Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483809488 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4374 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1445 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
851 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
834 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
762 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Personale docente scuola II Grado - Mobilità a.s. 2019/2020 - Modifiche movimenti
·Personale ATA - Mobilità a.s. 2019/2020 - Movimenti
·Personale Docente - Disponibilità posti dopo i movimenti a.s. 2019/2020
·Mobilità a.s. 2019/2020 - Personale ATA - Disponibilità posti prima dei movimenti
·Movimenti provincia di Catania - tutti gli ordini di scuola


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: Lettera di risposta alla Gelmini

Comunicati
E' proprio ciò che balza agli occhi in modo lampante, per chi si occupa di Scuola. Il riferimento è alla lettera del Ministro Gelmini, pubblicata il 24 agosto sul Corriere della sera riferita a come si accede alla professione di insegnante. Non per l'assunzione, ma semplicemente per conseguire tramite appositi corsi di formazione la qualifica di docente, altrimenti detta abilitazione. I numeri sembrano essere talmente minimi che, per il momento, non sono abbastanza per avviare le procedure di selezione, almeno non per tutte le materie, tra le quali resterebbero fuori le principali.

Ebbene il Ministro Gelmini giustifica questa politica dicendo che non si possono alimentare nei giovani false speranze poiché la scuola non avrebbe, a suo dire, più lavoro da offrire.
Il Ministro rivolgendosi ai giovani omette di dire che in Italia esistono migliaia di docenti, magari anche giovani (oggi si è giovani fino a sessant'anni!) ma di certo esperti, poiché siedono in cattedra da oltre un decennio, e che sono ancora in attesa che tale “titolo di abilitazione” gli venga riconosciuto.

Si tratta di quell´esercito di migliaia di insegnanti, possessori di titoli validi ed idonei all´insegnamento, ma che il MIUR con una incoerenza rara, dopo averli regolarmente assunti per anni e valutando positivamente il loro operato, li chiama "non abilitati". Premesso che, ai sensi dell´art. 33 della Costituzione non è possibile essere considerati idonei e non abilitati al contempo e che ai sensi della Direttiva Europea 36/05 recepita in Italia con dlgs. 206/07, i possessori di titoli validi all´insegnamento, siano essi abilitati o no, sono da ritenersi in ogni caso possessori di qualifiche professionali valide allo svolgimento di una professione regolamentata. Pertanto, sotto un profilo giuridico, ciò che risulta non solo incomprensibile, ma anche illecito, è la volontà non solo del Ministero di negare loro qualsiasi riconoscimento adducendo la responsabilità agli stessi precari, colpevoli a suo dire di non essersi formati, ed in nome di questa loro colpa soprassedere e calpestare ogni loro diritto fondamentale, rinnegando loro lo “status” di cittadini e lavoratori, arrivando addirittura a definirli "finti precari".

Eppure questi "finti precari" hanno bocciato e promosso alunni, sono stati responsabili della classe e della formazione delle future generazioni, hanno firmato documenti ufficiali e sono stati perfino commissari d´esame. E´ bene ricordare, che il vigente CCNL del comparto scuola non fa distinzione tra abilitati e no, pertanto le mansioni e prestazioni richieste ed attribuite al profilo professionale di docente sono esattamente le stesse.

Spiace inoltre constatare che il Ministro Gelmini, con la scusa di "non voler illudere" le future generazioni, non solo le schiaccia sotto un macigno, ma si dimentica perfino che nelle centinaia di migliaia di contratti sottoscritti tra i dirigenti scolastici e i precari "non abilitati" vi è riportato che la formazione è un diritto del lavoratore e che i docenti in servizio dovrebbero accedere direttamente ad essa, che dovrebbe essere fornita gratuitamente ed addirittura retribuita come orario scolastico e di lavoro! Anche il Dlgs. 165/01 stabilisce in modo inequivocabile che è responsabilità del datore di lavoro, ossia del MIUR, e non del dipendente, curare la formazione professionale dei lavoratori. L´art. 35 della Costituzione sancisce altresì il diritto alla formazione per il lavoratore e così anche il dlgs 368/01. Detto altrimenti, è bene ricordare al Ministro Gelmini che non spetta a lei preoccuparsi delle possibili illusioni di un "giovane" d´oggi, che potrebbe ritrovarsi abilitato ma disoccupato.
In compenso è suo preciso dovere onorare i contratti sottoscritti e la normativa vigente, secondo la quale o dichiara abilitati tutti i suoi dipendenti, o provvede A SUE SPESE all´immediata formazione di coloro che non ritiene tali.

Se a ciò si aggiunge il fatto che nonostante i forti tagli, non si può negare l’altissimo numero di pensionamenti che ci sono stati e che di certo ci saranno nei prossimi anni. Si arriva così alla conclusione che non solo ci sono i posti per la stabilizzazione di chi attualmente è precario, ma addirittura ci saranno anche per i giovani e i meno giovani che vorrebbero intraprendere la professione di docente.

Questi, non possono vantare diritti di assunzione, ma è loro diritto sacrosanto completare se necessario la loro formazione e gareggiare per i posti di insegnamento che di certo nei prossimi anni si libereranno ed eventualmente utilizzare la loro abilitazione per insegnare nelle scuole
paritarie o all´estero. Qualora venissero poi assunti, è giusto che vengano garantiti loro tutti i diritti che agli attuali precari "non abilitati" non sono stati finora riconosciuti.

La verità è che dietro ai "finti precari" non c´è mancanza di professionalità e competenza.

Sembra, invece, faccia comodo, anche allo Stato, tenere decine di migliaia di professionisti in condizione da non poter essere stabilizzati, neanche nel settore privato, quindi sottopagati e sfruttati. Sembra faccia comodo anche alle Università ed alle organizzazioni private che stanno predisponendo corsi preparatori ai TFA (anche senza che tali corsi abilitanti siano stati banditi) definire “non abilitato” chi in possesso di lauree e titoli validi all´insegnamento ha prestato per anni servizio alle dipendenze del MIUR.
Sembra anche che ciò faccia comodo alle organizzazioni enti che “vendono” abilitazioni all´estero, sfruttando la disperazione di queste persone.

La verità è, per rispondere al Ministro, che negando la formazione, si evita forse di “creare nuove illusioni”, ma ancora una volta si creeranno precari destinati a vivere nell´incertezza e nella precarietà di un lavoro, diritto sancito dalla Costituzione italiana.

Direttivo Adida






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Sabato, 30 luglio 2011 ore 12:53:13 CEST di Sebastiano D'Achille
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi