Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 469640923 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2018

Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore al 'De Nicola' di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
1026 letture

L’Istituto 'De Nicola' di San Giovanni La Punta si inserisce nel circuito nazionale della moda
di m-nicotra
698 letture

Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne: la funzione educativa della scuola
di m-nicotra
676 letture

Decreto semplificazione: l'aumento dei posti deve partire dalla preselettiva per non aumentare le già troppe iniquità
di m-nicotra
549 letture

Bocciato in Commissione Bilancio l’emendamento che prevede l’esonero per il 1° Collaboratore del DS nelle scuole in regime di reggenza
di m-nicotra
476 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


INVALSI: Prove Invalsi: Bozza di mozione per i Collegi Docenti obbligati alla somministrazione

Modulistica
I sottoscritti, docenti del Collegio Docenti dichiarano quanto segue:
- Si sta negando al Collegio Docenti  la possibilità di votare in merito all’adesione o meno alle Prove INVALSI, affermando che le prove sono “obbligatorie”, sulla base di una semplice circolare del 30/12/2010, che non può essere fonte legislativa, in quanto subordinata a norme superiori. E’ evidente la totale contraddizione con il decreto 275/99 (regolamento sull’autonomia scolastica), che indica precisi competenze al Collegio Docenti, tra cui modalità e criteri di valutazione.
- Si vuole imporre ai docenti di somministrare e correggere le prove INVALSI, sebbene nessuno di questi compiti sia previsto dal vigente contratto nazionale, né siano state previste forme di contrattazione d’istituto.                    
Qualora i docenti si rifiutino di collaborare, il Dirigente procederà con ordini di servizio, che prima devono essere eseguiti, poi eventualmente contestati nel merito.

Perché tutto questo? Quali sono le ragioni che ci fanno mettere in discussione il significato delle prove INVALSI?

IL PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DEL MERITO: Nell’ a.s. 2010-2011 il Ministero sta sperimentando un progetto di premialità del merito per le scuole di alcune province (Siracusa, Pisa, ecc.). Il progetto prevede un premio fino a 70.000€ al 15% delle scuole più “brave”. Tra i 3 indicatori che stileranno la classifica delle scuole, vi sono i test INVALSI. Il Ministero intende applicare questa metodologia sperimentale a tutte le scuole italiane, a partire dall’a.s.2011-2012. Vi è un nesso sostanziale tra prove INVALSI e premialità del merito.

QUALI SONO LE FINALITA’ DELLE PROVE INVALSI?: Le prove INVALSI vanno a valutare alcune competenze in Italiano e Matematica degli alunni. Ma l’uso che il Ministero ne trae è molto più ambiguo: si valutano gli alunni per valutare i docenti, il livello della scuola. Questo è un uso distorto, semplicistico e strumentale.

NON CI SOTTRAIAMO ALLA VALUTAZIONE: Come docenti, siamo totalmente disponibili a sviluppare forme di valutazione e di autovalutazione, personali e di istituto. Vogliamo però che gli strumenti siano seri e coerenti. Se si vogliono valutare i docenti, si valutino i docenti, non gli alunni. Se si vuole valutare una scuola, si valuti la scuola, non la sua utenza. Con che spirito le scuole accetteranno gli alunni più in difficoltà, sapendo che ne abbassano le “performance” misurate dal Ministero?

LA LOGICA DEL PREMIO: Negli ultimi 3 anni il Ministero ha tagliato più di 8 miliardi di euro alla scuola pubblica; ha bloccato per vari anni i contratti, gli stipendi e gli scatti di anzianità. Poi, con il 30% di questi risparmi, vuole premiare “il 15-25% più meritevole”. Non crediamo che questa sia una logica cooperativa ed umana. E’ una spinta competitiva che produrrà solo danni e impoverimento della scuola pubblica.

LE PROVE INVALSI SERVONO ALLE SCUOLE?: Le prove non sono state utilizzate in nessun modo come fonte di riflessione e di valutazione dell’operato didattico, né per potenziare le aree in cui sono state individuate delle carenze.

COSA MISURANO LE PROVE INVALSI? Una prestazione in Italiano e Matematica (tra l’altro non comparabili tra di loro). Le prove sono uguali per tutti, ed ogni anno sono diverse (quindi non si può parlare di test standardizzati). Non misurano un differenziale tra il livello di ingresso e quello di uscita (cosa che tutti i test scientifici fanno), ma semplicemente una prestazione, su alcuni ambiti. Questo è sufficiente per avere una valutazione complessa ed articolata dei docenti e della scuola?

L’ATTENDIBILITA’ DELLE PROVE: Da una parte si affida la costruzione delle prove ad un ente esterno alla scuola (INVALSI), dall’altra, per motivi di risparmio economico, si vuole obbligare alla somministrazione e alla correzione delle prove gli stessi docenti di classe. Chi può essere oggettivo e distaccato, quando in gioco c’è la premialità economica, ottenuta attraverso i risultati degli alunni?

LO SNATURAMENTO DELLA DIDATTICA: Il quadro di riferimento dell’INVALSI per la costruzione delle prove non è coerente con il curricolo della scuola. La modalità con test a risposta chiusa non è quella che normalmente si utilizza nella scuola. Per timore dei risultati, vi sono sempre più docenti che stanno allenando le classi alle prove, facendo acquistare alle famiglie dispense con le prove degli anni precedenti. Gli obiettivi didattici si stanno modificando verso il raggiungimento della prestazione nella prova INVALSI. In tutti i paesi in cui queste prove sono applicate ( Stati Uniti, Gran Bretagna, ecc.), questa modalità ha comportato un grave scadimento nella didattica, oltre che una classificazione sociale delle scuole e dei finanziamenti ad esse diretti.

IL QUESTIONARIO AGLI ALUNNI: Il questionario agli alunni cerca di ottenere informazioni sul contesto socio-culturale, scolastico e familiare dell’alunno/a (quanti libri hai in casa? abitualmente con chi vivi? Sono stato picchiato da altri bambini a scuola?, ecc.). Con quali finalità si chiedono dati e valutazioni personali molto delicati ad alunni di dieci anni, senza un consenso ed una conoscenza esplicita da parte delle famiglie? Per poter correlare meglio i risultati con lo status socio-economico o per quali altri motivi di ricerca?

LE CONCLUSIONI DELLE PROVE INVALSI 2010: Le conclusioni del rapporto delle prove 2010 sono di questo tipo: “I dati di ciascuna rilevazione segnalano come una costante del nostro Paese che le regioni del Nord

ottengono risultati in genere più elevati di quelli del Centro e del Sud. Queste differenze sono più o meno significative a seconda delle classi considerate”. “I risultati degli studenti immigrati, specialmente quelli di prima generazione, sono sempre più bassi di quelli degli italiani, ma sono anche molto uniformi sul territorio nazionale. Le piccole differenze osservate non sono in genere statisticamente significative”.

Che cosa vuol dire? Qual è l’obiettivo delle prove, quello di vedere qual è la distribuzione geografica dei risultati? O della qualità delle scuole? O del livello socio-economico delle famiglie? O dimostrare che gli alunni stranieri sono in maggiore difficoltà? Sono tutti dati che sapevamo anche senza spendere 8 milioni di Euro l’anno per l’INVALSI. Il problema è: cosa si fa per correggere tutto questo? Dopo l’analisi, ci sono le risorse per andare ad investire dove si fa più fatica? Oppure ci si accontenta di pensare che chi ha dei brutti risultati è perché non è capace o è una scansafatiche, quindi basta premiare i più bravi?

CONCLUSIONE: Come Docenti, perché ci dobbiamo sentire “obbligati” a somministrare e correggere prove che non condividiamo, che sentiamo estranee, la cui finalità non è chiara ed esplicita, il cui quadro normativo non è per nulla vincolante nei nostri confronti, ma ci vengono imposte? Solo perché ci viene detto fai ed ubbidisci? Se questo deve essere il paradigma di funzionamento della scuola Italiana attuale, ne prendiamo atto…

Sottoscrivono il documento i docenti….. (Notizie Web)

redazione@aetnanet.org





articoli correlati




Postato il Domenica, 27 febbraio 2011 ore 13:30:00 CET di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 6


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.36 Secondi