Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483709185 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4272 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1430 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
826 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
746 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
686 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Adesso i voti li prende il prof

Rassegna stampa
Com’è la pagella del tuo professore? Questa domanda, che sembra rovesciare il mondo, ha occupato il fine settimana di migliaia di famiglie a New York, dopo che il Department of Education è stato costretto a pubblicare le valutazioni interne di 18 mila insegnanti. Se la sono posta tra di loro gli studenti, col gusto di rigirare le proprie angosce sulle spalle dei maestri, ma soprattutto i genitori, decisi a capire se i loro figli stanno perdendo tempo e quindi bisogna cambiare scuola. Di sicuro si tratta di una rivoluzione epocale, nonostante tutte le inevitabili polemiche che ha portato con sé, perché da ora in poi nessun professore potrà evitare di fare i conti con le sue responsabilità.

Nel 2006, allo scopo di migliorare la qualità delle scuole pubbliche di New York, l’allora Chancellor Joe Klein decise di varare un nuovo sistema di valutazione degli insegnanti, basato sul modello del «value-added». In sostanza si proponeva di registrare i risultati ottenuti dagli studenti nei test di inglese e matematica, tra la quarta elementare e la terza media, per poi confrontarli con i progressi fatti negli anni successivi. La valutazione teneva conto anche delle condizioni in cui operavano i ragazzi, e quindi se venivano da famiglie ricche o povere, da ambienti istruiti o no, da situazioni agiate o difficili. Lo scopo di questo sistema, chiamato «Teacher Data Reports», era far vedere ai professori il livello di risultati ottenuti dai loro studenti, e quindi i progressi o i peggioramenti, in modo da poter adeguare i metodi di insegnamento. Nello stesso tempo, però, consentiva anche di vedere quali scuole e quali maestri funzionavano meglio, in base ai livelli di apprendimento raggiunti, messi in rapporto con le condizioni di partenza.

Quando i media di New York hanno saputo dell’esistenza di questo sistema, hanno chiesto subito al Department of Education di renderlo pubblico. La risposta è stata negativa, e quindi hanno fatto causa usando il Freedom of Information Act, la legge che obbliga tutte le istituzioni statali americane a rivelare i propri atti e documenti. I giudici hanno dato ragione ai media e venerdì sono stati diffusi i giudizi su 18 mila insegnanti di 140 scuole pubbliche. Subito dopo gli studenti, e i genitori, sono potuti andare su Internet per vedere direttamente i «voti» presi dai loro professori.

La peggiore in assoluto è risultata Pascale Mauclair, della P.S. 11 di Woodside, nel Queens. I risultati però sono stati sorprendenti, perché in molti casi non hanno rispettato le aspettative. È vero che le scuole dell’Upper West Side e dell’Upper East Side di Manhattan funzionano in generale meglio, perché gli abitanti di questi quartieri sono più ricchi, pagano più tasse, e quindi garantiscono più risorse agli istituti dove vanno i loro figli. Però è anche vero che tra il 50% di insegnanti giudicati nella media, il 20% sopra e sotto la media, e il 5% eccellenti o disastrosi, ci sono molte sorprese. Nella stessa scuola, nella stessa classe, possono capitare un professore di inglese straordinario e uno di matematica incapace, e parecchi insegnanti sotto la media lavorano anche nei quartieri più ricchi. Questo dipende dal fatto che i loro risultati sono stati giudicati anche in rapporto alle aspettative per la qualità degli studenti e le «performance» precedenti delle scuole. Quindi un professore dell’Upper East Side, che sembrerebbe un genio al Bronx, passa per incapace, perché ha ottenuto dai suoi ragazzi progressi appena inferiori rispetto al suo predecessore.

Tutti questi elementi alimentano la polemica, che è anche politica. I sostenitori dei test, come il sindaco Bloomberg, sono contenti di renderli pubblici, perché vogliono responsabilizzare ed eventualmente licenziare gli insegnanti del sistema scolastico, in cui la città investe 23 miliardi di dollari all’anno. Invece la United Federation of Teachers, cioè il sindacto, ha fatto causa contro la diffusione dei dati, perché li ritiene parziali e capaci di scatenare una «caccia alle streghe».

E’ probabile che la ragione stia nel mezzo: da una parte questi test non sono perfetti, ma dall’altra molti professori non sono adeguati. Il risultato però è che adesso tutti, insegnanti e amministratori, dovranno rendere conto dei risultati raggiunti.





dello stesso autore




Postato il Martedì, 28 febbraio 2012 ore 06:30:00 CET di Sebastiano D'Achille
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi