Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483812138 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4376 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1446 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
853 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
838 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
763 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Concorso per presidi va avanti, il Consiglio di Stato accoglie l’appello del Miur. Bussetti: 'Ora le assunzioni'
·Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto
·Le avventure dei Cyberkid: impegno continuo per il futuro dei nostri ragazzi
·La certificazione ECDL cambia nome e diventa ICDL
·Decreto concretezza: Timbratura in entrata e in uscita dalla scuola per i 'Presidi' attraverso il rilevamento delle impronte digitali


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Dio salvi la scuola, alla Regina ci pensano già i media!

Opinioni

Ho saputo di colleghi che domani al posto della lezione faranno vedere in tv un certo matrimonio! Non volevo parlare di questo “evento” prima di tale esilarante notizia, ma ora sarà un piacere farlo e forse anche un dovere. Che tutti noi abbiamo bisogno di un po’ di leggerezza, di non prendere le cose troppo sul serio è vero, ma la banalità e l’apologia del gossip non possono trovare spazio in una scuola già abbastanza zoppicante; naturalmente non dovrebbero trovare spazio neanche da altre parti, per esempio nelle famiglie. Sono curioso di sapere quali sono le alte motivazioni didattiche per cui diventa fondamentale fermarsi per vedere quanto accadrà a Londra. Tutte quelle che cerco non mi convincono, forse non convinceranno neanche voi. “È il matrimonio del secolo”, qualcuno mi ha detto. Certo, peccato che siamo solo all’inizio di questo secolo dunque è un po’ fuori luogo questa definizione a livello temporale. “Non capisci - mi dicono – non solo a livello temporale, ma come fatto storico”. Bene, detta così è ancora peggio! Possiamo scommettere sul fatto che non ci sarà un libro di Storia significativo che riporterà queste nozze? Perché? Perché è semplicemente il matrimonio tra due giovani di cui uno forse sarà Re, non sappiamo quando, e l’altra è – per così dire – una normalissima ragazza. Non siamo al tempo in cui i matrimoni regali univano imperi, mettevano la pace tra antichissime rivalità, sancivano patti. Qui io mi auguro che ci sia almeno una vera storia d’amore, che però è davvero un peccato coronare con un matrimonio trasmesso in mondovisione, quasi a reti unificate, perché l’amore si sancisce circondandosi degli affetti più cari e senza nessuno che guardi dal buco della serratura o dall’obiettivo di una telecamera. Questo lo scrivo per quelli che obietterebbero alle mie parole dicendo che ci vuole un po’ di romanticismo ogni tanto. Sì, davvero tutto romantico: lei, lui, le famiglie, centinaia di invitati mai visti prima, guardie del corpo, militari, spazio aereo bloccato, gadgets di tutti i tipi, giornalisti dovunque, quasi “due cuori e una capanna”! Gli adulti abbiamo delle responsabilità educative, gli insegnanti e i genitori ancora di più, e non possiamo accondiscendere a testa bassa ai giochi mediatici, poiché si tratta solo di un grande circo mediatico montato ad arte per vendere spazi pubblicitari e distogliere l’attenzione dai veri problemi. Perché non facciamo vedere a scuola qualche buona diretta dal fronte libico dove anche gli aerei inglesi continuano a sganciare bombe in nome di Sua Maestà? Perché non mostriamo come tanti volontari e missionari si impegnano tutti i giorni nel mondo per aiutare quanti il colonialismo inglese (e non solo naturalmente) ha affossato e continua ad affossare? Forse questi non sono fatti storici più importanti? Qualcuno dirà che è moralismo il mio; bene, meglio essere moralisti che banali! Meglio prendersela a cuore veramente per qualcosa di vero e essere tacciati di moralismo, che prendersela nel di dietro ed essere servi del potere economico e mediatico, nascondendosi dietro la storia, la cultura, la leggerezza. La scuola non deve fare gossip, la famiglia spesso viene fagocitata e distrutta dallo stile del pettegolezzo; forse questo ci può insegnare l’esperienza inglese dei genitori del principe, forse ciò avrebbe dovuto fare capire a questi due giovani sposi di trovare altre strade per coronare il proprio amore. Qualcuno ha parlato di “favola”, di un matrimonio da favola! Sicuramente con i soldi che si ritrovano, non certo sudati con il duro lavoro, possono permettersi tutto, ma andiamolo a raccontare a una coppia di miei carissimi amici, promessi sposi, che la casa se la sono ripulita e sistemata da soli, che non hanno un lavoro a tempo indeterminato, altro che favole e favole! La vita è un’altra cosa e la scuola non può raccontare favole, mistificare la realtà, bensì è chiamata a far leggere con cuore e intelligenza critica quanto accade anche quando questo è mediaticamente mostrato come la cosa più bella del mondo. Io, domani, gli unici “W.C” che vedrò saranno quelli della scuola qualora ne avessi bisogno, augurando a quelli della TV ogni felicità; per il resto “Dio salvi la scuola”! Marco Pappalardo

 






dello stesso autore




Postato il Giovedì, 28 aprile 2011 ore 21:55:10 CEST di Marco Pappalardo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Opinioni

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi