Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480116479 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
862 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
851 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
667 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
662 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
617 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: L'Italia dell'ignoranza

Recensioni

“Non è democratica una scuola che insegna solo a pochi, ma non lo è nemmeno una scuola che insegna poco a tutti”. Così scrive Graziella Priulla nel suo recente saggio L’Italia dell’ignoranza pubblicato da FrancoAngeli, una fotografia attenta, documentata e appassionata della scuola italiana.
Scuola di massa, spiega Priulla, non significa necessariamente scuola di basso livello: “inclusiva“ e “rigorosa” non dovrebbero essere “aggettivi antitetici”, come dimostra la lezione di Don Milani, che lavorava con ragazzi deprivati senza per questo adottare una “pedagogia giustificazionista e permissiva”.
Il progressivo impoverimento della formazione fornita oggi dalla scuola è però sotto gli occhi di tutti. Le cause sono molte e Priulla non si limita ad analizzarle, ne individua anche le interconnessioni.
La conoscenza non è più considerata un valore, né uno strumento di crescita e di successo. Non lo è dai ragazzi ma, ancor prima, dalle famiglie e dalla società tutta. Così come non lo sono il merito e l’impegno. L’intera gerarchia sociale è ormai basata su altri valori, sul denaro, sul potere. Questo determina nei giovani alunni una perdita di senso, più grave di qualunque forma di insofferenza possano aver vissuto le generazioni precedenti.
E’ venuto meno il prestigio sociale degli insegnanti. Il loro ruolo è ormai declassato e scarsamente appetibile, e non solo (ma anche) per la inadeguatezza degli stipendi. Ce lo confermano i dati relativi al livello sociale delle loro famiglie d’origine, sempre più basso. Ce lo conferma l’atteggiamento tenuto nei loro confronti dalla maggior parte dei genitori, i primi a non credere all’utilità della formazione scolastica, a non rispettare il ruolo dei docenti e a guardare alla scuola come una minaccia da cui difendere i propri figli. Gli insegnanti possono ormai contare solo sulla propria autorevolezza personale, basata su competenze non solo disciplinari ma anche relazionali.
Manca un serio impegno dei governi per la crescita della scuola pubblica. Sull’istruzione non si fanno investimenti né si progettano soluzioni a lungo termine per il “dissesto intellettuale”. Prevale la “filosofia dell’immediato”, si parla in modo salottiero di questioni delicate come la didattica e si diffondono immagini caricaturali degli insegnanti (“fannulloni”) con la conseguenza di minare la fiducia nella istituzione-scuola. Problemi complessi come quelli del reclutamento degli insegnanti, del loro aggiornamento e della valutazione del loro lavoro vengono affrontati in maniera improvvisata.
Sono state introdotte una concezione e una terminologia di tipo aziendalista, con conseguenti distorsioni. Le bocciature, ad esempio, vanno evitate perché fanno cattiva pubblicità alla scuola-azienda, il giudizio critico (pericoloso per il preside-manager) viene scoraggiato o addirittura punito, l’offerta formativa viene magnificata, per scalzare la concorrenza, con “opuscoli rutilanti” a cui in genere non corrispondono progetti e strumenti realmente all’avanguardia. La ricerca della “produttività immediata” nulla ha però a che fare con la scuola, ambito in cui “ogni investimento è a lungo termine, dove centrali sono le persone, dove le relazioni sono delicate e fragili”.
Non viene riconosciuta l’importanza dell’educazione linguistica. E’ questo un nodo centrale del saggio. Sulla base di statistiche ufficiali sappiamo che ben 36 milioni di italiani non comprendono il linguaggio scritto. La loro alfabetizzazione è solo apparente, si riduce alla capacità di identificare i segni senza che ci sia la comprensione di ciò che si legge. Si crea così un circolo vizioso: meno si legge e più si ha difficoltà a leggere, e infine si smette di leggere. Al posto dei pensieri complessi si affermano le banalità e le espressioni stereotipate, con conseguenze devastanti per la vita civile. E’ noto infatti che “il progressivo contrarsi del linguaggio abbia per effetto prima l’impoverimento, poi l’inibizione del pensiero”.
Questa scuola disastrata è anche una scuola che continua a “segnare inesorabili confini di classe”. Permangono squilibri geografici e sociali. Il livello di apprendimento, per esempio, è più basso al Sud che al Nord ed è fortemente legato al livello culturale, più che economico, dei genitori, tanto è vero che i figli dei laureati hanno più probabilità di iscriversi al liceo e di laurearsi a loro volta. Quanto al territorio, esistono differenze anche tra una scuola e l’altra, tra un quartiere e l’altro.
La scuola potrebbe e dovrebbe, invece, contrastare le disuguaglianze di partenza. Dovrebbe cioè “compensare con risorse aggiuntive e occasioni formative migliori e intensive” gli svantaggi familiari e territoriali degli studenti. Solo così sarebbero rimossi “gli ostacoli che limitano di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini”, come recita l’articolo 3 della Costituzione.

da www.argogatania.org






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Lunedì, 02 gennaio 2012 ore 08:44:22 CET di Camillo Bella
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi