Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483635792 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4253 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1402 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
806 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
733 letture

L’Anima e il Corpo (Parte I)
di m-nicotra
620 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Promosso dall'associazione ''Stella Danzante'' il 15 marzo 2019 dalle ore 15:00 alle ore 20:00 si svolgerà l’VIII Giornata Nazionale di sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare presso il centro fieristico “Le Ciminiere” di Catania
·Per soddisfare le tante richieste ritorna in scena il 9 marzo alle ore 21.00 al Metropolitan di Catania la replica de ''I Promessi Sposi Amore e Provvidenza''
·Incontri, Teatro, Cinema: al centro le DONNE
·2° Galà degli ex Allievi del Convitto “Mario Cutelli”.
·X Edizione Rassegna Premio Giorgio Gaber - Obiettivo Nuove Generazioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Giuridico-economiche: Province: Legge regionale 7/13 già in vigore. I Consorzi entro il 31 dicembre

Rassegna stampa
Per la Ragioneria generale si potrebbero risparmiare fino a circa 50 mln annui, per Crocetta anche 100. Pubblicate sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana le “Norme transitorie” - PALERMO – Dieci, cinquanta, cento. Non sono numeri buttati lì a caso, né tantomeno un bollettino di guerra, ma la quantificazione altalenante che ogni giorno il presidente Rosario Crocetta e i suoi sodali comunicano agli organi di stampa in merito al risparmio derivante dall’abolizione delle Province. Una cosa, intanto, è certa: è stato pubblicato proprio ieri sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana la Legge n. 7 del 27 marzo del 2013, recante “Norme transitorie per l’Istituzione dei liberi Consorzi comunali”. È stata approvata al termine della seduta furibonda del 20 marzo scorso, dove gli onorevoli di centrodestra non hanno lesinato accuse feroci verso la maggioranza. Ma alla fine la linea intransigente del Governo è passata, con 51 voti favorevoli e 22 contrari. È, dunque, legge l’iter che metterà definitivamente in soffitta le Province incostituzionali. Il primo comma dell’art. 1 della Legge regionale 7/2013 stabilisce che “entro il 31 dicembre 2013 la Regione, con propria Legge, in attuazione dell’articolo 15 dello Statuto speciale, disciplina l’istituzione dei Liberi consorzi comunali per l’esercizio delle funzioni di governo di area vasta”. Nella legge si specifica, vincolando dunque i tecnici che dovranno regolamentare i costituendi enti (la prudenza non è mai troppa), che “gli organi di governo dei Liberi consorzi sono eletti con sistema indiretto di secondo grado. Con la predetta legge sono disciplinate le modalità di elezione, la composizione e le funzioni degli organi suddetti”. Fuori da questa previsione Palermo, Catania e Messina per le quali è previsto un regime diverso. Il secondo comma stabilisce che “la legge di cui al comma 1 disciplina, inoltre, l’istituzione nel territorio della Regione delle città metropolitane”. Adesso bisognerà vedere concretamente chi si occuperà della redazione del testo da approvare entro la fine dell’anno. Invero, la questione è già emersa nel corso della seduta che ha approvato la suindicata legge, in cui si è discusso se affidare il compito a una “Commissione speciale”. Il presidente della Regione, a tal proposito, ha spiegato che “il Governo, tenendo conto che già esiste la Commissione Affari istituzionali, intende costituire non una Commissione, ma un gruppo di lavoro, allargato al pluralismo politico e anche a professionisti vari”.
Quanto si risparmia.
Dicevamo all’inizio che sul risparmio se ne sono sentite di tutti i colori. L’ultima volta che il governatore ha aperto bocca sull’argomento ha tirato fuori tre cifre: “Con l’abolizione delle Province solo sulle indennità di carica risparmieremo oltre 10,3 milioni di euro all’anno e per le attività istituzionali altri 50 milioni di euro annui. Se poi aggiungiamo anche le società partecipate e i debiti che accumulano, raggiungiamo la somma di un risparmio di circa 100 milioni di euro l’anno”. Il ragioniere generale della Regione, Mariano Pisciotta, nella relazione tecnica al Disegno di legge “Norme transitorie per l’istituzione dei liberi Consorzi”, non sembra proprio dello stesso avviso. Nel documento, infatti, si legge che “per il settore pubblico la quantificazione di tale risparmio annuo a regime, stimabile in base ai dati di consuntivo 2010 (impegni), è pari a complessivi 50.491.843”. Una somma che si avvicina almeno a una di quelle “sparate” da Crocetta a reti (quasi) unificate. Subito dopo però nella relazione si precisa che “in base all’attuale situazione e tenuto conto delle scadenze naturali dei mandati si può stimare, in via prudenziale, un risparmio per il settore degli enti locali pari a circa 29.490.000 euro”.
Al QdS, non contenti dei dati diffusi da altri, nell’inchiesta di sabato 9 marzo 2013, abbiamo fatto la nostra “personale” cresta ai costi degli Enti cerniera. Dalla somma dei rendiconti (2011) di tutte e nove le istituzioni presenti nell’Isola risultava una spesa corrente complessiva di 537 milioni di euro. Al suo interno c’è di tutto: dagli uffici al parco mezzi, ai prodotti di cancelleria e fino, ovviamente, al personale. Pensare che quel numero sia un monolite da tagliare, sic et simpliciter, in tronco è mera utopia. Nonché ingiusto, dato che scoppierebbe una vera e propria emergenza sociale legata ai licenziamenti. Il risparmio sicuro è quello che deriverà dalla soppressione di Consigli e Giunte provinciali: via la pletora dei 350 rappresentanti tra presidenti, consiglieri e assessori. Secondo un’indagine Istat, nel 2009 solo le indennità per gli “organi istituzionali” sono costate ai cittadini oltre 6 milioni di euro. Non solo, ma a saltare saranno pure centinaia di consulenti esterni, esattamente 303, comunicati nel 2011 dalle Province al Ministero della Funzione pubblica. Da questa ulteriore voce, stando a tali dati, si risparmieranno oltre 4 milioni di euro. In totale, tra stipendi politici e incarichi “tecnici”, arriviamo a quei 10 milioni di euro sbandierati dal Crocetta. Ma il risparmio potrebbe essere ben più consistente. Al netto delle spese del personale, le spese correnti si attesterebbero sopra i 300 milioni di euro l’anno. Una cifra che serve a garantire, tra l’altro, il funzionamento di uffici e di alcuni servizi essenziali, dalla viabilità alla scuola. È probabile, però, che una seria razionalizzazione delle spese possa dimezzare un apparato così elefantiaco. La parola ora passa alla Commissione o gruppo “speciale” che dir si voglia.
I liberi Consorzi in pillole (in base al Ddl governativo)
Cosa: I Consorzi comunali sono Enti di secondo livello. In pratica, i sindaci aderenti al Consorzio compongono il Consiglio consortile ed eleggono, tra di loro e con un voto ponderato sulla popolazione rappresentata, il presidente e la Giunta.
Come: I Consorzi devono avere una popolazione residente complessiva non inferiore a 150.000 abitanti. Assume il ruolo di “Capofila” il Comune già capoluogo di Provincia o con il maggior numero di abitanti.
Perché: Essenzialmente per ridurre i “costi politici” e di “apparato”. Il Ddl (ma anche la Legge 7/2013) stabilisce che “ai sindaci che rivestano la carica di presidente o di assessore del Consorzio, nonché ai consiglieri, non può essere corrisposto alcun compenso”. 
Già in vigore. Sospeso il rinnovo degli organi politici delle Province
PALERMO - La Legge n. 7 del 27 marzo 2013 sancisce anche il commissariamento di tutte e nove le Province.
Lo dice a chiare lettere il terzo comma dell’art.1: “Al fine di consentire la riforma della rappresentanza locale (..) è sospeso il rinnovo degli organi provinciali. Agli organi delle Province regionali che cessano per scadenza naturale o anticipata nel corso del 2013, si applica, sino al 31 dicembre 2013, la disciplina prevista dall’articolo 145 dell’ordinamento amministrativo degli Enti locali nella Regione siciliana (decreto legislativo presidenziale 29 ottobre 1955, n. 6) approvato con legge regionale 15 marzo 1963, n. 16”. Il quarto comma, invece, specifica che anche le Province già commissariate cambieranno il commissario. “Per gli organi delle Province regionali già sottoposti a commissariamento, i poteri e le funzioni dei commissari straordinari in carica cessano a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge (cioè da ieri, nda) e si applica, sino al 31 dicembre 2013, la disciplina di cui all’articolo 145 dell’ordinamento amministrativo degli enti locali nella Regione”.
Ma cosa dispone l’art. 145 della legge regionale 15 marzo 1963, n. 16? “Con il decreto presidenziale che dichiara la decadenza del Consiglio o ne pronuncia lo scioglimento è nominato un commissario straordinario scelto, su proposta dell’assessore regionale per gli Enti locali, tra i funzionari direttivi in servizio presso l’assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e delle Autonomie locali che hanno svolto funzioni ispettive, di vigilanza e di controllo nei confronti degli Enti locali da almeno cinque anni o tra i dirigenti, aventi professionalità amministrative, dell’amministrazione della Regione o dello Stato, in servizio o in quiescenza. Nell’ipotesi di cessazione anticipata e di elezione congiunta del presidente e del Consiglio, si procede con le modalità del primo comma”.
Antonio Leo
www.qds.it








Postato il Domenica, 31 marzo 2013 ore 08:00:29 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi