Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 495289656 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2020

Lettera aperta alla Ministra Lucia Azzolina
di m-nicotra
3602 letture

Francesco Paratore Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto 'Gabelli' di Misterbianco. I Commissari: lodevole iniziativa che dovrà coinvolgere tutte le scuole.
di a-oliva
1224 letture

Cara Lucia Azzolina, prima che diventassi ministro, eri d’accordo su tutto quello che ho scritto in questo articolo. Oggi lo sei ancora?
di m-nicotra
1204 letture

'Agata, Vergine e Martire' di Pino Pesce al Teatro Sangiorgi di Catania. Una sacra rappresentazione multimediale fra medievalità e contemporaneità
di m-nicotra
1196 letture

Io non sono così cattivo. Questo personaggio mi fa stare male. Non mi piace anche se lo interpreto. La banalità del male!
di m-nicotra
1162 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Vi spiego perché essere contrari alla legge di parità non è un’ideologia sessantottina ma una garanzia dell'art. 33 della Costituzione!
·ANCoDiS: le dimissioni di Fioramonti e l’emergenza del sistema scolastico italiano
·Legge di bilancio 2020: si ripristini l’esonero del Primo Collaboratore (ex vicepreside) e si riconosca l’importante funzione
· Amara lettera di inizio anno
·Decreto Legge sulla scuola e nessuna attenzione ai temi della governance nelle autonome Istituzioni scolastiche


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Nuove Tecnologie: Disegno immediato e disegno mediato

Opinioni
Elio FragassiIl tempo che abbiamo vissuto negli ultimi 20/25 anni è stato attraversato da una rivoluzione silenziosa che ha inciso in modo molto profondo nel cuore della società. Essa si è sviluppata lentamente ma in modo continuo, costante e quasi subdolo investendo tutte le attività umane tra cui anche quelle di carattere artistico. Mi riferisco, in modo particolare, alla “rivoluzione informatica” che, per le sue caratteristiche di immaterialità e a-spazialità, è stata in grado di penetrare in ogni dove spesso senza che ce ne accorgessimo. Nel corso della mia attività didattica durante le lezioni ho ricordato agli studenti, in varie occasioni, di quando negli anni ’50 del secolo scorso i disegni venivano prima fatti a matita e poi fissati ad inchiostro sul foglio da disegno mediante un terribile strumento: il “tiralinee”  narrando ogni volta di quanti disegni con macchie indelebili  d’inchiostro ho fatto prima di riuscire ad acquisire abilità nell’uso dello strumento. Dagli anni ’60 in poi si è passati all’uso del “graphos” altro strumento terribile costituito da un’asticciola cava, con funzione di serbatoio dell’inchiostro, in testa alla quale venivano inseriti pennini (una specie di minicoltellino costituito da due lame sovrapposte e ruotanti l’una sull’altra) intercambiabili a spessore definito. In seguito, sul finire degli anni ’60, si passò all’uso del “rapidograf”; questa era una penna con punta metallica di forma cilindrica e spessore definito il cui corpo fungeva da serbatoio per l’inchiostro. Per un uso corretto di questi strumenti era necessario acquisire una tecnica grafica specifica per evitare macchie o sbavature d’inchiostro che potevano danneggiare l’elaborato grafico in modo irreparabile.
Il disegno era, allora, una manifestazione diretta e immediata sul foglio da disegno sia nel momento creativo a matita sia nel momento del fissaggio ad inchiostro. La manifestazione grafica, inoltre, faceva uso di materiali e strumenti diversi quali: matite, pastelli, chine colorate, retini colorati, normografi per le scritte, retini pregrafati, tiralinee, graphos, compassi, balaustrini, squadre, righe, china nera, goniometro, ecc.
Questo tipo di disegno, come espressione immediata, può essere paragonato ad un “monologo interiore” del disegnatore che, per manifestarsi, si proietta in modo continuo sul prodotto di base che può essere: carta, legno, intonaco, stoffa, marmo, ecc.

Negli ultimi 20/25 anni si è affermata sempre più la rivoluzione informatica investendo ogni campo dell’operare e tra questi anche il campo del disegno. Mi riferisco, in particolare, ai programmi di CAD che, dalla metà degli anni ’80, sono diventati sempre più potenti, più completi e più veloci nella resa grafica generando immagini sempre più realistiche e in grado di simulare oggetti, forme e spazi nei contesti e nelle situazioni più diverse.
Con l’affermarsi di questa nuova disciplina, -l’informatica- l’abbattimento dei costi della strumentazione, l’ampliamento del numero degli utenti e l’inserimento del suo insegnamento nei programmi scolastici si è venuta a formare quella generazione di persone denominate “nativi digitali”, persone nate e cresciute con le tecnologie digitali. Per questi la comunicazione grafica immediata non è più valida perché la stessa, nel nostro tempo, è mediata dello strumento informatico che è in grado di dare concretezza alla cosiddetta “convergenza digitale” mediante la quale parole, immagini, suoni, colori, staticità, dinamismo, spazio, tempo, reale e virtuale, astratto e concreto, ecc. trovano completo e totale spazio espressivo. Tutte queste caratteristiche diventano convergenti sul video grazie a quell’operare con un unico dispositivo e su un unico strumento pur in presenza di cose solitamente diverse e distinte. Lo schermo, infatti, diventa il luogo della rappresentazione che, oltre ad estendersi di là della videata può essere bianco, nero o colorato. Il pensiero dell’operatore, inoltre, mediante il mouse, penna grafica o altro dispositivo diventa, di volta in volta, con il supporto di specifici programmi, squadra, compasso, riga, matita, pennarello, gomma, retino, goniometro, normografo, ecc. ecc. Di conseguenza lo sviluppo dell’informatica attuando la “convergenza digitale” ha fatto sì che il disegno non sia più una manifestazione grafica immediata ma una “comunicazione mediata” dallo strumento informatico.
Ecco, quindi, che il disegno assistito dal computer essendo diventato una “comunicazione mediata” deve essere considerato come un “colloquio” – e non più un monologo- tra l’operatore e la macchina con la quale interagire mediante conoscenze specifiche sia della disciplina sia dello strumento mediatore. Essendo il disegno non più una comunicazione immediata ma mediata è necessario che gli elementi geometrici, le leggi, le regole si trasformino in sequenze di operazioni grafiche e, quindi, in “algoritmi grafici”. Mediante essi si può definire una “grammatica grafica” che fissando una successione finita di passaggi concorre alla corretta costruzione del disegno unitamente ad una “sintassi grafica” che collegando in modo logico gli enti geometrici fondamentali contribuisce a impostare e sviluppare l’immagine grafica e risolvere tutte le implicazioni “descrittive” della geometria. Con l’attuazione di questo passaggio dal “disegno immediato” al “disegno mediato” anche lo studente che non è naturalmente dotato di capacità di astrazione e di concettualizzazione dello spazio tridimensionale può sviluppare, mediante lo studio degli algoritmi grafici le proprie aspirazioni alla comunicazione descrittiva in forma grafica.

Nel corso della mia attività d’insegnamento ho cercato di sviluppare una ricerca didattica innovativa circa le discipline geometriche per dare a tutti gli alunni la possibilità di esprimersi  mediante la costruzione logica di immagini grafiche. Questa possibilità è stata individuata indagando la Geometria descrittiva classica con notazioni insiemistiche utilizzate, poi, per la definizione di “algoritmi grafici” risolutivi dei problemi della disciplina rendendo concreto un necessario passaggio intermedio tra il disegno immediato e il disegno mediato assistito per mezzo di programmi informatici.

Elio Fragassi
Webalice.it/eliofragassi








Postato il Martedì, 08 maggio 2012 ore 10:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi