Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485767874 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1206 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
843 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
672 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
648 letture

Sì alla legge per il ritorno dell'Educazione civica a scuola da settembre 2020
di g-aderno
582 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·L’Università di Messina con il corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Navigazione approda all’ITT Ettore Majorana di Milazzo
·Fiera Didacta Italia 2019: intervento della Rete Nazionale dei Licei Classici
·Incontro - Gemellaggio Sicilia-Cina. 'Scambiando si impara'
·San Giuvanni Decullatu, un classico martogliano portato in scena dagli alunni del Laboratorio Teatrale dell'I.I.S.S. Majorana - Meucci di Acireale in occasione degli eventi estivi acesi 'Acireale Summer 2019'
·L’ITT Majorana di Milazzo tra le tre sedi nazionali per la certificazione fiso rilasciata da Enac


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Programmi Ministeriali: L’Italia unita, come espressione geografica da Predoi a Lampedusa, in 150 anni, ha visto passare 100 Ministri dell’ Istruzione. Ma solo quattro sono

Redazione
      Sono una cinquantina i MPI dal 1861 al 1922, una quindicina dal 1922 al 1946 (tra i fascisti dell’Educazione Nazionale e quelli degli ultimi tre anni del regno d’Italia); sono circa 35 i MPI della attuale periodo repubblicano anche se due ministre berlusconiane hanno deciso di togliere la P (= pubblica) dalla sigla del ministero ubicato in Viale Trastevere a Roma. Di questo centinaiosolo 4 sono donne: Franca, Rosa, Letizia e Mariastella, felicemente “reggente”.
C’è ancora qualcuno che ricorda Franca Falcucci? No? Eppure era la fine del 1982 quando, apprendevamo la notizia della sua ascesa al MPI, mentre io ero precario in un liceo parificato di Palermo.
      Franca Falcucci, è nata a Roma nel 1926, è stata Ministro della Pubblica Istruzione per la Democrazia Cristiana (DC) dal 1982 al 1987 durante 4 governi: due di Fanfani e due di Craxi. Il tempo futuro ci dirà se è stato un grande ministro. Di certo decideva convintamente il suo programma solo dopo l’ascolto, la riflessione ed il necessario e rispettoso approfondimento realizzato nel confronto e nel dibattito Parlamentare. Non mancarono le durante quegli anni 80 le contestazioni studentesche, i cortei cittadini, le occupazioni delle scuole. Ma si sa, tutte queste forme di “lotta”, in una vera Democrazia, hanno una ragione d’essere e come tale non vanno mai ignorate o sottovalutate. Ai tempi della Falcucci, questo si faceva, così come deve essere. E il ministro ne teneva conto, seriamente.
E’ a questa senatrice che dobbiamo:  (1) l’apertura delle scuole pubbliche ai portatori di handicap,  (2) il “principio di conservazione” dell’ora religione nella scuola in maniera opzionale, (3)  le direttive riguardanti il sistema operativo con la nascita successiva delle cosiddette sperimentazioni P.N.I.: Il Piano Nazionale per l'inserimento dell'informatica nella scuola Secondaria Superiore.
      Ad primum. Franca Falcucci è la donna che ha preparato il terreno per la legge n. 517/77. Ministro della Pubblica istruzione lo sarebbe diventata solo nel 1982, ma nel 1975 ha presieduto una commissione parlamentare sull'integrazione scolastica degli alunni handicappati (era il termine che si usava allora). Le conclusioni di quel lavoro, note come  “Documento Falcucci”,  costituiscono il fondamento e le radici dell'integrazione scolastica in Italia. Gli “handicappati” nessuno li voleva in classe, c’erano molte resistenze. Il problema non era solo dentro il mondo della scuola, ma anche fuori, nelle famiglie e nella società: era un fatto culturale. La Commissione Falcucci lavorò molto e prima di varare la legge fu preparato a lungo il terreno e quindi alla fine riuscì a farla passare la legge 517/77. Perché la Falcucci ha sempre creduto nella scuola aperta a tutti, come luogo dove si sviluppano le potenzialità delle persone e nel diritto di tutti ad essere protagonisti della propria crescita.
      Ad secundum. Nel 1984 fu rivisto il concordato (del 1929) tra il Vaticano e lo Stato Italiano, non però il Trattato. Dopo lunghissime e difficili trattative, per rimuovere la clausola riguardante la religione di Stato della Chiesa cattolica in Italia, la revisione portò al nuovo Concordato e venne firmata a dall'allora presidente del Consiglio Bettino Craxi, per lo Stato italiano, e dal cardinale Agostino Casaroli.  Il nuovo Concordato stabilì che il clero cattolico venisse finanziato da una frazione del gettito totale IRPEF, attraverso il meccanismo noto come otto per mille e che la nomina dei vescovi non richiedesse più l'approvazione del governo italiano. Fu anche stabilito che l'ora di religione cattolica nelle scuole passasse da obbligatoria a facoltativa e la scelta doveva essere effettuata e comunicata all'atto dell'iscrizione per l’anno scolastico successivo. Questa parte degli accordi fu merito soprattutto della cattolica Falcucci, la quale in seguito firmò i programmi ministeriali dell’IRC in tutti gli ordini e gradi della scuola italiana.
      Ad tertium. L’obiettivo ambizioso del Piano Nazionale per l'insegnamento dell'informatica (ormai ad esaurimento in seguito alla riforma epocale gelminiana) era quella di creare oltre che “ottimi studenti” anche “ottimi programmatori” in un linguaggio “strutturato” (l’allora “Turbo” Pascal).  Sembra che siano passati un po’ di anni dalla “moda” dello scrivere “programmi” e forse si prende coscienza che imparare ad usare un programma come “Mathematica” (o analoghi come MatLab o MathCad) può essere più educativo (e più rispondente agli effetti positivi della propria didattica) che insistere su come strutturare un programma per risolvere l’equazione di secondo grado. Il guaio è che in Italia, negli ultimi 30 anni il problema “didattico” è stato considerato secondario e il Ministero è sempre stato più sensibile alla forma (la burocrazia) rispetto alla sostanza dei fatti scolastici. Il piano nazionale per l’Informatica della Falcucci non era nato per favorire una azienda, quella di Ivrea che poi (ironia delle vicende economiche) non indirizzò il suo futuro destino sui PC. In quel periodo avevamo tanti difetti ma non si proponevano  leggi… ad aziendam. (To be continued).

Giovanni Sicali
giovannisicali@gmail.com








Postato il Martedì, 02 agosto 2011 ore 22:30:00 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi