la presenza del medico di parte né del rappresentante ANMIC UIC o ENS etc.) annullano la sentenza già passata in giudicato, non con la cagione di un miglioramento, per lo più impensabile, ma riformando bensì audacemente la logica stessa della sentenza, ovverossia i principi ai quali il Giudice si è ispirato. E questo, nel ledere i diritti dell’Utente e nell’ignorare la decisione di un Tribunale, scaraventa in un baratro la Certezza del Diritto senza di cui nessuna nazione civile può governarsi. Tale inaccettabile prassi si ripete anche in caso di nuovo ricorso, nuova sentenza, nuova riforma, sino all’infinito: ed essendo la vita degl’invalidi, non meno di quella dei sani, “finita” ossia dotata di principio e fine, tale tattica si ripropone sino alla morte del richiedente (e avente già ottenuto) il beneficio. Tutto per colpa, dicesi, dei falsi invalidi che invece non c’entrano un bel nulla: le truffe sono state create al di fuori delle commissioni ASL e INPS, con false documentazioni, contraffazioni e connivenze in gran parte smascherate: ma con il loro pretesto si soffocano speranza di vita e di giustizia per chi soffra.

Sannino conclude – “E’ una fase molto difficile della mia vita, ma sento l’appoggio della mia famiglia, della mia Associazione e dei migliaia di disabili che mi incitano a non mollare. So che debbo vincere per me stesso e per tutti i disabili italiani ingiustamente  colpiti dal pregiudizio e dalla diffamazione.”
Giuseppe Sannino Presidente A.N.I.D.A.
anidanu27@gmail.com










Postato il Martedì, 22 aprile 2014 ore 07:45:00 CEST di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi