Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481703772 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1144 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
795 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
736 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
708 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
671 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Università: Il MERITO non ha un «metro» fisso nel sistema universitario (e neppure in quello scolastico)!

Rassegna stampa
     Il decollo dell'Anvur – l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca – è un evento di grande portata. Tre aspetti ne segnano rilievo e sfide.
     Il primo: l'Anvur inizia a operare in un contesto deteriorato, nel quale "qualità, merito, trasparenza" suonano ormai come parole usurate, ripetute ossessivamente e con altrettanta sistematicità smentite nei fatti. Ad esempio, ci sono voluti quattro anni e mezzo per passare dalla legge istitutiva alla costituzione dell'Anvur; il fondo di finanziamento ordinario ha conosciuto una pesante riduzione e la compressione della quota di "premialità", e viene distribuito con crescente ritardo (clamoroso quello del 2010: a fine dicembre!).
     Il secondo: il regolamento dell'Anvur amplia di molto i suoi compiti rispetto alla legge. Alla valutazione della qualità di ricerca e didattica aggiunge quella delle strutture e dei corsi di studio, la definizione dei requisiti di risorse per l'istituzione e il permanere di università e corsi di studio, l'elaborazione di parametri per l'allocazione dei finanziamenti statali (e altro ancora). L'impressione è che l'amministrazione del sistema universitario e della ricerca riconosca il proprio collasso e affidi, impropriamente, all'Anvur un generale ruolo di supplenza, confinata però alla formulazione di pareri.
     Il terzo: l'Agenzia è un ircocervo. È altra rispetto al Miur, con personalità giuridica e adeguata autonomia (quando le previsioni normative saranno state attuate); ma non è una Authority, perché ha funzioni consultive, non poteri di regolazione o sanzione né compiti di distribuzione di risorse "premiali". Il ruolo dell'Anvur si deciderà dunque sul campo, sarà stabilito dalla sua capacità di essere, rispetto al Miur, un soggetto terzo autorevole: terzo a cominciare dalla definizione del programma di lavoro; autorevole, perché la forza dei pareri che formulerà dipenderà dalla (e insieme costruirà la) propria reputazione.
     Per questo è importante che l'Anvur disegni bene il proprio ruolo. Senza l'esigenza di marcare subito la sua presenza. La "veduta corta", l'attenzione alle urgenze (immancabili), il proposito di prestarsi per tappare i buchi di una amministrazione statale deficitaria sono rischi da evitare. È alla definizione di un'impegnativa agenda, centrata su chiare priorità, che l'Anvur dovrebbe dedicare il suo primo impegno. Concentrandosi sulla core mission - valutare prodotti e risultati della ricerca e della didattica - e mettendo la sordina ad altri temi.
     Sorprende che l'Anvur abbia deciso diversamente, esordendo con la proposta di "Criteri e parametri" per i concorsi universitari. L'argomento è lontano dalla sua missione; rientra nelle sue già troppo estese competenze soltanto se di esse si dà un'interpretazione larga. La scelta ha due aspetti discutibili. Innanzitutto, il tema. Quarant'anni di riforme dei meccanismi concorsuali, nelle quali si è provato quasi tutto – raggruppamenti disciplinari ampi e ristretti, concorsi nazionali e locali, commissari eletti ed estratti, e così di seguito – hanno insegnato una cosa: la via normativa al miglioramento dei meccanismi di reclutamento, da sola, è sterile. Senza "buona cultura" e buoni incentivi produce grida di manzoniana memoria. La buona cultura, riferita all'università e alla ricerca, comporta una declinazione della civicness in chiave di attenzione al merito.
     Certo, è un bene con un ciclo di produzione lungo, ma può trovare stimolo e sostegno in un impegno del Miur (non dell'Anvur) a dare forte pubblicità, su scala nazionale, agli esiti dei concorsi: name and shame, per capirci. I buoni incentivi sono il terreno privilegiato dell'azione dell'Anvur. Essa può fornire un apporto decisivo all'affermarsi di pratiche di reclutamento meritocratiche: 1) facendo bene, e con sollecitudine, la Vqr, ossia la Valutazione della qualità della ricerca; 2) vigilando a che le valutazioni si riflettano in decisioni coerenti di distribuzione delle risorse (da qui, ancora, l'importanza della terzietà dell'Anvur rispetto al Miur).
     Venendo al merito, l'assenso è pieno sull'obiettivo dei "criteri e parametri" suggeriti: reclutare i migliori. Le riserve sono sul meccanicismo e la rigidità degli strumenti proposti. Se criteri e parametri fossero intesi come autorevoli indicatori di massima per determinare i candidati ammissibili all'idoneità, il tutto sarebbe ragionevole (anche se, da solo, verosimilmente poco efficace). Ma la connotazione che l'Agenzia ne dà è cogente: «caratteristiche necessarie per accedere alle procedure di valutazione». Né basta riconoscere che una cosa è utilizzare indicatori e parametri per valutare strutture e altra è usarli per valutare singoli, come fa l'Anvur nel recente documento di risposta ai commenti sui "Criteri e parametri", se poi si finisce per dimenticare che in sede di concorsi di decidere su singoli si tratta.
     Non è allora "aneddotica fuorviante", ma argomento per una seria riflessione il fatto che scienziati famosi del passato non soddisferebbero oggi i requisiti minimi proposti (per l'Economia politica, un Piero Sraffa sessantenne, tanto per fare un nome). La peer review (processo di validazione tramite il quale i lavori sono sottoposti al giudizio di esperti del settore pari dell'autore, ndr) resta il perno per la stessa valutazione di strutture di ricerca, come l'Anvur prevede per la prossima Vqr e come è documentato dal Research Assessment Exercise inglese, la più matura esperienza nazionale di valutazione della ricerca. E quando si giudichino i singoli il peso della peer review non può che aumentare.

Ugo Trivellato (Sole24Ore, 15/8/11 pag. 18)

redazione@aetnanet.org








Postato il Lunedì, 15 agosto 2011 ore 17:29:04 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.64 Secondi