Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481992343 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1683 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1263 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
837 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Rettifica elenco esclusi dalle graduatorie di conferma incarico di presidenza a.s. 2018/19
·Elenco posti di dirigenza disponibili - a.s. 2018/19
·Disponibilità posti dopo i movimenti Personale ATA a.s. 2018/2019
·Bando per il conferimento di 12 incarichi di prestazione occasionale per la preparazione di video-lezioni complete di materiale didattico a supporto e test di autovalutazione dell’apprendimento per MATEMATICA, BIOLOGIA, FISICA E CHIMICA
·Procedura per l’accesso al ruolo di Dirigente scolastico di cui all’art. 1, commi 87 e ss. della Legge n. 107/2015 - Immissioni in ruolo a.s. 2018-2019


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Pensioni: Riformare le pensioni per dare equità

Rassegna stampa
     Se si guarda il problema nel suo insieme, e se lo si esamina proprio con particolare attenzione alla socialità e alla giustizia intergenerazionale, molti luoghi comuni crollano. La realtà è molto meno ideologizzata di tanti propagandisti che parlano a lavoratori che non conoscono.
Le riforme dei governi Amato (1992), Dini (1995) e Prodi (1997) hanno profondamente modificato un sistema che negli anni era divenuto insostenibile e iniquo. Insostenibile perché in un'Europa che invecchiava e invecchia, l'Italia invecchiava e invecchia di più e più velocemente. Iniquo perché sussistevano differenze fortissime (nelle modalità di calcolo del beneficio pensionistico e nelle regole di accesso) tra settori e all'interno degli stessi settori tra chi andava in pensione di anzianità e chi, invece, doveva aspettare la vecchiaia.
     Le riforme, varate a partire dagli anni 90, hanno corretto le principali anomalie: squilibrio finanziario, iniquità distributive, distorsioni del mercato del lavoro. L'età pensionabile è stata progressivamente innalzata e gradualmente ridotte e annullate molte delle differenze di trattamento tra lavoratori privati e pubblici. Si è adottata una nuova formula per il calcolo della pensione, che ispirandosi a principi di equità attuariale si basa su quantità dei contributi versati e durata prevista del pensionamento. Gli interventi hanno riguardato, come è noto, le varie coorti di lavoratori in misura e con modalità molto diverse: massima per coloro che sono entrati nell'occupazione a metà degli anni 90, significativamente meno rilevante, e inversamente correlata agli anni di lavoro effettuati, per chi al momento della riforma aveva già contribuito al sistema.
     Molto è stato fatto per la sostenibilità del nostro sistema pensionistico negli anni a noi più vicini e da questo Governo. Abbiamo equiparato l'età per la quiescenza di vecchiaia tra uomini e donne nel settore pubblico, in tempi brevissimi, abbiamo introdotto l'aggancio dell'età pensionabile alla speranza di vita. Ci sono lavoratori la cui principale aspirazione è quella di smettere di lavorare, ma ce ne sono moltissimi in più che hanno fiducia nelle proprie capacità e che intendono, donne e uomini, raggiungere la pensione con il massimo di retribuzione e senza avere rinunciato a incassare i meriti, anche di carriera, che spettano loro. I politici che si occupano solo di come farli uscire dalla produzione sono gli stessi che non hanno alcuna stima del loro lavoro e della loro dignità.
Ma rimangono almeno due anomalie da correggere per portare il nostro sistema a essere più equo e sostenibile. Esiste, infatti, ancora oggi la possibilità di pensionarsi prima di raggiungere l'età per la vecchiaia e, anzi, questa scelta viene incentivata nella misura in cui i trattamenti di oggi sono ancora calcolati con il sistema retributivo e non sono in alcun modo collegati con la durata attesa del pensionamento. E, seconda anomalia, ancora oggi, alle donne, ma solo a quelle del privato, si applica un requisito per la vecchiaia più basso di quello cui sono soggetti gli uomini e le lavoratrici pubbliche.
     Sono proprio le due anomalie che l'Europa ha evidenziato nella lettera che ha inviato lo scorso 5 agosto. Ma, al di là di questo, sono anomalie che consolidano disparità e iniquità interne al nostro mercato del lavoro, scaricandone su altri i costi. Correggerle, quindi, non solo è salutare dal punto di vista dei conti, dal cui equilibrio discende la sicurezza futura dei lavoratori, ma risponde a evidentissime domande di giustizia ed equità. Inoltre è totalmente coerente con le riforme fin qui fatte, comprese quelle volute dalla nostra maggioranza, in altre legislature, e da questo Governo.
     Desidero essere molto chiaro: non è in questione una mia eventuale reazione a giudizi che mi riguardano, probabilmente ingenerosi o fuori tema. È questione di nessuna importanza. Ma deve essere chiaro che il lavoro che stiamo svolgendo non solo non ha nulla della macelleria sociale, ma cerca di evitare che siano squartati i legittimi interessi di chi è più giovane, come le speranze e l'impegno di chi considera il sistema produttivo italiano capace di competere sui mercati mondiali e non ripiegato nella miope difesa di quelle arretratezze che ne rallentano la corsa.
Proprio perché il lungo lavoro di riforma del nostro welfare pensionistico è stato realizzato negli ultimi 20 anni da maggioranze politiche diverse, si avrebbe oggi il miglior coronamento di tanti sforzi se l'equilibrio finale venisse individuato, in Parlamento, con una maggioranza più ampia di quella che attualmente sostiene il Governo.
Sarebbe questa la migliore dimostrazione di responsabilità, serietà, lungimiranza e coesione sociale. Una grande occasione da non perdere.
Renato Brunetta (ministro per la Pubblica amministrazione)

(Sole24Ore)
redazione@aetnanet.org









Postato il Giovedì, 18 agosto 2011 ore 08:57:12 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi