Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483852968 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4391 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1455 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
892 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
887 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
886 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Sicilia - Operazioni di attribuzione degli incarichi dei Dirigenti scolastici: conferme, mutamenti, mobilità interregionale con decorrenza 01/09/2019
·Rettifica elenco esclusi dalle graduatorie di conferma incarico di presidenza a.s. 2018/19
·Elenco posti di dirigenza disponibili - a.s. 2018/19
·Disponibilità posti dopo i movimenti Personale ATA a.s. 2018/2019
·Bando per il conferimento di 12 incarichi di prestazione occasionale per la preparazione di video-lezioni complete di materiale didattico a supporto e test di autovalutazione dell’apprendimento per MATEMATICA, BIOLOGIA, FISICA E CHIMICA


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lavoro: Gli insegnati italiani tra stress e passione. Oltre il 57% non cambierebbe professione

Sondaggi
Nell'ultimo decennio l'insegnante è diventato il bersaglio di una operazione di demolizione del riconoscimento sociale che lo ha invece accompagnato per lungo tempo nel secolo scorso. Accusato di fare un pat-time di fatto, di esercitare un doppio lavoro e di evadere le tasse attraverso le lezioni private. La figura e il ruolo del docente è sempre più "sotto esame". Con il risultato di una sempre maggiore disaffezione, stress, percezione della perdita del proprio prestigio sociale, disorientamento, da parte del corpo docente che continua comunque a svolgere, nella gran parte dei casi, con "passione" la propria professione.   
E' uno dei dati che emerge da una recente indagine sugli insegnanti italiani "Valori costituzionali e comportamenti professionali", condotta dal Cidi (Centro di iniziativa democratica degli insegnanti),per conto del Comitato Italia 150, attraverso la quale 2.300 insegnanti hanno evidenziato le proprie motivazioni e disillusioni, idee e comportamenti, valori e prospettive della loro professione in un momento particolarmente delicato della scuola italiana.

Il primo dato che emerge è che contrariamente a quanto si pensi comunemente, «quella dell'insegnante è un'attività che raramente si sceglie per caso, mentre rimane in genere decisivo l'aspetto vocazionale». Infatti alla domanda sul perché si insegna, oltre la metà del campione (53,1% ha scelto l'opzione "per realizzare una mia aspirazione personale" mentre 4 su 10 (41,1% hanno indicato "per contribuire alla formazione dei giovani"). Una percentuale molto contenuta (13,5%) riconduce tale scelta alla volontà di "trasmettere le conoscenze apprese".

«Insegnare, al di là di quella che può essere l'immagine veicolata dai media o legata al senso comune di chi vede la scuola dal di fuori - evidenzia la ricerca del Cidi - è un'attività lavorativa difficile e impegnativa. è innanzitutto un lavoro che provoca stress perché si è direttamente a contatto con altre persone, in questo caso gli allievi ma anche colleghi, dirigenti e genitori». D'altra parte, però, proprio il rapporto diretto con bambini, ragazzi e giovani costituisce una delle fonti di maggior riconoscimento, soddisfazione e gratificazione di questo lavoro.

Analizzando i motivi di insoddisfazione la ricerca conferma i sintomi di una profonda insoddisfazione per una professione che ha scarso riconoscimento sociale (per il 69,4% del campione) e che è caratterizzata dalla mancanza di una progressione economica (per il 52,7%).

Gli insegnanti puntano il dito anche sul alcune trasformazione della scuola : ben il 34% del campione esprime, ad esempio, un giudizio negativo sull'autonomia scolastica, ritenuta colpevole di aver "trasformato la scuola in un'azienda". Sempre rispetto all'autonomia scolastica, un numero analogo di intervistati fa sentire la propria delusione, ritenendola "un'occasione perduta perché applicata male e senza risorse" (per il 35,5%).

Ma, quando si chiede di indicare i motivi di soddisfazione, la stragrande maggioranza degli insegnanti (55,7%) risponde "Mi mette a contatto con i giovani" ( nella scuola secondaria tale risposta raggiunge il 74,5%), ben il 48,5% indica tra i motivi di soddisfazione il fatto di sapere il proprio lavoro "è molto importante per la società" oppure che "è una lavoro creativo" (48,2%). La maggioranza assoluta degli intervistati (57,3%) confermerebbe comunque la scelta di insegnare contro il 7,7% che cambierebbe in ogni caso.

Anche nel caso delle funzioni della scuola pubblica l'indicazione che prevale è quella valoriale. Ben oltre l'82% degli intervistati, infatti, indicano quella di "educare ai valori e alle regole della convivenza civile" la più importante funzione della scuola pubblica.

Tale finalità ottiene un ampio consenso e distacca nettamente le altre importanti funzioni tra le quali "acquisire un metodi di apprendimento" (54,1%) e "acquisire conoscenze e competenze disciplinari" (51%). Poca rilevanza assumono, invece "preparare e orientare ad una professione" (17,7%) e "fornire un'occasione di conoscere cose nuove" (17%).

Sempre per quanto riguarda i valori, per la quasi totalità del campione la scuola dovrebbe educare soprattutto a "rispettare le norme", "all'importanza della cultura" (entrambi i valori per il 98,7% dei rispondenti dovrebbero essere trasmessi "molto o abbastanza" dalla scuola ) e alla "libertà di pensiero e di espressione" (per il 98,5%), a insegnare il "rispetto degli altri e la loro integrazione" (per il 98,5%). Seguono, di poco, "l'uguaglianza delle persone" (98%), la "solidarietà, l'impegno e il senso di giustizia" (per il 97,5%).

Per quanto riguarda la valutazione, secondo gli insegnanti serve poco "a premiare chi studia e a punire chi non lo fa" ( appena il 5,8% del campione); la sua funzione è soprattutto quella di "verificare quali contenuti e quali competenze non sono adeguarti e vanno ripresi nella lezione" (lo ritiene poco più del 60% degli intervistati), ma anche a far "comprendere agli allievi e alle famiglie quali sono i miglioramenti e le carenze nello studio" (60,9%) e a "individuare gli allievi più deboli sui quali intervenire con azioni di recupero oppure quelli più meritevoli di approfondimento" (58,5%).

Per quanto concerne, invece, ciò che effettivamente è trasmesso a scuola , i dati mostrano tutto sommato una congruenza tra "dover essere" ed "essere", anche se con percentuali che denotano forse una efficacia inferiore alle attese: restano ai primi posti "la libertà di pensiero e di espressione" (per il 77,7), "l'uguaglianza delle persone" (76,4%), "il rispetto degli altri e la loro integrazione" (per il 73,5%), "la solidarietà" (68,4%), «l'impegno» (66,6%) e «il rispetto delle norme (66,7%). Sempre per oltre due terzi del campione, la scuola insegna "il valore della pace" (70,9%).

Il giudizio sugli studenti della propria scuola , infine, appare piuttosto articolato. Per la maggioranza degli studenti "l'arte di arrangiarsi" è la caratteristica più diffusa tra gli allievi (per il 73,9%). Seguono "lo scarso senso civico" (69%) e il "pressappochismo" (68,5%). Ttra le principali qualità indicate la "creatività" (67,5%) e la "solidarietà"(65,9%).                (da Lastampa.it)

redazione@aetnanet.org








Postato il Martedì, 31 gennaio 2012 ore 07:19:06 CET di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi