Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 511363963 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2020

La scuola ha un futuro?
di m-nicotra
1702 letture

Chi cura le anime?
di g-aderno
1688 letture

Trasformazioni del piano e coniche: una proposta didattica
di m-nicotra
1626 letture

TFA e CONCORSI DA CONGELARE
di a-oliva
1430 letture

La voce dei ragazzi sul Covid. Proposta operativa di Educazione Civica
di a-oliva
1382 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Spesa pubblica: Maria Chiara Carrozza “Mezzo miliardo per i migliori progetti di ricerca”

Rassegna stampa
L’annuncio del ministro dell’Istruzione: “Scegliere e poi investire su ciò che si è scelto”  - ROMA
Maria Chiara Carrozza, lei è stata professore e rettore, chissà quante volte avrà detto «se fossi io il ministro ...». Ecco, adesso le tocca. 
«Lei dice che mi faranno pentire? Non credo. Quando sono entrata qui mi sono data un principio ispiratore che ho sentito dalla commissaria europea all’innovazione e alla ricerca, Máire Geoghegan-Quinn: «Select, invest, transform». Selezionare e quindi scegliere, investire su ciò che si è scelto, e poi trasformare a vantaggio del Paese e della comunità».  
Alcuni suoi predecessori si sarebbero già arenati sul «select», perché scegliere significa farsi nemici. 
«E io mi farò molto nemici, pazienza! già da subito, peraltro, dato che è appena stato presentato il rapporto di valutazione sulla ricerca che ci consentirà di rilevare le migliori prestazioni. In base a questa valutazione il ministero disporrà nel 2013 di un fondo di 540 milioni da distribuire secondo criteri premiali».  
Auguri. Le faranno rimpiangere di aver lasciato Pisa. 
«Non credo. I cittadini ci chiedono di spendere bene e investire su ciò che merita. E noi non abbiamo paura di farlo. E anche il mondo delle università e della ricerca ha mostrato di capirlo, visto il grande sforzo di trasparenza fatto in questa occasione, un esempio unico nella pubblica amministrazione».  
Se le università sono così differenti come risulta dalla valutazione, che senso ha mantenere ancora il valore legale del titolo di studio? 
«La prassi ha superato questa disputa: il titolo di studio viene richiesto ormai solo dalla pubblica amministrazione, mentre per il mercato vale l’iter formativo individuale. Il carattere legale del titolo, semmai, serve come certificazione di qualità da parte dello Stato che garantisce che determinati percorsi di studio sono avvenuti secondo criteri certi e verificabili».  
Parliamo di università e lavoro. Dall’inizio della crisi le immatricolazioni sono diminuite di quasi un quinto: la laurea ha perso di attrattiva? 
«Sta per partire qui al ministero un gruppo di studio su questo fenomeno: voglio capirne bene la dinamica. Sicuramente c’è una questione demografica, poi la crisi sociale che si fa sentire così come l’aumento delle tasse universitarie: tutte questioni che hanno avuto certamente un peso».  
Basterà rimuovere queste strettoie? 
«Quando mi avranno consegnato i risultati dell’indagine lo saprò. Tuttavia stiamo lavorando anche su possibili alternative all’università, come gli Its (Istituti tecnici superiori - ndr) che hanno riguardato finora una platea limitata ma che sono stati molto apprezzati nel mondo imprenditoriale».  
Sta di fatto che all’università si va di meno e che ci sono 2 milioni di ragazzi che non studiano e non lavorano. 
«Al netto di tutti i problemi connessi con la recessione, mi sento di dire che per i giovani esiste un forte problema di disorientamento: i ragazzi di questa generazione, per la prima volta da tempo, hanno paura di tornare indietro rispetto alla condizione di progresso che i loro genitori hanno conosciuto e questo genera una forte apprensione che si riverbera anche sulle scelte di studio. L’attività di orientamento in questo deve assumere un ruolo centrale».  
Ma disorientamento non è anche il fatto che a fronte di una disoccupazione crescente gli universitari optano ancora per discipline umanistico-sociali che non danno alcuno sbocco lavorativo? 
«È ancora molto rilevante - anche se in calo - la propensione per gli studi umanistici, ma l’orientamento che le università devono fare non è una sorta di pressione affinché ci si iscriva di più ai corsi di laurea scientifici, ma serve una informazione chiara, imparziale e rispettosa degli interessi dei ragazzi, che dica chiaramente quali sono le possibilità offerte dai singoli indirizzi di studio. Dopo di che ciascuno scelga pure liberamente ma consapevolmente».  
Parliamo di start up, cioè di quelle idee che nascono in ambito universitario e che poi generano imprese: l’università da cui lei proviene ne ha sviluppate molte, al contrario di altri atenei. 
«Le start up sono fondamentali per l’innovazione e per la competitività economica. Le università hanno agito molto su questo fronte e continuano a farlo. Però abbiamo anche assistito a start up attecchite qui da noi ma sviluppate a Palo Alto o altrove. Non basta formare ragazzi preparati e metterli a lavorare intorno a un’idea, ci vuole un “ecosistema” favorevole: libertà, investimenti, meno burocrazia. Le idee non possono essere seppellite dalle carte».  
Si fa prima a cambiare paese. 
«Per nulla: si devono cambiare le condizioni. Non è materia mia, ma credo, per esempio, che la leva fiscale per favorire le start up potrebbe essere un fattore su cui ragionare».

Raffaello Masci
Lastampa.it








Postato il Giovedì, 18 luglio 2013 ore 08:00:00 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.30 Secondi